Diretta / MotoGp, live le qualifiche Assen. Rossi a caccia della pole

La siretta delle prove libere 4 e delle qualifiche del Gran Premio d’Olanda 2013 della MotoGp ad Assen: segui e commenta live in tempo reale per conoscere chi farà la pole position

28.06.2013 - La Redazione
podio_assen
Infophoto

Dopo l’ultima discesa in pista per le prove libere (ricche di sorprese, clicca qui per tutti i tempi) valide per le qualifiche del gran premio di MotoGp di Assen, alle ore 13.30 è fissato l’inizio delle prove libere 4, una sessione che possiamo definire di puro riscaldamento in vista delle due sessioni delle qualifiche da un quarto d’ora l’una, la Q1 (14.10-14.25) e la Q2 (14.35-14.50). Alla prima prendono parte i piloti esclusi dalle prime dieci posizioni della classifica combinata delle prime tre sessioni di prove libere: i due migliori accedono alla Q2, dal terzo in giù si collocheranno domani sulla griglia di partenza dalla tredicesima posizione in giù in base appunto al risultato ottenuto in Q1. Nella Q2 i migliori dodici si danno invece battaglia per la pole position e le migliori posizioni nelle prime file per scattare nel modo più efficace possibile al semaforo della gara. Il circuito di Assen è considerato l’Università delle moto, anche se dopo le profonde modifiche al tracciato del 2006 non è più impegnativo come una volta. Resta comunque una pista insidiosa ed impegnativa, specie quando le condizioni meteo non sono favorevoli, evenienza che in Olanda si verifica abbastanza di frequente e che tra ieri e oggi purtroppo ha favorito due gravi incidenti capitati proprio a due dei protagonisti più attesi.
Ieri pomeriggio sotto la pioggia ne aveva fatto le spese Jorge Lorenzo, che ha riportato la frattura della clavicola che lo ha costretto a rientrare subito a Barcellona, dove è già stato operato e comincia dunque la sua corsa contro il tempo per rientrare in gara già al prossimo Gran Premio fra due settimane, mentre stamattina la vittima illustre è stata Marc Marquez, che ha pagato l’azzardo di montare le gomme da asciutto sulla pista ancora umida con una caduta ancora più spettacolare di quella del connazionale, anche se il verdetto è stato meno grave. Frattura del mignolo della mano destra, quindi il giovane pilota della Honda potrà correre, anche se dobbiamo prevedere che non sarà al top. La classifica della FP3, viste le condizioni ambientali molto particolari, non è molto attendibile: troviamo al primo posto Alvaro Bautista in 1’40”029 con la sua Honda Gresini, davanti alla Art di Randy De Puniet staccato di due decimi e alla Ducati di Michele Pirro (però già ad oltre cinque secondi), con Dani Pedrosa nono e Valentino Rossi dodicesimo. Sono loro a questo punto i due protagonisti più attesi, sperando naturalmente che non ci siano altre brutte sorprese: lo spagnolo punterà ad allungare in modo importante il suo margine di vantaggio su Lorenzo in testa alla classifica iridata (che attualmente è di soli 7 punti), mentre Valentino potrebbe finalmente tornare sul podio che gli manca ormai da troppe gare. L’ultima annotazione è per la classifica combinata delle tre sessioni, che è in realtà quella della FP1 di ieri mattina, l’unica disputata sull’asfalto asciutto: ecco perché Lorenzo è in prima posizione (anche se naturalmente non gli servirà) e perché le Ducati – tranne Pirro – saranno costrette a disputare la Q1 alla caccia degli ultimi due posti a disposizione per entrare nella Q2. Ora però non è più tempo per le parole, non ci resta che attendere i verdetti del circuito: rombano i motori, le prove libere 4 e le qualifiche del Gran Premio d’Olanda 2013 sul circuito di Assen stanno per cominciare…

Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 19 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda 298.2 1’40.029  
2 14 Randy DE PUNIET FRA Power Electronics Aspar ART 284.5 1’40.223 0.194 / 0.194
3 51 Michele PIRRO ITA Ignite Pramac Racing Ducati 286.5 1’45.601 5.572 / 5.378
4 22 Ivan SILVA SPA Avintia Blusens FTR 273.3 1’46.724 6.695 / 1.123
5 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 291.1 1’46.761 6.732 / 0.037
6 35 Cal CRUTCHLOW GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 287.2 1’46.981 6.952 / 0.220
7 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 285.3 1’47.014 6.985 / 0.033
8 69 Nicky HAYDEN USA Ducati Team Ducati 284.9 1’47.027 6.998 / 0.013
  26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 284.5 1’47.055 7.026 / 0.028
  17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing ART 280.6 1’47.782 7.753 / 0.727
  68 Yonny HERNANDEZ COL Paul Bird Motorsport ART 276.7 1’48.067 8.038 / 0.285
  46 Valentino ROSSI ITA Yamaha Factory Racing Yamaha 278.3 1’48.167 8.138 / 0.100
  29 Andrea IANNONE ITA Energy T.I. Pramac Racing Ducati 286.1 1’48.396 8.367 / 0.229
  71 Claudio CORTI ITA NGM Mobile Forward Racing FTR Kawasaki 277.7 1’48.495 8.466 / 0.099
  38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 276.2 1’48.822 8.793 / 0.327
  41 Aleix ESPARGARO SPA Power Electronics Aspar ART 273.3 1’48.976 8.947 / 0.154
  9 Danilo PETRUCCI ITA Came IodaRacing Project Ioda-Suter 276.9 1’49.066 9.037 / 0.090
  70 Michael LAVERTY GBR Paul Bird Motorsport PBM 268.2 1’49.259 9.230 / 0.193
  8 Hector BARBERA SPA Avintia Blusens FTR 271.2 1’49.312 9.283 / 0.053
  67 Bryan STARING AUS GO&FUN Honda Gresini FTR Honda 269.3 1’49.637 9.608 / 0.325
  52 Lukas PESEK CZE Came IodaRacing Project Ioda-Suter 270.7 1’50.501 10.472 / 0.864
  6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 264.5 1’50.830 10.801 / 0.329
  5 Colin EDWARDS USA NGM Mobile Forward Racing FTR Kawasaki 262.9 1’52.118 12.089 / 1.288
  99 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing Yamaha      

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori