MOTOGP/ Gran Premio d’Australia 2012: cronaca, ordine di arrivo a Phillip Island e classifica piloti. Lorenzo è campione del mondo

- La Redazione

Jorge Lorenzo si laurea campione del mondo 2012 della Classe MotoGp al termine del Gran Premio d’Australia vinto da Casey Stoner su Honda. La cronaca della gara odierna

lorenzo_titolo_r439
Foto: InfoPhoto

Jorge Lorenzo si laurea campione del mondo 2012 della Classe MotoGp al termine del Gran Premio d’Australia vinto da Casey Stoner su Honda. Lo spagnolo della Yamaha taglia il traguardo in seconda posizione, facendo salire il vantaggio su Dani Pedrosa (Repsol Honda) a 43 punti quando si deve correre solamente il Gran premio di Valencia. Solo settimo invece Valentino Rossi su Ducati. Con questo risultato ottenuto sul circuito di Phillip Island, Jorge Lorenzo, classe 1987, conquista il suo quarto titolo iridato. Il pilota maiorchino aggiunge dunque questa nuova vittoria agli altri due titoli mondiali ottenuti nella classe 250 (nel 2006 e nel 2007) e all’altro nella classe MotoGP del 2010. Un campionato che rasenta la perfezione, fatta eccezione per il finale quando Dani Pedrosa è stato capace di ottenere 5 vittorie nelle ultime sei gare. Ma andiamo a vedere che cosa è successo oggi in Australia, la pista dove Casey Stoner si conferma di un altro pianeta: si spengono i semafori ed è proprio Lorenzo a sorprendere tutti in partenza portandosi in testa al gruppo alla prima curva, seguito da Pedrosa e Stoner. Lo spagnolo di Repsol Honda riesce però in un paio di curve a portarsi davanti al pilota della Yamaha, imitato poco dopo da Casey Stoner che come un missile esce dall’ultima curva portandosi accanto a Jorge Lorenzo sul dritto e superandolo nella seconda curva. Dopo un giro e mezzo ecco che si decide la gara: in entrata di curva Dani Pedrosa scivola e regala di fatto il titolo a Lorenzo che, ovviamente, non deve far altro che gestire in tranquillità la gara. Lo spagnolo resta dietro a Stoner che intanto scompare all’orizzonte fino al definitivo passaggio sotto la bandiera a scacchi. Sale sul podio anche Cal Crutchlow che, come Lorenzo, procede solitario per l’intera gara in terza posizione dietro al maiorchino della Yamaha. Tra gli italiani bene Andrea Dovizioso che all’ arrivo  la spunta su Bautista e Bradl approfittando della scia, mentre Valentino Rossi ottiene un nuovo settimo posto che lo tiene ancora lontano dai protagonisti del mondiale. Gara eccezionale invece per Casey Stoner che, in attesa di Valencia, ottiene sulla sua pista la vittoria perfetta con cui dare il definitivo addio ala Moto Gp. Con la vittoria ottenuta oggi, Jorge Lorenzo si porta dunque a 43 lunghezze da Pedrosa: a una sola gara dalla fine, infatti, lo spagnolo della Yamaha conduce la classifica a quota 350 punti, seguito dal pilota della Honda a 307. “E’ un momento molto felice per me”, ha detto il maiorchino. “Pedrosa stava spingendo molto ed è caduto, io a quel punto dovevo solo finire la gara dietro Stoner”. Terzo posto (a 238 punti) proprio per Casey Stoner, che paga il brutto infortunio che lo ha costretto lontano dalle piste per qualche settimana, seguito dalla Monster Yamaha Tech 3 di Andrea Dovizioso a quota 208. Alvaro Bautista è attualmente quinto a 165 punti, mentre è solo sesto la Ducati di Valentino Rossi a 157 punti che l’anno prossimo tornerà a bordo della Yamaha. Chiudono la top ten della classifica  Cal Crutchlow a 151 punti, Stefan Bradl a 135 e Nicky Hayden a 122. Ha recentemente commentato la gara proprio Valentino Rossi, secondo cui “per quanto riguarda il risultato, il settimo posto penso fosse il massimo che si poteva fare, mentre come distacco sarebbe potuta andare meglio. Nicky è stato con me tutta la gara, io sono stato davanti, ho spinto, ma non sono mai riuscito a staccarlo. Sulla moto con cui sono caduto nel warm-up avevamo delle piccole modifiche da provare ma, onestamente, non credo che sarei riuscito a fare tanto di più”. Il problema, dice Rossi, è che “non riesco ad entrare forte nelle curve perché appena tento di farlo vado troppo largo. Quindi devo staccare prima, cercare di tenere un po’ di margine e accelerare il prima possibile ma così, aprendo il gas molto presto, da piegato, la gomma si scalda moltissimo sul margine e anche oggi ha cominciato a scivolare subito troppo. Complimenti a Marquez e Lorenzo per il titolo, una vittoria che sicuramente hanno meritato entrambi”

Pos. Points Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time/Gap
1 25 1 Casey STONER AUS Repsol Honda Team Honda 175.7 41’01.324
2 20 99 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing Yamaha 175.0 +9.223
3 16 35 Cal CRUTCHLOW GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 174.6 +14.570
4 13 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 174.0 +23.303
5 11 19 Alvaro BAUTISTA SPA San Carlo Honda Gresini Honda 174.0 +23.432
6 10 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 174.0 +23.467
7 9 46 Valentino ROSSI ITA Ducati Team Ducati 173.0 +37.113
8 8 69 Nicky HAYDEN USA Ducati Team Ducati 173.0 +38.387
9 7 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Ducati 172.0 +52.613
10 6 41 Aleix ESPARGARO SPA Power Electronics Aspar ART 171.5 +1’00.299
11 5 14 Randy DE PUNIET FRA Power Electronics Aspar ART 171.5 +1’00.342
12 4 8 Hector BARBERA SPA Pramac Racing Team Ducati 170.0 +1’21.951
13 3 9 Danilo PETRUCCI ITA Came IodaRacing Project Ioda-Suter 169.6 +1’27.857
14 2 51 Michele PIRRO ITA San Carlo Honda Gresini FTR 168.3 1 Lap
15 1 22 Ivan SILVA SPA Avintia Blusens BQR 166.8 1 Lap
Not Classified
    84 Roberto ROLFO ITA Speed Master ART 168.2 9 Laps
    5 Colin EDWARDS USA NGM Mobile Forward Racing Suter 163.7 21 Laps
    77 James ELLISON GBR Paul Bird Motorsport ART 167.2 22 Laps
    26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 164.9 26 Laps
Pos. Rider Bike Nation Points
1 Jorge LORENZO Yamaha SPA 350
2 Dani PEDROSA Honda SPA 307
3 Casey STONER Honda AUS 238
4 Andrea DOVIZIOSO Yamaha ITA 208
5 Alvaro BAUTISTA Honda SPA 165
6 Valentino ROSSI Ducati ITA 157
7 Cal CRUTCHLOW Yamaha GBR 151
8 Stefan BRADL Honda GER 135
9 Nicky HAYDEN Ducati USA 122
10 Ben SPIES Yamaha USA 88
11 Hector BARBERA Ducati SPA 83
12 Aleix ESPARGARO ART SPA 69
13 Randy DE PUNIET ART FRA 58
14 Karel ABRAHAM Ducati CZE 50
15 Michele PIRRO FTR ITA 32
16 James ELLISON ART GBR 28
17 Yonny HERNANDEZ BQR COL 28
18 Colin EDWARDS Suter USA 25
19 Danilo PETRUCCI Ioda-Suter ITA 19
20 Jonathan REA Honda GBR 17
21 Mattia PASINI ART ITA 13
22 Ivan SILVA BQR SPA 12
23 Toni ELIAS Ducati SPA 10
24 Katsuyuki NAKASUGA Yamaha JPN 7
25 Steve RAPP APR USA 2
26 David SALOM BQR SPA 1


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori