LIVE/ MotoGP, in diretta il Gran Premio di Spagna 2013 e il warm-up (Jerez)

- La Redazione

MotoGp, in diretta il warm-up e a seguire la gara del Gran Premio di Spagna a Jerez de La Frontera. Grande sfida ta Jorge Lorenzo su Yamaha e Marc Marquez su Honda. E Valentino Rossi…

pedrosa_germaniaR400
(INFOPHOTO)

Il Gran Premio di MotoGp di Jerez de la Frontera si apre alle 9:40 con un warm-up in cui i piloti saranno sicuramente copertissimi. Dopo le molte cadute che hanno condizionato le prove libere e le qualifiche di ieri, i piloti saranno molto attenti a non forzare cercando di testare soltanto il setting migliore per una gara che potrebbe davvero essere “ad eliminazione”. La griglia di partenza della gara (prevista per le 14) rivela un copione piuttosto prevedibile a inizio stagione, con il solo Crutchlow outsider tra le Yamaha ufficiali e le Honda. Valentino Rossi scatterà quinto, ma in gara quest’anno sa rendere di più che in qualifica, quindi potrà giocarsi le sue carte. Certo la mattina le temperature non dovrebbero ancora superare il livello di guardia, ma in gara sarà tutto diverso. Problemi evidenziati già in qualifica, corsa proprio all’ora della gara. I 50 gradi dell’asfalto della pista hanno messo a durissima prova le mescole (la singola mescola in realtà) messa a disposizione dalla Bridgestone per questo gran premio. Difficile per la casa giapponese dribblare gli imprevisti di stagione (mai negli ultimi cinque anni la pista di Jerez era stata così calda, e le mescole sono state tarate a partire da questo dato statistico) e le polemiche che sono occorse lo scorso anno (da parte della Honda) quando si è tentato di porre rimedio cambiando mescola in corsa. Certo questi adattamenti, visto che che inevitabilmente possono andare a detrimento di alcune moto e a vantaggio di altre, potrebbero essere visti come cambi di regole in corsa da scongiurarsi con ogni mezzo.

In realtà nell’attesa della gara il clima tra i piloti è tutto sommato sereno, almeno da questo punto di vista. Certo il fatto che Jorge Lorenzo si sia dimostrato assolutamente superiore in queste qualifiche rispetto agli altri corridori, costringendoli a correre spesso oltre i propri limiti, ha giocato un ruolo fondamentale nelle cadute. Ma la mescola della gomma anteriore troppo morbida anche per la dura può essere davvero un fattore di pericolo. Diversa la querelle per la posteriore, che anche Valentino Rossi ha stigmatizzato, ma che sembra piuttosto strumentale. La morbida posteriore non è affatto scelta obbligata, tanto che in Texas, uno dei due piloti che ha scelto la dura (Marquez) è stato quello che ha vinto la gara. In ogni caso l’incognita sulla gomma posteriore è davvero ampia. “Sarà interessante valutarne la tenuta dopo sette-otto giri – ha detto Valentino Rossi – perchè pattina davvero moltissimo”. In realtà Brigdestone ha messo a disposizione solo mescole morbide e medie per l’anteriore e una extra-soft in più per la posteriore. Purtroppo il range di temperature dell’asfalto rischia di metterle quasi tutte fuori gioco. Nicky Hayden in particolare ha posto l’accento sulla grande competitività della giornata di libere e delle qualifiche. Per il pilota della Ducati si è trattato quasi di un giorno di gara, con tanta adrenalina in circolo e tanta voglia di spingere la moto oltre i limiti. In particolare si è temuto per le conseguenze della caduta di Cal Crutchlow, che ha battuto la testa sull’asfalto, ma le protezioni e la dinamica dell’incidente fortunatamente non hanno lasciato sul pilota null’altro che conseguenze gestibili per la gara. Non il massimo, certo, ma Cal saprà dire la sua in gara. Attenzione anche, oltre ai protagonisti annunciati Pedrosa e Marquez, ovviamente, ai movimenti a centrogruppo. Bradl scalpita e la sua LCR è alla ricerca del miglior assetto, mentre il pilota ha dimostrato di essere veloce e motivato. Anche il team Gresini con Bautista ha intenzione di togliersi qualche soddisfazioni, mentre per la Ducati mettere in fila questi piloti sarà il risultato da conseguire in questo gran premio che pare proprio non poter riservare soprese positive. Ma ora basta parlare, perchè Gran Premio e Warm-Up fanno fremere questa MotoGp, tra poco si comincia… 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori