MOTOGP/ La griglia di partenza del Gran Premio di Francia 2013 dopo le qualifiche. Valentino Rossi ottavo

- La Redazione

Definita la griglia di partenza del Gran Premio di Francia: Marc Marquez centra la pole position davanti a Lorenzo, poi tutti gli altri a partire da un ottimo Dovizioso. Solo ottavo Rossi

E alla fine arriva Marc Marquez. L’inizio di stagione del Mondiale 2013 di MotoGP somiglia sempre più a un copione già scritto: i piloti si affannano alla ricerca del tempo migliore, provano soluzioni e giri veloci, e a un certo punto questo esordiente con la faccia d’angelo ma che in realtà è un concentrato di ghiaccio e determinazione (clicca qui per l’intervista esclusiva a Guido Meda) mette le ruote davanti a tutti, e tanti saluti. Marc Marquez è già diventato il più giovane pilota a centrare pole position e vittoria nella classe regina; oggi a Le Mans, Gran Premio di Francia, per la seconda volta in stagione si è guadagnato il diritto a partire davanti a tutti, nonostante una caduta che però non ha avuto conseguenze. Perchè il catalano è così: non ha certo paura degli avversari lui – e che avversari – deve solo guardarsi bene dal non compromettere tutto con uno scivolone. Dietro di lui il solo Jorge Lorenzo ne tiene il passo: con 1’33”217 il maiorchino campione del mondo in carica resta a 30 millesimi dal leader della classifica, ma nemmeno lui ha potuto arginare la furia del connazionale, che a questo punto – se ancora c’era qualche dubbio – domani parte favorito. Ancora una volta. La pioggia ha rischiato di rovinare tutto, ma alla fine non è stato così: si è girato su tempi decisamente competitivi. Solo Marquez e Lorenzo quindi: dietro c’è un solco di quasi quattro decimi, dove troviamo con grande soddisfazione Andrea Dovizioso che chiude la prima fila. Era già successo, e in gara non era andata granchè bene: bisogna sperare che domani la sua Ducati tenga il passo dei primi, e che quantomeno si possa centrare un risultato di prestigio se non proprio il podio. Quarto è Cal Crutchlow, un altro che va decisamente meglio in prova che in gara: anche per lui oggi c’è stata una caduta, che aveva addirittura costretto i commissari a esporre la bandiera rossa, subito rientrata. Il pilota della Monster Yamaha precede un sempre brillante Stefan Bradl, poi arriva la seconda sorpresa di giornata: Dani Pedrosa, che aveva dominato il venerdi, è soltanto sesto, pagando un ritardo di 4 decimi e mezzo dal compagno di squadra che continua a dargli paga. Per quello che in teoria dovrebbe essere la prima guida della Honda HRC si prospetta un’altra domenica difficile, anche se per il momento la classifica non è deficitaria.

Valentino Rossi è solo ottavo, superato anche da Alvaro Bautista: al di là del posizionamento in griglia (una malinconica terza fila), quello che preoccupa del Dottore è il tempo: il suo 1’34”009 gli vale un distacco superiore agli otto decimi (di fatto è il secondo dei piloti “staccati”, perchè anche Bautista si prende un bel +0”797). Sappiamo che da sempre le qualifiche sono il tallone d’Achille di Valentino e che sul passo gara è un’altra cosa, ma lui stesso aveva avuto modo di dire che non si può sempre essere costretti a rimontare da dietro, perchè naturalmente si sottopongono le gomme a un lavoro maggiore che rischia di usurarle ben prima del dovuto. A Le Mans lo scorso anno Rossi visse una delle giornate più positive del biennio oscuro targato Ducati, se non la più felice: centrò il secondo posto con una rimonta stratosferica sotto la pioggia. Forse anche per domani la speranza è quella, visto che il pilota di Tavullia ha sempre dimostrato di valere più degli altri in condizioni di pista bagnata; ma naturalmente aumenterebbero anche i rischi. Insomma, domenica difficile. Dietro di lui arrivano piloti con ritardo superiore al secondo: Bradley Smith non riesce a stare a ruota del compagno di squadra Crutchlow, nè lo fa Nicky Hayden rispetto a Dovizioso. La seconda Ducati è staccata di un secondo e 55 centesimi, ritardo importante. Poi ci sono due CRT a completare i dodici piloti che hanno preso parte al Q2: sono quelle di Alex Espargaro e Randy De Puniet. Domani si corre per i punti in classifica: la speranza è quella di assistere a un grande Gran Premio, con qualche gioia in più per noi italiani.

Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 301.9 1’33.187  
2 99 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing Yamaha 302.6 1’33.217 0.030 / 0.030
3 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 299.2 1’33.603 0.416 / 0.386
4 35 Cal CRUTCHLOW GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 301.1 1’33.609 0.422 / 0.006
5 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 303.2 1’33.634 0.447 / 0.025
6 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 303.1 1’33.639 0.452 / 0.005
7 19 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda 302.1 1’33.984 0.797 / 0.345
8 46 Valentino ROSSI ITA Yamaha Factory Racing Yamaha 299.2 1’34.009 0.822 / 0.025
9 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 302.4 1’34.222 1.035 / 0.213
10 69 Nicky HAYDEN USA Ducati Team Ducati 297.1 1’34.242 1.055 / 0.020
11 41 Aleix ESPARGARO SPA Power Electronics Aspar ART 286.7 1’34.754 1.567 / 0.512
12 14 Randy DE PUNIET FRA Power Electronics Aspar ART 287.6 1’35.086 1.899 / 0.332


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori