DIRETTA LIVE/ MotoGp, il Gran Premio di Malesia 2012 a Sepang: la gara in temporeale

- La Redazione

Questa mattina va in scena la gara del Gran Premio della Malesia di MotoGp a Sepang, con Lorenzo in pole position davanti a Pedrosa e a Dovizioso. Segui e commenta in diretta la gara

lorenzo_silverstoneR400
Jorge Lorenzo (Infophoto)

Si corre oggi alle 10.00 ore italiane il Gran Premio della Malesia di MotoGp, 16esima e terzultima prova del mondiale 2012. Si corre sul circuito di Sepang, uno dei più apprezzati della nuova generazione di circuiti, grazie alla sua conformazione e anche alla sede stradale molto ampia. Sarà l’ennesima occasione per un duello tra Jorge Lorenzo e Daniel Pedrosa, anche se ci auguriamo che si possa inserire anche Andrea Dovizioso – che parte davanti con loro – e chissà cosa potrà fare il convalescente Casey Stoner, che scatta dalla quarta posizione. Difficile invece sognare una grande gara per Valentino Rossi, pessimo undicesimo in prova. Gareggiare alle 10.00 ora italiana significa però che in Malesia saranno le 16: esigenze televisive per non trasmettere troppo presto la gara in Europa, ma con l’effetto di mandare in onda la gara proprio all’ora in cui in Malesia si verificano più di frequente gli acquazzoni tropicali. Questa variabile potrebbe ovviamente sconvolgere la gara, e questo si augura Pedrosa, che deve inventarsi qualcosa per ridurre drasticamente i 28 punti di ritardo. Sarà poi inevitabile un ricordo commosso di Marco Simoncelli, che morì l’anno scorso proprio qui, a seguito di un incidente al secondo giro della gara.

Ieri, dopo le qualifiche, questi sono stati i commenti dei principali piloti. Jorge Lorenzo è giustamente euforico dopo aver centrato la pole position al termine di una grande battaglia con il suo rivale Pedrosa (clicca qui per leggere la cronaca delle qualifiche e la griglia di partenza). Il leader della classifica iridata è comunque consapevole del fatto che in gara sarà grande battaglia: “Sarà molto difficile migliorare il T4, che è molto favorevole alla Honda e a Dani. La gomma posteriore scivolava tanto e abbiamo avuto anche del chattering. Per fortuna con la gomma da qualifica è andata meglio, ho spinto tanto e sono riuscito a fare un bel giro”. Daniel Pedrosa invece analizza così le qualifiche: “E’ stato difficile perché ho avuto tanto chattering ed è difficile guidare così. In ogni curva ho avuto vibrazioni sia davanti, sia dietro ed è stato difficile fare un giro perfetto. Però sono secondo e la prima fila è sempre importante. Speriamo di riuscire a fare meglio in gara ed eliminare il chattering”. Di certo invece è molto soddisfatto Andrea Dovizioso, che parte dalla prima fila al fianco dei due campioni: “Siamo competitivi. Abbiamo lavorato bene turno dopo turno, soprattutto per trovare il passo giusto. Alla fine sono anche riuscito a fare una buona qualifica, cosa che non mi capita sempre facilmente. Quando ti trovi tanto bene con la moto vai sempre forte. Comunque è sempre bello girare qua con la MotoGP, a parte l’umidità”. Ben diverso l’umore di Valentino Rossi, in quarta fila: “Con la gomma morbida vengono accentuati i problemi, sottosterzo e chattering in ingresso curva su tutti. Ho fatto qualche giro buono con la gomma dura dietro che non era male. In quel momento qualche modifica sembrava lavorar bene ed eravamo ottimisti di migliorarci con la gomma morbida. Purtroppo appena l’abbiamo montata non c’è stato verso. Anche con la seconda gomma morbida non siamo andati bene, anzi, ha peggiorato i nostri problemi. Per la gara sarà difficile scegliere la gomma giusta. Siamo tutti molto indecisi perchè con la morbida la seconda parte di gara rischia di essere un disastro, mentre con la dura non sappiamo il suo comportamento dopo i primi giri. C’è poi l’incognita della pioggia: qui piove tutti i giorni, bisogna vedere quando…”. Comunque è tutto apparecchiato per un grande spettacolo, e ci auguriamo che quanto visto in qualifica sia stato solo un antipasto: il Gran Premio della Malesia 2012 della MotoGp a Sepang sta per cominciare…

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori