MOTO GP/ La griglia di partenza del Gran Premio di Spagna 2012 (Jerez) dopo le qualifiche

- La Redazione

A Jerez si sono disputate sull’asciutto le qualifiche del Gran Premio di Spagna della MotoGp: Lorenzo in pole davanti a Pedrosa ed Hayden, male Stoner, affonda Rossi. La cronaca e i tempi.

lorenzo_r400
Jorge Lorenzo (Infophoto)

A Jerez de la Frontera torna l’asciutto per le qualifiche del Gran Premio di Spagna della MotoGp: festeggiano i padroni di casa Jorge Lorenzo e Daniel Pedrosa, affonda Valentino Rossi, che ottiene un tredicesimo tempo tanto più imbarazzante se si considera che Nicky Hayden ha chiuso in terza posizione. La pole position è di Jorge Lorenzo: il maiorchino della Yamaha ha chiuso il proprio miglior giro facendo fermare i cronometri sul tempo di 1’39″532 (sui livelli normali con la pista asciutta, circa 10 secondi meglio rispetto a ieri) e precedendo Daniel Pedrosa di 135/1000 e Nicky Hayden, con la Ducati, di 1″031.

Bellissimo il testa a testa fra i due piloti spagnoli, che hanno dominato l’intera sessione delle qualifiche accendendo l’entusiasmo dei tifosi presenti sulla pista andalusa e candidandosi a grandi favoriti per la gara. Grande gioia ovviamente per il pilota della Yamaha, ma anche il connazionale della Honda Hrc può essere soddisfatto per la prestazione e per il distacco inflitto al compagno di squadra e campione del Mondo Casey Stoner, che ha chiuso al quinto posto (che già per lui non è una cosa normale) e staccato di 1”045 da Lorenzo e quasi un secondo da Pedrosa. Certo, l’australiano è anche stato sfortunato perché ha chiuso a 14 millesimi da Hayden e a 7 da Crutchlow, quarto, ma non c’è dubbio che uno dei grandi sconfitti di giornata sia lui, che non sembra in grado di poter contrastare domani Lorenzo e Pedrosa. L’altro grande deluso è Valentino Rossi: dopo le buone prestazioni sull’umido, Vale è scivolato addirittura in tredicesima posizione, e stavolta non regge nemmeno l’alibi della moto, perché appunto Hayden è terzo. Il distacco è a dir poco umiliante: 3”4 da Lorenzo e 2”4 da Hayden. Inaccettabile. Discreto settimo posto per Andrea Dovizioso, anche se è il peggiore dei piloti Yamaha subito dietro a un opaco Spies (sesto a un secondo e mezzo dal compagno di squadra). Gli altri italiani: Pirro 15esimo a 3”8, Pasini 16esimo a 4”7 e Petrucci 18esimo a 5”1. Distacchi enormi, come capita in questa stagione “ibrida” con le classiche 1000 e le Crt. 

Dopo tre sessioni di libere sul bagnato, le qualifiche si sono disputate prevalentemente sull’asciutto, con molti problemi per gli assetti da rivedere, i parametri tecnici stravolti e le incognite legate al rendimento delle gomme (come capiterà domani). Cal Crutchlow ne aveva approfittato, portandosi al comando prima che una leggere pioggerella cominciasse a cadere sulla pista. Ma il vento ha spazzato i nuvoloni, l’asfalto si è asciugato subito e dunque si è scatenata la battaglia per la pole, con tempi sbriciolati di passaggio in passaggio e i veri valori ristabiliti. La scena se la sono presa Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa. Alla fine l’ha spuntata il leader del mondiale.  Da ricordare Stoner quasi disarcionato dalla sua Honda alla prima curva, alla pari di Rossi; una  scivolata senza conseguenze per Michele Pirro, high side per Edwards e la caduta di Crutchlow. Il meteo è incerto: la gara si annuncia spettacolare e ricca di insidie.

1 99 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing Yamaha 282.1 1’39.532  
2 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 283.5 1’39.667 0.135 / 0.135
3 69 Nicky HAYDEN USA Ducati Team Ducati 282.3 1’40.563 1.031 / 0.896
4 35 Cal CRUTCHLOW GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 281.7 1’40.570 1.038 / 0.007
5 1 Casey STONER AUS Repsol Honda Team Honda 285.9 1’40.577 1.045 / 0.007
6 11 Ben SPIES USA Yamaha Factory Racing Yamaha 280.9 1’41.090 1.558 / 0.513
7 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 284.0 1’41.180 1.648 / 0.090
8 19 Alvaro BAUTISTA SPA San Carlo Honda Gresini Honda 286.9 1’41.447 1.915 / 0.267
9 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 287.3 1’41.550 2.018 / 0.103
10 14 Randy DE PUNIET FRA Power Electronics Aspar ART 265.6 1’41.700 2.168 / 0.150
11 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Ducati 284.2 1’41.724 2.192 / 0.024
12 8 Hector BARBERA SPA Pramac Racing Team Ducati 288.8 1’41.871 2.339 / 0.147
13 46 Valentino ROSSI ITA Ducati Team Ducati 282.3 1’42.961 3.429 / 1.090
14 41 Aleix ESPARGARO SPA Power Electronics Aspar ART 267.7 1’43.135 3.603 / 0.174
15 51 Michele PIRRO ITA San Carlo Honda Gresini FTR 268.2 1’43.363 3.831 / 0.228
16 54 Mattia PASINI ITA Speed Master ART 266.5 1’44.308 4.776 / 0.945
17 68 Yonny HERNANDEZ COL Avintia Blusens BQR 269.5 1’44.467 4.935 / 0.159
18 9 Danilo PETRUCCI ITA Came IodaRacing Project Ioda 257.4 1’44.645 5.113 / 0.178
19 22 Ivan SILVA SPA Avintia Blusens BQR 261.4 1’44.717 5.185 / 0.072
20 77 James ELLISON GBR Paul Bird Motorsport ART 264.8 1’45.724 6.192 / 1.007
21 5 Colin EDWARDS USA NGM Mobile Forward Racing Suter 264.5 1’46.200 6.668 / 0.476


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori