MotoGp / Video, Jorge Lorenzo cade ad Assen: frattura della clavicola, salta la gara

Jorge Lorenzo è caduto nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio d’Olanda ad Assen sotto la pioggia: frattura alla clavicola per il pilota della Yamaha, salterà la gara

27.06.2013 - La Redazione
Lorenzo_Brno
Jorge Lorenzo - Infophoto

Pessima notizia per Jorge Lorenzo nella seconda sessione di prove libere ad Assen. Il campione del Mondo in carica è caduto in prossimità della curva 13 nei primi minuti della del Gran Premio d’Olanda, e per il pilota del team ufficiale della Yamaha (che stamattina aveva ottenuto il miglior tempo nella prima sessione) i primi esami hanno confermato i timori dei primi minuti: si tratta infatti di una frattura alla clavicola, e ciò significa che il pilota spagnolo sarà costretto a saltare la gara. La caduta è stata davvero brutta, tanto che si è reso necessario ricorrere all’ambulanza per trasportare Lorenzo alla Clinica Mobile: il campione spagnolo inizialmente si teneva il polso, ma il vero problema per lui si è rilevato essere appunto la rottura della clavicola. Sicuramente non hanno aiutato le condizioni climatiche: il leggendario circuito olandese, considerato l’Università della moto, oggi pomeriggio è stato flagellato da pioggia e freddo, e sull’asfalto decisamente bagnato il centauro spagnolo è stato disarcionato dalla sua ed è caduto a forte velocità, scivolando poi per diversi metri prima sull’asfalto e infine sull’erba. L’esito degli esami è stato fondamentale per capire che Lorenzo non potrà partecipare alla gara di dopodomani: sarà dunque costretto ad uno stop che lo penalizzerà molto nella corsa al Mondiale, che in questo momento lo vede in seconda posizione con 7 punti di distacco da Dani Pedrosa. Lorenzo verrà dunque trasferito in aereo a Barcellona, dove nei prossimi giorni verrà sottoposto ad un necessario intervento chirurgico, con l’auspicio che possa recuperare almeno per la prossima gara, che si disputerà domenica 14 luglio al Sachsenring.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori