MOTOGP/ Gran Premio della Repubblica Ceca (Brno): cronaca, ordine d’arrivo e classifica mondiale piloti

- La Redazione

Dani Pedrosa vince lo scontro diretto contro il connazionale Lorenzo al termine di un ultimo giro da cardiopalma e rosicchia altri 5 punti nella classifica del mondiale piloti.

Pedrosa_Brno
Pedrosa Infophoto

Se avevate ancora negli occhi il Dani Pedrosa dei primi anni in MotoGp, quello velocissimo che però si perdeva sempre ogni volta che c’era da fare a sportellate per la vittoria, dovrete aggiornare il database. Lo spagnolo della Honda vince la seconda gara consecutiva (terza stagionale) sul circuito di Brno, in Repubblica Ceca; e la notizia è che lo fa al termine di un duello all’ultimo sangue, e all’ultima curva, contro Jorge Lorenzo. Di autorità, come i più grandi: adesso il Mondiale è riaperto, perchè Dani si porta a 13 punti dal connazionale, che sa bene, comincia a capirlo, che non gli basteranno più i piazzamenti. A Indianapolis il pilota della Yamaha aveva preso un distacco importante; qui ha perso sulla lotta spalla a spalla, e la sconfitta è ancora più bruciante. Dietro, Cal Crutchlow ottiene il primo podio in MotoGp, battendo il compagno di scuderia Dovizioso; male Valentno Rossi, la cui Ducati accusa un problema – forse – di olio nel motore che causa fumate strane in curva e lo fa staccare. Chiude settimo il Dottore, sopravanzato anche dal sempre ottimo Bradl e da Alvaro Bautista. La gara si divde in due tronconi: nella prima parte Lorenzo scatta bene dalla pole e si porta dietro Pedrosa. Per un po’ Crutchlow tiene il passo, ma si stacca presto e resta agevolmente in terza posizione, perchè Dovizioso e Rossi non riescono a girare sui suoi tempi. Rossi sembra averne, ma i problemi di cui sopra lo costringono alla resa. Intanto Spies si ritrova quattordicesimo dopo una partenza pessima; risale la china fino all’ottava posizione, ma poi esagera e si schiena, chiudendo un’altra gara a 0 punti in questa stagione sciagurata, l’ultima su Yamaha (lo sostituirà Rossi). Al dodicesimo giro le cose cambiano: mentre le posizioni dalla terza in giù si cristallizzano – a parte Bradl e Bautista che passano il Dottore – Pedrosa capisce che star dietro a Lorenzo fino alla fine è pericoloso. Così, lo spagnolo della Honda passa il connazionale e prova ad andarsene. Non ce la fa, perchè Jorge gli resta incollato agli scarichi pur se non trova mai lo spunto per attaccare. Lorenzo è più veloce nella parte mista del percorso, dove però sorpassare è molto complicato; si avvicina in un paio di staccate, ma è solo alla fine che ha una possibilità concreta: la moto di Pedrosa comincia a sollevarsi sul posteriore e il catalano non riesce ad andarsene come vorrebbe. Arriviamo così all’ultimo giro, che ricorderemo a lungo: Lorenzo aspetta il punto dove è superiore ed entra di autorità, Pedrosa non molla niente e contrattacca a ogni curva. Il maiorchino però chiude la porta, finchè deve cedere su un attacco spaventoso di Dani; ci riprova e torna davanti, ma poi finisce largo e deve alzare bandiera bianca. Il muretto Honda Repsol esplode di gioia: il mondiale 2012 non è mai stato così in discussione, perchè come detto Lorenzo guida sì con 245 punti, ma adesso Pedrosa ne ha 232. Dietro, Stoner che non ha corso resta a 186, Dovizioso sale a 150, mentre Crutchlow prova ad avvicinarsi con 122 punti. Tocca quota 100 Valentino Rossi, che però è sempre ottavo in graduatoria. 

Pos. Points Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time/Gap
1 25 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 166.4 42’51.570
2 20 99 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing Yamaha 166.4 +0.178
3 16 35 Cal CRUTCHLOW GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 165.6 +12.343
4 13 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 165.2 +18.591
5 11 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 164.8 +25.582
6 10 19 Alvaro BAUTISTA SPA San Carlo Honda Gresini Honda 164.5 +29.451
7 9 46 Valentino ROSSI ITA Ducati Team Ducati 164.2 +34.514
8 8 14 Randy DE PUNIET FRA Power Electronics Aspar ART 162.3 +1’04.285
9 7 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Ducati 162.1 +1’08.278
10 6 41 Aleix ESPARGARO SPA Power Electronics Aspar ART 162.0 +1’09.972
11 5 24 Toni ELIAS SPA Pramac Racing Team Ducati 162.0 +1’10.003
12 4 68 Yonny HERNANDEZ COL Avintia Blusens BQR 161.1 +1’24.040
13 3 5 Colin EDWARDS USA NGM Mobile Forward Racing Suter 160.9 +1’27.898
14 2 51 Michele PIRRO ITA San Carlo Honda Gresini FTR 160.4 +1’36.165
15 1 77 James ELLISON GBR Paul Bird Motorsport ART 160.1 +1’40.565
16   54 Mattia PASINI ITA Speed Master ART 160.1 +1’41.226
17   9 Danilo PETRUCCI ITA Came IodaRacing Project Ioda 158.4 1 Lap
Not Classified
    22 Ivan SILVA SPA Avintia Blusens BQR 159.2 13 Laps
    11 Ben SPIES USA Yamaha Factory Racing Yamaha 163.1 14 Laps
Pos. Rider Bike Nation Points
1 Jorge LORENZO Yamaha SPA 245
2 Dani PEDROSA Honda SPA 232
3 Casey STONER Honda AUS 186
4 Andrea DOVIZIOSO Yamaha ITA 150
5 Cal CRUTCHLOW Yamaha GBR 122
6 Stefan BRADL Honda GER 105
7 Alvaro BAUTISTA Honda SPA 102
8 Valentino ROSSI Ducati ITA 100
9 Nicky HAYDEN Ducati USA 84
10 Ben SPIES Yamaha USA 66
11 Hector BARBERA Ducati SPA 60
12 Aleix ESPARGARO ART SPA 45
13 Randy DE PUNIET ART FRA 41
14 Karel ABRAHAM Ducati CZE 25
15 Yonny HERNANDEZ BQR COL 21
16 Michele PIRRO FTR ITA 18
17 Colin EDWARDS Suter USA 17
18 James ELLISON ART GBR 14
19 Mattia PASINI ART ITA 13
20 Ivan SILVA BQR SPA 11
21 Toni ELIAS Ducati SPA 10
22 Danilo PETRUCCI Ioda ITA 9
23 Steve RAPP APR USA 2


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori