MotoGp/ Gran Premio del Giappone 2013: ordine d’arrivo e tempi. Vince Lorenzo! Valentino Rossi sesto

- La Redazione

MotoGp, Gran Premio del Giappone 2013 (Motegi): ordine d’arrivo e tempi. Strepitoso Lorenzo che vince e recupera 5 punti su Marquez. Rossi deludente in sesta posizione

LorenzoMarquez
Marquez Infophoto

Un super Lorenzo vince la gara del Gran Premio del Giappone imponendosi sulle due Honda. Tiene ancora aperto il mondiale recuperando 5 punti a Marquez che resta ancora leader della classifica piloti. Delude Valentino Rossi che dopo un’ottima partenza che lo porta in seconda posizione, a causa di due dritti in pochi giri passa prima quarto poi dodicesimo. A quel punto la gara e’ stata del tutto compromessa e dopo una serie di sorpassi chiude in sesta posizione (clicca qui per vedere l’ordine d’arrivo, tempi e classifica mondiale). Torniamo alla cronaca della gara. Parte benissimo Lorenzo che riesce a tenere dietro prima Valentino poi le due Honda. Hayden che partiva in terza posizione perde subito terreno dall’avvio uscendo così da ogni possibile battaglia per la parte alta della classifica. Paga la pista asciutta la Ducati che senza pioggia vede riaffiorare i limiti tecnici delle loro moto. Lorenzo prova a scappare ed inizialmente ci riesce forte anche della scelta della gomma (l’unico con la coppia dura-morbida). Porta il suo vantaggio a un secondo su Marquez, che all’improvviso dopo una serie di giri cambia marcia e guida Pedrosa alla caccia del pilota Yamaha. Per tutta la gara Pedrosa resterà sempre in scia a Marquez per poi mollare a 10 giri dalla fine l’inseguimento dei due di testa ‘accontentandosi’ della terza posizione. Marquez riesce a portarsi vicino a Lorenzo facendo scendere il suo distacco a meno di due decimi ma quando sembrava una questione di minuti per vedere il sorpasso del pilota della Honda, è Lorenzo ha salire in cattedra mettendo a segno una serie di ottimi giri con una costanza incredibile che riporta il distacco tra se e Marquez oltre il secondo. A questo punto il pilota della Honda fa il ‘calcolatore’ e non gli resta che issare bandiera bianca e puntare a portarsi a casa 20 punti senza correre inutili rischi. Buona la gara di Bautista che chiude quarto, a farne le spese Bradl che dopo essere stato il più rapido nel warm-up non riesce a fare la differenza in gara. Una volta subito il sorpasso di Bautista gli resta in scia per tutto il tempo chiudendo quinto. Continua l’involuzione di Cruthclow, mai competitivo si vede scavalcare da Bautista prima poi da Rossi, finisce la sua gara in settima posizione davanti al compagno di squadra Smith. Hayden e Dovizioso chiudono in nona e decima posizione, gara anonima per il pilota italiano della Ducati. Gli altri italiani della MotoGp Iannone e Pertrucci finiscono la gara rispettivamente in quattordicesima e diciottesima posizione. Ritiro per Scassa.

Sta per iniziare la gara motogp del Giappone. Lonrenzo l’unico pilota in pista con le gomme dura-morbida prova il jolly per stupire tutti e colpire in contripiede Marquez.

Tra pochi minuti inizierà la gara della Motofp gran premio del Giappone.  Sembra incredibile ma dopo 2 giorni di pioggia battante oggi è spuntato il sole. Quindi si correrà su pista asciutta ed i valori visti in pista ieri nelle prove potrebbero stravolgersi. Nel warm-up è stato Bradl il pilota più rapido con il tempo di  1:46.440. Secondo Pedrosa e Marquez autore di una caduta (senza conseguenze). Quarto tempo per Lorenzo, Valentino solo ottavo.

Si torna in pista per la MotoGP: alle ore 6.00 (attenzione al cambio dell’ora notturno) si spegneranno i semafori per dare il via al Gran Premio del Giappone 2013, sul circuito di Motegi. In avvicinamento alla gara nipponica è successo di tutto, a causa del tifone Francisco e anche di un terremoto, tanto per rendere ancora più tesa la vigilia di un appuntamento che potrebbe risultare decisivo per assegnare il titolo iridato: siamo infatti giunti al penultimo Gran Premio del Motomondiale 2013, e la classifica Piloti vede Marc Marquez con 18 punti di vantaggio su Jorge Lorenzo, che però è in rimonta e potrebbe risultare più freddo in condizioni difficili, visto che è già abituato a lottare per il titolo della classe regina. Ieri si sono disputate direttamente le qualifiche, e sulla griglia di partenza troviamo Jorge Lorenzo in pole position, davanti appunto a Marc Marquez, che scatterà dalla seconda casella. Le condizioni di pista umida di ieri hanno agevolato la Ducati, che ha saputo piazzare Andrea Dovizioso al sesto posto e soprattutto Nicky Hayden in prima fila accanto ai due grandi duellanti: tuttavia per oggi è data pista asciutta, e questo dovrebbe rendere difficile per le moto di Borgo Panigale rimanere nelle migliori posizioni. Ci si aspetta dunque di vedere Dani Pedrosa e Valentino Rossi nel ruolo di terzo (e quarto) incomodo nel duello Marquez-Lorenzo, senza dimenticare che pure Pedrosa ha ancora qualche possibilità di vincere il Mondiale, anche se servirebbero combinazioni decisamente difficili da realizzare. Ricordiamo che il Twin Ring di Motegi è una pista di proprietà della Honda, che spesso vi effettua anche prove private: questo certamente può essere un vantaggio per i due piloti della Hrc, che però dovranno affrontare un Lorenzo in momento di grazie, e psicologicamente sicuramente più forte degli avversari. Di certo ci attende un grande spettacolo, da non perdere nonostante l’orario sfavorevole.

Jorge Lorenzo ha commentato così la pole position conquistata ieri in una situazione certamente anomala: “Per fortuna il meteo è migliorato e siamo riusciti a girare in questa sessione lunga da 75 minuti. L’inizio è stato difficile, poi alla seconda uscita avevo molta più fiducia e progressivamente abbiamo migliorato. Vedremo cosa succederà in gara”. Il suo grande rivale Marc Marquez è secondo, una posizione che può soddisfare chi guida con buon margine la classifica iridata e finora è sfuggito alle insidie di questo pazzo Gran Premio: “Abbiamo fatto un buon lavoro per essere il primo turno di prove disputato, ma abbiamo ancora del chattering sul bagnato. La gara dovrebbe essere asciutta e sarà divertente perché nessuno ha provato e partiremo tutti nella stessa situazione”. Le note più positive della giornata di ieri sono però sicuramente arrivate dalla Ducati, e in particolare dall’eccellente terzo posto di Nicky Hayden, che ha commentato così la sua prima fila: “Sapevo di avere una buona opportunità e la moto andava molto bene, ma onestamente sono deluso per non aver fatto la pole, anche se la prima fila è comunque importante. Ringrazio i tifosi Ducati per il sostegno che ci danno sempre, anche in un momento non facile come questo”. Sesto invece Andrea Dovizioso, che ha commentato così le sue qualifiche: “Siamo riusciti a migliorare la moto nel finale, quando ho fatto un bell’ultimo giro. Sono contento di quel tempo e della seconda fila”. Infine, ecco le dichiarazioni di Valentino Rossi, che oggi in gara scatterà dalla quinta posizione sulla griglia di partenza: “È stato strano fare tutto in un turno, io sono andato bene finché c’era tanta acqua in pista, poi si è un po’ asciugata e sono andato in difficoltà con l’anteriore. Bisognerà vedere come andremo con l’asciutto, che dovrebbe essere la condizione della gara: ci servirebbe del tempo per provare in quelle condizioni perché non l’abbiamo mai fatto e abbiamo tutti delle cose da sistemare. Cercheremo di sfruttare il warm up lungo e di essere pronti per la gara”. Fin qui i commenti di ieri: ma ora è finalmente arrivato il momento di vedere cosa succederà in pista sul circuito di Motegi, perché la gara del Gran Premio del Giappone 2013 della classe MotoGp sta per cominciare…

 

Pos. Punti Pilota Nazione Team Moto Data e ora/Distanza
1 25 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing Yamaha 42’34.291
2 20 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda +3.188
3 16 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda +4.592
4 13 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda +19.755
5 11 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda +22.810
6 10 Valentino ROSSI ITA Yamaha Factory Racing Yamaha +24.637
7 9 Cal CRUTCHLOW GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha +27.496
8 8 Bradley SMItd GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha +30.969
9 7 Nicky HAYDEN USA Ducati Team Ducati +37.010
10 6 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati +42.944
11 5 Katsuyuki NAKASUGA JPN Yamaha YSP Racing Team Yamaha +53.345
12 4 Colin EDWARDS USA NGM Mobile Forward Racing FTR Kawasaki +1’03.213
13 3 Randy DE PUNIET FRA Power Electronics Aspar ART +1’06.840
14 2 Andrea IANNONE ITA Energy T.I. Pramac Racing Ducati +1’08.218
15 1 Yonny HERNANDEZ COL Ignite Pramac Racing Ducati +1’18.240
16   Hector BARBERA SPA Avintia Blusens FTR +1’19.108
17   Hiroshi AOYAMA JPN Avintia Blusens FTR +1’21.174
18   Danilo PETRUCCI ITA Came IodaRacing Project Ioda-Suter +1’30.546
19   Michael LAVERTY GBR Paul Bird Motorsport ART +2’23.358
20   Claudio CORTI ITA NGM Mobile Forward Racing FTR Kawasaki 1 Giro
21   Damian CUDLIN AUS Paul Bird Motorsport PBM 1 Giro
22   Bryan STARING AUS GO&FUN Honda Gresini FTR Honda 1 Giro
Non classificato
    Aleix ESPARGARO SPA Power Electronics Aspar ART 12 Giri
    Luca SCASSA ITA Cardion AB Motoracing ART 23 Giri
    Lukas PESEK CZE Came IodaRacing Project Ioda-Suter 23 Giri


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori