Live MotoGp/ Test Sepang 2014, diretta prima giornata: Bradl e Cecchinello impegnati nella messa a punto. Classifica dei tempi (4 febbraio)

- La Redazione

Live test Sepang MotoGp diretta: la classifica dei tempi della prima giornata di prove in Malesia. Primo Marc Marquez, Valentino Rossi. Soddisfazione in casa LCR, parlano Cecchinello e Bradl

marquez_rossi
Valentino Rossi con Marc Marquez ad Assen 2013 (Infophoto)

Una delle protagoniste del Mondiale MotoGp 2014 sarà la LCR Honda, due ruote del team fondato da Lucio Cecchinello. Stefan Bradl è un pilota in grande ascesa e lo ha dimostrato lo scorso anno; oggi è giunto al sesto posto nella prima giornata dei test di Sepang e ha commentato al termine dei suoi giri in pista. “Sono sempre eccitato quanto torno a guidare dopo la sosta invernale. Il bilancio di oggi è abbastanza positivo, la versione 2014 della RCV mi piace, abbiamo acquisito dei dati importanti e questo mi farà aumentare il ritmo e migliorare la messa a punto”. Sulla posizione “virtuale” in griglia Bradl ha fatto sapere che “non faccio i salti di gioia, ma oggi ci siamo concentrati su altri aspetti, come la trazione e la stabilità in frenata. La messa a punto di base c’è, ora bisogna rifinire tutto e iniziare ad andare più veloci”. Gli fa eco il suo team manager Lucio Cecchinello: “Dopo soli due mesi di stop tutti i piloti sono molto agguerriti: la Honda ha già confermato il suo potenziale altissimo, sapevamo tutti che Marquez sarebbe stato competitivo a questi livelli; oggi abbiamo scelto di rodare entrambe le moto per avere una prima impressione. Sono molto soddisfatto del lavoro svolto da Bradl”

E’ un Valentino Rossi sollevato e visibilmente soddisfatto quello che commenta la prima giornata di test ufficiali MotoGp a Sepang. Il Dottore, secondo alle spalle dell’imprendibile Marquez, ha iniziato nel migliore dei modi: lontani i tempi in cui penava con la Ducati per ridurre un gap già superiore al secondo. “Sono contento di come è andata. Abbiamo provato tante piccole cose, sicuramente ho capito meglio come fermare meglio la moto in staccata: l’anno scorso su questo avevo sempre sofferto”. Valentino ha poi parlato dei tempi con cui ha girato, certo poco indicativi per il momento ma da tenere d’occhio: “Sono sempre stato nei primi tre, ho migliorato il feeling con la moto, sono stato veloce per tutta la giornata; i tempi sono già buoni”. Il problema è che là davanti c’è Marc Marquez che in questo momento è un alieno: “Purtroppo sì, è andato troppo forte; ma cercheremo di avvicinarci nei prossimi giorni”. Pensiero già rivolto a domani dunque: il Dottore non ha la minima intenzione di fare il comprimario nel 2014.

Dopo la prima giornata di test della MotoGp a Sepang, la Ducati purtroppo si ritrova ancora una volta in fondo alla classifica, molto lontana da Honda e Yamaha. Così si è espresso il nuovo pilota della Rossa di Borgo Panigale, il britannico Cal Crutchlow, che a novembre a Valencia aveva guidato la GP13 nei primi test e ora ha potuto paragonarla alla nuova , senza riscontrare – a dire il vero – particolari differenze. Comunque Crutchlow non si lascia intimorire dal quattordicesimo posto: “La nuova Desmosedici è migliore e domani proverò un set-up completamente nuovo. Dobbiamo prendere un pezzo da una moto e un pezzo dall’altra per mettere insieme una nuova moto. Essendo il primo giorno, abbiamo avuto dei problemi a metà sessione”. Ci sono grandi aspettative da parte dei tifosi sul lavoro del nuovo direttore Gigi Dall’Igna, ma Crutchlow non si sbilancia: “Gigi è arrivato da pochi mesi, non si crea una moto in così poco tempo”. Nel dettaglio, il pilota britannico ritiene che la GP13 fosse migliore in frenata, ma la nuova nata si fa preferire in curva: “Abbiamo del lavoro da fare, ma non sono preoccupato. Provare a Sepang è importante: se puoi risolvere problemi qui, dove il grip è basso, di solito funziona su ogni circuito. Questo è il piano, dobbiamo continuare a lavorare”.

Si è conclusa la prima giornata di test della MotoGp a Sepang, in Malesia. Sotto un caldo torrido, il grande protagonista è stato subito il campione del Mondo in carica Marc Marquez, che ha ottenuto il miglior tempo in . Prestazione di notevolissimo livello per il giovane campione della Honda, che mette subito in chiaro le proprie intenzioni anche per l’anno 2014, ma alle sue spalle ecco l’ottimo secondo posto di Valentino Rossi. Vero che il Dottore della Yamaha ha subito un distacco piuttosto netto, pari a 518 millesimi, ma sicuramente può essere soddisfatto per avere preceduto tutti gli altri avversari, a partitre da Dani Pedrosa – terzo con un guizzo nel finale dopo essere rimasto in ombra per tutto il giorno – e Jorge Lorenzo, che infine si è dovuto accontentare del quarto posto. Dunque nessuna novità in questo senso: le prime posizioni sono state monopolizzate dai piloti dei due team ufficiali delle due Case giapponesi. Le gerarchie non sembrano dunque destinate a cambiare, e questo è un problema per la Ducati che non è andata oltre l’ottavo posto del privato Andrea Iannone, mentre il miglior pilota ufficiale è Andrea Dovizioso, che però si è fermato in una deludente dodicesima posizione, a due secondi e due decimi da Marquez. La strada è già tutta in salita per la Rossa. Meglio della Ducati ci sono le Honda private, con il quinto posto di Alvaro Bautista e il sesto posto di Stefan Bradl, che proprio a Sepang a ottobre si era fatto male, ma è da sottolineare soprattutto il settimo posto di Aleix Espargaro, miglior pilota tra quelli dotati di moto Open, la nuova categoria che sostituisce le Crt. (Mauro Mantegazza)

La classifica non cambia, ma Marc Marquez manda un messaggio inequivocabile a tutti i rivali. Il campione in carica, in sella alla sua Honda, ottiene la migliore prestazione della prima giornata dei test della MotoGp a Sepang facendo fermare i cronometri sul tempo di 2’00″286, staccando in questo modo Jorge Lorenzo di quasi otto decimi. Distacco pesante per l’iberico della Yamaha, che invece precede un ottimo Valentino Rossi di soli 39 millesimi. Resta sesto Dani Pedrosa, ora staccato di oltre un secondo dal compagno di squadra.

Alle ore 16.00 locali (le 9.00 in Italia) la classifica della prima giornata dei test di Sepang regala già un “podio” regale. Al comando c’è infatti il campione del Mondo Marc Marquez, che in sella alla sua Honda con il tempo di 2’00″767 ha preceduto le due Yamaha ufficiali di Jorge Lorenzo e di Valentino Rossi, che a lungo è stato in testa alla graduatoria. Giornata dunque positiva per il Dottore, che aveva già percorso ben 44 giri, a fronte dei 32 del compagno di squadra e dei 37 di Marquez. L’unico big più staccato è Dani Pedrosa, che occupa la sesta posizione alle spalle anche delle due Honda priovate di Stefan Bradl e Alvaro Bautista. La stagione comincia invece ancora una volta tutta in salita per la Ducati, che piazza Andrea Iannone al decimo posto comne proprio miglior rappresentante. Grande caldo sulla pista malese: a metà pomeriggio si registravano 35 gradi di temperatura dell’aria, addirittura 57 sull’asfalto.

Comincia oggi il 2014 della MotoGp. Siamo in Malesia, sul circuito di Sepang, dove da oggi fino a giovedì 6 febbraio si disputano i primi tre giorni di test in questo anno solare. A dire il vero, le prove in vista del prossimo Motomondiale sono cominciate già nel novembre scorso a Valencia, con alcuni giorni di test immediatamente successivi all’ultimo Gran Premio della passata stagione, tuttavia dopo oltre due mesi di ulteriore sviluppo in fabbrica le moto tornano ad assaggiare l’asfalto, e tutti attendono di sapere come saranno messe le varie moto e i piloti più attesi. Naturalmente sotto i riflettori ci sono sempre i team ufficiali di Honda e Yamaha. Nessuna novità per quanto riguarda i loro piloti, che come l’anno scorso saranno Marc Marquez e Dani Pedrosa da una parte e Jorge Lorenzo e Valentino dall’altra, tuttavia non mancano importanti novità. Infatti Pedrosa non lavora più con il suo mentore Alberto Puig, e anche il Dottore di Tavullia si è separato dopo quattordici anni dallo storico capo-tecnico Jeremy Burgess, sostituito da Silvano Galbusera. Novità più consistenti in casa Ducati, dove Andrea Dovizioso ritrova Cal Crutchlow, già suo compagno di squadra ai tempi della Yamaha Tech3; inoltre, la Rossa di Borgo Panigale presenta in Malesia il nuovo Direttore generale Gigi Dall’Igna, che ha come primo obiettivo quello di migliorare la comunicazione tra gli uomini che operano sui circuiti e il quartier generale. Inoltre in questa sessione vedremo in pista tutti i piloti, e sarà dunque un interessante confronto fra le moto ufficiali Factory e le Production Racer ‘Open’, che hanno decretato la scomparsa delle CRT: il gap si sarà ridotto? Tutte le moto utilizzeranno una centralina elettronica fornita dall’organizzatore Dorna nell’ottica della riduzione dei costi in MotoGp, anche se le Open utilizzeranno un software della Magneti Marelli, mentre le ufficiali potranno continuare a utilizzare dei propri programmi specifici. Tuttavia, i piloti Open avranno a disposizione 12 motori nell’arco della stagione da sviluppare liberamente e avranno a disposizione un serbatoio di 24 litri di carburante, contro i 5 propulsori delle Factory che invece non potranno subire alcuna modifica e le loro moto potranno essere rifornite con soli 20 litri. Queste sono in sintesi le principali novità della stagione, ma gli appassionati desiderano soprattutto sapere chi andrà meglio tra i “Fantastici quattro”…

1. MARQUEZ M. Repsol Honda Team 2:00.286

2. ROSSI V. Yamaha Factory Racing +0.518

3. PEDROSA D. Repsol Honda Team +0.620

4. LORENZO J. Yamaha Factory Racing +0.796

5. BAUTISTA A. GO&FUN Honda Gresini +0.954

6. BRADL S. LCR Honda MotoGP +1.034

7. ESPARGARO A. NGM Mobile Forward Racing +1.133

8. IANNONE A. Pramac Racing +1.252

9. ESPARGARO P. Monster Yamaha Tech 3 +1.348

10. SMITH B. Monster Yamaha Tech 3 +1.590

11. EDWARDS C. NGM Mobile Forward Racing +2.197

12. DOVIZIOSO A. Ducati Team +2.211

13. PIRRO M. Ducati Test Team +2.266

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori