DIRETTA LIVE/ MotoGp, prove libere 1 (FP1) del Gran Premio di Valencia 2012: le prove in temporeale

- La Redazione

Stamattina comincia il Gran Premio della Comunità Valenciana della MotoGp, ultimo appuntamento del Mondiale 2012: segui e commenta in diretta la prima sessione di prove libere FP1

pedrosa_lorenzo
Motogp (Infophoto)

Questo week-end torna in scena la MotoGp, che propone il diciottesimo e ultimo Gran Premio stagionale, quello della Comunità Valenciana, quarto appuntamento dell’anno in Spagna dopo Jerez, Barcellona e Aragona, che comincia questa mattina con la prima sessione di prove libere FP1 sul circuito “Ricardo Tormo” (intitolato al pilota due volte campione del Mondo della Classe 50, morto nel 1998 per leucemia), che sorge a Cheste, località dei dintorni di Valencia. I titoli iridati sono già stati assegnati a Jorge Lorenzo in MotoGp, Marc Marquez in Moto2 e Sandro Cortese in Moto3, quindi questa gara sarà soprattutto una festa, per loro ma anche per tutti i protagonisti del Motomondiale, con una menzione speciale per Casey Stoner, che è giunto all’ultima gara della sua breve ma intensa carriera. Di certo non mancherà la passione del pubblico spagnolo, che vorrà celebrare nel modo migliore il dominio della Spagna nel motociclismo, che è sempre più totale. Occhi puntati dunque sulla MotoGp, gara in cui si potrebbe assistere all’ultima sfida stagionale tra Lorenzo e il suo grande rivale Dani Pedrosa. Il tracciato piace di più al pilota della Honda, che vi ha vinto per ben cinque volte, contro l’unico successo dell’uomo Yamaha. Questa gara è entrata in calendario nel 1999, e dal 2001 è la gara finale del campionato. La caratteristica saliente del circuito è quella di essere uno “stadio per i motori”: infatti, è l’unico che permette di vedere tutta la pista da ogni tribuna. Certo, per fare ciò la pista deve essere corta (4005 metri), e non è nemmeno tra le più valide tecnicamente parlando. Un lungo rettilineo, e poi una serie di curve in successione, strette e unite da brevi rettilinei, dove non si raggiungono alte velocità. E’ una pista piccola per la MotoGP, e per questo difficile e insidiosa.

Le parole di Valentino Rossi, nel tradizionale comunicato della Ducati che precede ogni gara, descrivono bene come è la pista spagnola: “Valencia decisamente non è una delle mie piste preferite, a parte il fatto che si corre in Spagna, dove c’è sempre una grande atmosfera. È una pista piccola per la MotoGP e per questo difficile, insidiosa. Ci sono un sacco di curve a sinistra e io di solito preferisco quelle a destra. Comunque vedremo, l’asfalto è stato rifatto e questo dovrebbe aver migliorato il grip. Sarà un fine settimana particolare, impegnativo sotto diversi punti di vista, ma faremo del nostro meglio”. Valencia costituirà anche l’ultimo capitolo della storia che ha unito per due anni Rossi e la Ducati, con risultati francamente deludenti: il ritorno di Valentino in Yamaha per la prossima stagione sancisce il fallimento del binomio tutto italiano. Il team manager della Ducati Vittoriano Guareschi ha voluto presentare così quella che sarà comunque una gara da ricordare, l’ultima del pilota di Tavullia sulla moto di Borgo Panigale: “È l’ultima gara e Valentino ha la possibilità di raggiungere il quinto posto finale. Faremo il nostro massimo per metterlo in condizione di ottenerlo. È importante che anche Nicky finisca bene il campionato perché, a parte la gara malese sull’acqua, ha vissuto un finale di stagione un po’ sfortunato. L’anno scorso sia lui sia Vale sono stati coinvolti in un incidente alla prima curva ma avevano fatto delle belle qualifiche e avevano la possibilità di fare una buona gara. Vedremo se i dati e le informazioni che abbiamo dall’anno scorso saranno valide anche adesso con l’asfalto nuovo”. Ma ora è giunto il momento di andare in pista, per iniziare a capire un po’ meglio cosa potrà succedere da qui a domenica: la prima sessione di prove libere (FP1) del Gran Premio della  della MotoGp ad Aragon sta per cominciare…

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori