MOTOGP/ Gp Olanda, Warm Up: Rossi al comando, poi è solo pioggia

- La Redazione

Valentino Rossi primo nel warm up sul circuito di Assen in Olanda, prima che la pioggia rovinasse i piani dei piloti. Tempo piuttosto alto comunque quello del pilota pesarese

rossi_ducati_R400
Valentino Rossi (foto Ansa)

E’ stata la pioggia la protagonista del warm up del Gran Premio d’Olanda, sul circuito di Assen, nella classe MotoGP. Una pioggia leggera ma sufficiente per sconvolgere i progetti dei piloti e delle scuderie. Molto poco indicativi i tempi dei piloti, che ne hanno approfittato, se non altro, per provare le moto in configurazione da bagnato, nel caso in cui le condizioni meteo continuassero a creare problemi. Tempi alti per tutti, quindi, e pochi i giri percorsi con i pneumatici del tipo slick. Da registrare la prima posizione per Valentino Rossi, anche se con un tempo molto alto (1’41’’362) rispetto a quelli delle prove di ieri. Dunque, sorriso solo a metà per il pilota pesarese, che dovrà ancora sudare molto con la sua Ducati per essere al livello dei migliori. Un primato, del resto, ottenuto in maniera singolare; la pioggia ha infatti condizionato molto il poco tempo a disposizione per la corsa ed alla fine il ducatista è stato tra i pochi ad uscire prima che la pioggia scendesse. Alle spalle di Rossi troviamo Jorge Lorenzo, con un tempo di 1’45’’622, a oltre 4 secondi dalla vetta, e Ben Spies, staccato di più di 8 secondi, che ha girato in 1’49’’675. Quarta piazza per il compagno di scuderia di ‘Valerossi’, vale a dire l’americano Nicky Hayden. Dietro di lui Andrea Dovizioso e Hiroshi Aoyama del Repsol Honda Team. Il giapponese ha preso il posto dell’indisponibile Dani Pedrosa. A seguire un trio tutto spagnolo composto da Toni Elias, Hector Barbera e Alvaro Bautista. Decimo posto pr il debuttante su Honda Gresini Kousuke Akiyoshi. Solo tredicesimo Marco Simoncelli, ieri in pole position, quattordicesimo Casey Stoner, colui che ha vinto gli ultimi tre gran premi. Simoncelli e Stoner, va detto, hanno provato solamente nel finale, percorrendo pochissimi giri, giusto per testare le moto sul bagnato. Si attende ora la gara ufficiale, che prenderà il via alle ore 15. Ci si attende una corsa ben più emozionante, visto che questo warm up, come detto, non ha fornito chiare indicazioni. Non ci sarà al via Loris Capirossi, che è acciaccato dopo la caduta che lo ha visto vittima ieri. Il bolognese della scuderia Pramac ha riportato la lussazione della spalla e la frattura della cartilagine delle costole. Ancora incerti i tempi di recupero ma è probabile che Capirossi tenti il tutto per tutto per rientrare già nel prossimo Gran Premio, che si terrà al Mugello. Praticamente in casa.

1 – Valentino Rossi – Ducati – Ducati Team – 1:41.362

2 – Jorge Lorenzo – Yamaha – Yamaha Factory Racing – 1:45. 622 (distacco 4.260)

3 – Ben Spies – Yamaha – Yamaha Factory Racing – 1:49.675 (8.313)

4 – Nicky Hayden – Ducati – Ducati Team – 1.50.011 (8.649)

5 – Andrea Dovizioso – Honda – Repsol Honda Team – 1:50.154 (8.792)

6 – Hiroshi Aoyama – Honda – Repsol Honda Team – 1:50.321 (8.959)

7 – Toni Elias – Honda – Lcr Honda Motogp – 1:50.582 (9.220)

8 – Hector Barbera – Ducati – Mapfre Aspar Team Motogp – 1:53.097 (11.735)

9 – Alvaro Bautista – Suzuki – Rizla Suzuki Motogp – 1:53.998 (12.636)

10 – Kousuke Akiyoshi – Honda – San Carlo Honda Gresini – 1:54.668 (13.306)

11 – Karel Abraham – Ducati – Cardion Ab Motoracing -2:12.717 (31.355)

12 – Cal Crutchlow – Yamaha – Monster Yamaha Tech 3 -2:21.243 (39.881)

13 – Marco Simoncelli – Honda – San Carlo Honda Gresini -3:53.655 (2:12.293)

14 – Casey Stoner – Honda – Repsol Honda Team – 10:58.324 (9:16.962)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori