MOTOGP/ Gran Premio di Indianapolis 2012: caratteristiche e dati del circuito, orari della gara e delle prove

- La Redazione

La MotoGp disputa questo weekend il Gran Premio di Indianapolis: tutte le informazioni sul circuito, le statistiche, i record, le previsioni meteo e gli orari di prove e gare delle 3 classi.

vale_rossi_r400
Valentino Rossi (Infophoto)

La MotoGp torna in pista ancora negli Stati Uniti: in questo fine-settimana l’appuntamento è ad Indianapolis, per l’undicesima gara del Mondiale della MotoGp, decima per Moto3 e Moto2 che a Laguna Seca non hanno corso e qui invece tornano protagoniste. Indianapolis è un luogo che non ha bisogno di presentazioni nel mondo dei motori: il suo Ovale è un circuito mitico, e la 500 Miglia di Indianapolis è forse la corsa più famosa del mondo. Comunque, per la MotoGp sarebbe improponibile correre sull’Ovale, e quindi sfrutta il circuito che era stato realizzato nel 2000 per ospitare la Formula 1 e che dell’Ovale conserva soltanto il rettilineo d’arrivo con la mitica ‘Brickyard’ e un altro breve tratto. La Formula 1 abbandonò Indianapolis al termine del 2007, e proprio dall’anno successivo fu sostituita dal Motomondiale, che dunque quest’anno vivrà la sua quinta edizione della corsa di Indy. Nel 2008 il debutto fu funestato dall’Uragano Ike, che portò alla cancellazione della gara delle 250 e a una gara dimezzata della MotoGp, ma fortunatamente negli anni successivi non si sono più registrati episodi di questo tipo. Da ricordare è anche il fatto che la MotoGp gareggia in senso inverso rispetto a quanto faceva la Formula 1, cioè mantenendo il senso di marcia delle corse delle categorie americane. Globalmente si tratta di un circuito medio-lento, visto che la parte interna è piuttosto tortuosa, anche se ovviamente il lungo rettilineo consente di raggiungere alte velocità e concede un’ottima occasione per i sorpassi. L’albo d’oro è ovviamente corto, ed è curioso notare che nelle prime quattro stagioni si sono alternati sul gradino più alto del podio i quattro uomini di punta del Motomondiale: nel 2008 vinse Rossi, nel 2009 Lorenzo, nel 2010 Pedrosa e l’anno scorso Stoner. Chi sarà il primo a fare doppietta? Riprenderà anche la lotta per il Mondiale, che dopo Laguna Seca è molto serrata: Lorenzo ha 23 punti di vantaggio su Pedrosa e 32 su Stoner. Per fortuna, sembra che il meteo non costituirà un problema: il cielo dovrebbe rimanere sereno o al massimo poco nuvoloso per tutto il fine-settimana, anche se con temperature piuttosto bassine. Ultima avvertenza: tenete d’occhio gli orari delle prove e delle gare, che inevitabilmente risentiranno delle sei ore di fuso orario.

 

Lunghezza: 4216 m

Numero di giri della gara MotoGp: 28

Distanza della gara: 118,048 km

Curve totali: 16 (a destra 6, a sinistra 10)

Record sul giro in prova: 1’38”850 (Stoner 2011)

Record sul giro in gara: 1’39”807 (Stoner 2011)

 

Venerdì: variabile, 21°

Sabato: sereno, 18°

Domenica: sereno, 20°

 

 

Venerdì 17 agosto

 

Prove libere 1

Moto3: ore 15.15

MotoGp: ore 16.10

Moto2: ore 17.10

Prove libere 2

Moto3: ore 19.15

MotoGp: ore 20.10

Moto2: ore 21.10

 

Sabato 18 agosto

 

Prove libere 3

Moto3: ore 15.15

MotoGp: ore 16.10

Moto2: ore 17.10

Qualifiche

Moto3: ore 19.00

MotoGp: ore 19.55

Moto2: ore 21.10

 

Domenica 19 agosto

 

Warm-up

Moto3: ore 14.40

Moto2: ore 15.10

MotoGp: ore 15.40

Gara

Moto3: ore 17.00

Moto2: ore 18.20

MotoGp: ore 20.00

 

Tutto in diretta su Italia 2, qualifiche e gara anche Italia 1

 

(Mauro Mantegazza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori