MOTOGP/ Gran Premio di Germania 2012 al Sachsenring, prove libere 2 (FP2): cronaca, tempi e risultati. Primo Pedrosa

- La Redazione

Terminate le prove libere 2 del Gran Premio di Germania del MotoGP. Al Sachsenring, come questa mattina Dani Pedrosa si conferma padrone di una pista sulla quale ha già vinto tre volte.

Bradl_secondo_Germania
Stefan Bradl, tedesco della LCR (Infophoto)

Si sono concluse anche le prove libere 2 (FP2) del Gran Premio di Germania del MotoGP. Sul circuito del Sachsenring vengono più o meno confermato quelli che erano i valori riscontrati nelle sessioni del mattino: Dani Pedrosa fa vedere ancora una volta che il re di questa pista è lui (ha vinto tre volte) e mette la sua Honda HRC davanti a tutti. Lorenzo e Stoner provano a difendersi ma alla fine devono capitolare. La pioggia rovina un po’ i piani di ricerca del passo gara: occasione però per provare assetti e gomme da bagnato. Fantastico il secondo posto che Bradl acciuffa nel finale, e anche le Ducati trovano motivo per sorridere. La precisazione pur se scontata va fatta: i tempi sono indicativi, al di là delle condizioni atmosferiche quello che conta davvero sarà il pomeriggio di domani, con le qualifiche ufficiali che definiranno le posizioni sulla griglia di partenza.

Si comincia con la sorpresa: se al mattino c’era stato il sole, il pomeriggio scopre una pioggia torrenziale. Ci mettono un po’ i piloti a entrare in pista, quando lo fanno è Valentino Rossi a dimostrare che la pista bagnata è il suo regno. La Ducati diventa improvvisamente competitiva, il Dottore piazza il tempo migliore ma sorprendentemente anche la clienti di Barbera segue a ruota e addirittura lo passa. Stoner resta ai box: non rischia l’uscita con queste condizioni. Poi smette di piovere, la pista inizia ad ascuigarsi e i tempi migliorano: comincia la girandola di piloti al comando. Prima Pedrosa si piazza davanti a tutti e si migliora, poi arriva Lorenzo e lo passa, poi nuovamente Pedrosa fa la voce grossa. Valentino Rossi scivola indietro perchè era ai box mentre la pista migliorava, ma rientra e si inserisce nella lotta per i primi cinque-sei posti. Irrompe anche Stoner: a sorpresa, l’australiano fa il giro più veloce. Poi, però, Pedrosa si riprende il comando con autorità, e a sorpresa Bradl si mette tra lui e Lorenzo. Pedrosa chiude in 1.32.228, quasi dieci secondi più lento del mattino, ovviamente vista la pista bagnata. Bradley e Lorenzo restano sotto il decimo di ritardo, Stoner alla fine chiude quarto e Valentino Rossi con un ultimo giro importante si mette al quinto posto, staccato di tre decimi: risultato soddisfacente per il Dottore, che rimane davanti a Nicky Hayden (sesto, a quasi un secondo da Valentino) ma ancora una volta dovrà sperare nella pioggia per rimanere competitivo. Mattia Pasini chiude 14esimo, 17esimo Petrucci che mette in riga Pirro e Battaini. 

Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 272.1 1’32.228  
2 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 268.1 1’32.304 0.076 / 0.076
3 99 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing Yamaha 275.4 1’32.327 0.099 / 0.023
4 1 Casey STONER AUS Repsol Honda Team Honda 267.2 1’32.408 0.180 / 0.081
5 46 Valentino ROSSI ITA Ducati Team Ducati 273.1 1’32.532 0.304 / 0.124
6 69 Nicky HAYDEN USA Ducati Team Ducati 272.7 1’32.657 0.429 / 0.125
7 35 Cal CRUTCHLOW GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 273.2 1’32.744 0.516 / 0.087
8 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 275.9 1’32.817 0.589 / 0.073
9 11 Ben SPIES USA Yamaha Factory Racing Yamaha 272.2 1’33.107 0.879 / 0.290
10 8 Hector BARBERA SPA Pramac Racing Team Ducati 272.9 1’33.147 0.919 / 0.040
11 19 Alvaro BAUTISTA SPA San Carlo Honda Gresini Honda 267.9 1’33.227 0.999 / 0.080
12 77 James ELLISON GBR Paul Bird Motorsport ART 249.2 1’34.894 2.666 / 1.667
13 41 Aleix ESPARGARO SPA Power Electronics Aspar ART 261.1 1’34.910 2.682 / 0.016
14 54 Mattia PASINI ITA Speed Master ART 251.4 1’34.946 2.718 / 0.036
15 68 Yonny HERNANDEZ COL Avintia Blusens BQR 261.5 1’35.204 2.976 / 0.258
16 14 Randy DE PUNIET FRA Power Electronics Aspar ART 251.5 1’35.311 3.083 / 0.107
17 9 Danilo PETRUCCI ITA Came IodaRacing Project Ioda 250.5 1’35.355 3.127 / 0.044
18 51 Michele PIRRO ITA San Carlo Honda Gresini FTR 259.3 1’35.461 3.233 / 0.106
19 2 Franco BATTAINI ITA Cardion AB Motoracing Ducati 266.1 1’36.019 3.791 / 0.558
20 22 Ivan SILVA SPA Avintia Blusens BQR 257.3 1’36.800 4.572 / 0.781
  5 Colin EDWARDS USA NGM Mobile Forward Racing Suter 231.0 1’43.245 11.017 / 6.445


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori