MotoGP Test 2014/ Sepang, Gresini: molto contento per Bautista, quest’anno potremo… (esclusiva)

- int. Fausto Gresini

MotoGp test Sepang, il commento di FAUSTO GRESINI sulla giornata di prove in Malesia che ha visto chiudere il suo pilota Alvaro Bautista al primo posto. Bene Dovizioso con la Ducati

bautista_crutchlow
Alvaro Bautista con Cal Crutchlow nello scorso Mondiale (Infophoto)

Primo giorno di prove a Sepang e prime sorprese per la MotoGp. Il miglior tempo è stato fatto registrare dallo spagnolo Alvaro Bautista sulla Honda del Team Gresini. Poi ecco i due fratelli Aleix Espargaro e Pol Espargaro, rispettivamente sulla FTR-Yamaha e sulla Monster Yamaha Tech 3. Quarto, con una bella prestazione che rivaluta la Ducati, ecco Andrea Dovizioso. Quindi, nell’ordine dal quinto al settimo posto, ecco i big più attesi, cioè Jorge Lorenzo, Dani Pedrosa e Valentino Rossi. Naturalmente non si può giudicare l’esito di una singola giornata di test, i cui tempi possono essere stati influenzati dalle strategie delle varie squadre, ma di certo sono significative le prestazioni dei migliori di giornata, in un Motomondiale che quest’anno sembra aperto a sorprese con l’introduzione delle moto Open. Per parlare di queste prove abbiamo sentito, direttamente da Sepang, proprio Fausto Gresini, team manager di Alvaro Bautista, che ci ha raccontato la grande performance del suo pilota. Eccolo in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.

Un magnifico primo posto di Bautista sulla Honda del team Gresini in queste prove di Sepang… Sono molto contento della prestazione di Bautista in questa prima giornata di prove. Sono molto orgoglioso, vuol dire che ci siamo anche noi, che potremo fare cose buone nel Mondiale, anche se è ancora molto presto per dare giudizi definitivi.

Su cosa avete lavorato quest’inverno in particolare? Abbiamo lavorato molto sulla potenza della moto. Molto del merito di questi risultati di oggi sono da attribuire al nostro tecnico e al nostro progettista. Abbiamo voluto cercare di colmare le differenze che ancora esistono con la Yamaha e la Honda ufficiali.

Pensate di togliervi qualche soddisfazione nel Mondiale? Ci piacerebbe essere lì coi primi, vincere magari qualche gara, ma non so se si potrà lottare per la conquista del Mondiale.

Come giudica Alvaro Bautista? E’ un ottimo pilota che è cresciuto molto in questi anni, ha nel suo Dna la velocità, sarebbe bello se un giorno vincesse il Mondiale con la nostra moto…

Assomiglia a qualche pilota del passato? No, preferisco non fare paragoni. Lui è Alvaro Bautista, un pilota di oggi, di grande valore tecnico e qualità.

Come giudica invece il secondo posto della FTR-Yamaha di Aleix Espargaro? Bravo, è un ottimo pilota con delle doti incredibili.

Terzo in queste prove Pol Espargaro con la Yamaha Tech 3, due fratelli terribili… Sono molto forti, hanno grandi potenzialità, saranno in grado di fare cose importanti in questo Mondiale.

Come giudica la prestazione della Ducati, quarta con Andrea Dovizioso?

Non so se anche lui, come noi, abbia approfittato dei nuovi regolamenti che stanno cambiando tante cose nella MotoGp 2014. Certo che Dovizioso, come Bautista, si è lasciato alle spalle tanti nomi importanti…

Come giudica le prove dei big invece? Hanno comunque tutti lavorato sul passo gara, anche Valentino Rossi. Saranno in lizza anche quest’anno per vincere il Mondiale.

Non sono stati però tempi eccezionali, nessuno è sceso sotto la barriera dei due minuti: quali i motivi? Era solo il primo giorno di questa sessione di prove, le cose probabilmente potrebbero cambiare. (Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori