MOTOGP/ La griglia di partenza del Gran Premio del Qatar 2012 (Losail) dopo le qualifiche

- La Redazione

Qualifiche ufficiali del primo Gran Premio stagionale, in programma in Qatar: pole position per Lorenzo e la sua Yamaha che precede Stoner e Crutchlow. Valentino Rossi è solo ottavo.

lorenzo_r400
Jorge Lorenzo (Infophoto)

E’ Casey Stoner a far registrare la prima pole position stagionale: sarà lui, con la sua Yamaha, a scattare davanti a tutti nel Gran Premio del Qatar di domani (ore 21 italiane). Lo spagnolo dunque si porta in testa proprio nel momento in cui contava di più, scavalcando Casey che aveva guidato nelle prime due sessioni. Al terzo posto si piazza a sorpresa Cal Crutchlow (Monster Yamaha) che però era statto brillante anche nel corso dei test di Jerez; solo dodicesimo Rossi, che ha piazzato subito il tempo e poi non si è più migliorato. L’altra Ducati di Hayden si piazza al quinto posto dietro a Ben Spies, che ha subito anche una caduta spettacolare, fortunatamente senza conseguenze. Si confermano quindi le indiscrezioni della vigilia, con Lorenzo e Stoner che molto probabilmente si daranno battaglia per il titolo mondiale; Rossi aveva detto che i problemi alla moto non erano risolti e quindi ci aspettavamo una difficoltà, forse però non di queste proporzioni; chi resta indietro è Dani Pedrosa, soltanto settimo.

Casey Stoner, dopo i test di Jerez, aveva detto di malsopportare le prove, di aver voglia di scendere in pista e confrontarsi subito con le gare e i punti: ora forse dovrà rivedere la propria posizione, visto che il primo duello stagionale se lo è aggiudicato il suo rivale Lorenzo, che è solo uno dei quattro piloti M1 nelle prime due file. Gli altri sono Crutchlow, Spies e Dovizioso, rispettivamente terzo, quarto e sesto; e adesso Stoner deve anche preoccuparsi per una moto che sembra aver fatto dei passi indietro invece di migliorare. Il tempo con cui Lorenzo conquista la pole position è 1’54.634, due decimi, qualcosa in più, di quanto fatto registrare da Stoner. Ad aprire la terza fila invece Dani Pedrosa, distante 1 secondo e tre decimi dal connazionale e apparso in difficoltà, soprattutto nel primo e terzo settore della pista, dove ha fatto registrare il decimo e undicesimo tempo. Lorenzo ha patito solo nel terzo settore, dovre Stoner è riuscito a fare meglio di lui; negli altri tre segmenti della pista, invece, sempre davanti. Male, ancora una volta, Rossi: partirà dalla quarta fila, con il dodicesimo tempo (1’56.813) a più di due secondi da Lorenzo: il Dottore aveva detto che il margine c’era e che non si sarebbe certo ridotto d’incanto: qui invece si è addirittura allargato, e la cosa che deve preoccupare di più i tifosi della Ducati e del nove volte campione del mondo è che Rossi il suo tempo migliore lo ha fatto registrare al quarto giro, poi non è più riuscito a migliorarsi pur girando per altre 18 tornate. Segnali che certo non fanno ben sperare, eppure Hayden, suo compagno di scuderia, si è piazzato quinto, con un secondo di ritardo da Lorenzo, margine sempre importante ma certo non disastroso come quello di Valentino, che è andato in difficoltà in tutti e quattro i settori del circuito, non riuscendo mai ad elevarsi più su del decimo tempo sul singolo segmento. Da segnalare inoltre il campione di Moto2 Bradl, che alle prime qualifiche ufficiali in Moto Gp fa registrare il nono tempo: scatterà proprio davanti a Valentino Rossi. Chiudiamo con alcune cifre: il giro record della pista in gara lo ha fatto registrare Stoner nel 2008, con 1’55.153; il record assoluto è delle qualifiche dello scorso anno, e fu ancora Lorenzo all’epoca a prendersi la pole position con il tempo di 1’53.927. Nella prossima pagina la griglia di partenza del Gran Premio del Qatar, primo stagionale.

Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 99 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing Yamaha 327.1 1’54.634  
2 1 Casey STONER AUS Repsol Honda Team Honda 331.9 1’54.855 0.221 / 0.221
3 35 Cal CRUTCHLOW GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 328.0 1’55.022 0.388 / 0.167
4 11 Ben SPIES USA Yamaha Factory Racing Yamaha 326.1 1’55.512 0.878 / 0.490
5 69 Nicky HAYDEN USA Ducati Team Ducati 334.2 1’55.637 1.003 / 0.125
6 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 328.9 1’55.858 1.224 / 0.221
7 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 330.8 1’55.905 1.271 / 0.047
8 8 Hector BARBERA SPA Pramac Racing Team Ducati 337.1 1’55.983 1.349 / 0.078
9 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 334.0 1’56.063 1.429 / 0.080
10 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Ducati 333.5 1’56.198 1.564 / 0.135
11 19 Alvaro BAUTISTA SPA San Carlo Honda Gresini Honda 334.3 1’56.521 1.887 / 0.323
12 46 Valentino ROSSI ITA Ducati Team Ducati 338.1 1’56.813 2.179 / 0.292
13 5 Colin EDWARDS USA NGM Mobile Forward Racing Suter 314.8 1’57.644 3.010 / 0.831
14 14 Randy DE PUNIET FRA Power Electronics Aspar ART 309.6 1’58.266 3.632 / 0.622
15 41 Aleix ESPARGARO SPA Power Electronics Aspar ART 312.1 1’58.520 3.886 / 0.254
16 68 Yonny HERNANDEZ COL Avintia Blusens BQR-FTR 303.6 1’58.795 4.161 / 0.275
17 51 Michele PIRRO ITA San Carlo Honda Gresini FTR 311.1 1’59.085 4.451 / 0.290
18 54 Mattia PASINI ITA Speed Master ART 311.5 1’59.195 4.561 / 0.110
19 9 Danilo PETRUCCI ITA Came IodaRacing Project Ioda 296.8 1’59.664 5.030 / 0.469
20 22 Ivan SILVA SPA Avintia Blusens BQR-FTR 306.1 2’00.493 5.859 / 0.829
21 77 James ELLISON GBR Paul Bird Motorsport ART 309.9 2’00.757 6.123 / 0.264


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori