LIVE/ MotoGp, in diretta le prove libere del Gran Premio di Jerez 2013 (Spagna)

- La Redazione

Diretta MotoGp: le prove libere del Gran Premio di Spagna 2013 a Jerez de la Frontera: segui e commenta live in tempo reale la FP1 e la FP2 della terza gara stagionale

pedrosa_lorenzo
Motogp (Infophoto)

La MotoGp riparte da Jerez de la Frontera, dove domenica si correrà il Gran Premio di Spagna 2013, terzo appuntamento di questo Motomondiale di cui oggi sono in programma le prime due sessioni di prove libere. Si tratta della prima gara in Europa, e anche la prima delle quattro ospitate in terra spagnola nel corso della stagione, quella che ha l’onore di fregiarsi del nome di Gp di Spagna, lasciando alle altre i titoli delle loro regioni. Al di là di questo, Jerez è uno dei luoghi più noti per tutto il mondo delle due ruote, visto che ospita una gara da molti anni (per la precisione dal 1987) e che in inverno è una delle sedi privilegiate per i test in vista dell’inizio della nuova stagione. Tutti i piloti dunque lo conoscono benissimo, e anche le scuderie hanno a disposizione una grande mole di dati su cui lavorare. Ecco perché chi vince qui potrebbe davvero essere considerato il più forte in questo inizio di stagione, dopo due gare che hanno dato esiti opposti: in Qatar dominio Yamaha con Jorge Lorenzo davanti a Valentino Rossi, ad Austin risposta Honda con il successo di Marc Marquez su Dani Pedrosa. Il circuito è piuttosto corto, caratterizzato da due rettilinei principali e da un totale di 13 curve. Nell’albo d’oro spiccano le otto vittorie di Rossi, di cui sei in 500/MotoGp: il campione di Tavullia ama il circuito spagnolo, anche se lo stesso discorso vale per Lorenzo, che ci ha già vinto quattro volte (due in MotoGp). Questi numeri farebbero pendere la bilancia verso la Yamaha, visto che la Honda risponde con le sole due vittorie di Pedrosa (una in MotoGp, ma nel 2008) mentre Marquez non è mai riuscito a vincere qui nelle classi inferiori. Ci riuscisse al primo tentativo in MotoGp, sarebbe un messaggio ancora più forte per gli avversari rispetto al successo di Austin due settimane fa. L’anno scorso invece la vittoria andò a Casey Stoner, che però quest’anno guarderà la corsa da casa sua dopo il ritiro al termine del 2012.
Come si diceva in precedenza, le due gare finora disputate hanno dato esiti molto diversi, per cui è presto per azzardare ipotesi su come potrebbe andare il resto della stagione. Di certo Lorenzo è sempre al top, e di certo Marquez con due podi tra cui una vittoria nelle sue prime due gare nella classe regina ha già dimostrato di possedere un talento eccezionale, anche se per definirlo un candidato al titolo mondiale già in questa stagione sarebbe meglio aspettare qualche altra gara (come ci ha indicato anche il campione della MotoGp di un tempo, Giacomo Agostini). Però è vero che è già in pericolo la leadership di Pedrosa all’interno della Honda Hrc, mentre chissà se Valentino Rossi riuscirà a fare la stessa cosa in Yamaha ai danni del campione del Mondo in carica. Ora bisogna capire quale possa essere la moto superiore – o magari sono globalmente sullo stesso livello – dopo che le caratteristiche di Losail hanno esaltato una e quelle di Austin erano perfette per l’altra. Di certo il “resto del mondo” ha ben poche speranze anche semplicemente di salire sul podio, visto che questo significa battere due dei quattro piloti dei top team: missione dura per i piloti clienti, ma anche per una Ducati che continua ad essere in difficoltà. L’inizio di Andrea Dovizioso è stato positivo e l’italiano è già il pilota di riferimento della Rossa di Borgo Panigale, ma per scalare posizioni c’è ancora molto lavoro da fare, e ridurre il gap non sarà per nulla semplice. Questa è la situazione: in America otto posizioni su nove sui podi delle tre classi sono andate a piloti spagnoli (l’eccezione fu Kallio terzo in Moto2), sapranno tutti gli altri – Rossi in testa – invertire la tendenza proprio a casa loro? La risposta come sempre arriverà dalla pista, le prove libere del Gran Premio di Spagna della MotoGp sul circuito di Jerez de la Frontera stanno per cominciare…

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori