MotoGP/ Gran Premio d’Italia Mugello, il pronostico sulla gara di Mario Lega (esclusiva)

- int. Mario Lega

MotoGp, gara Gran Premio d’Italia 2014 al Mugello: il pronostico di MARIO LEGA sulla corsa che vede ancora in pole position Marc Marquez e Valentino Rossi che cercherà la rimonta

Marquez_93_Qatar
Marc Marquez (Infophoto)

Sesto Gran Premio della stagione per la MotoGp, e anche al Mugello Marc Marquez ha conquistato la pole position su Honda (clicca qui per leggere la griglia di partenza). Il Gran Premio d’Italia dunque ha un favorito chiaro, e potrebbe chiudersi con il sesto successo del giovane fuoriclasse spagnolo. Al secondo posto nelle prove ufficiali si è piazzato Andrea Iannone su Ducati: una bella speranza, con la speranza naturalmente che possa reggere anche alla distanza. Poi ecco Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa al terzo e al quarto posto: si candidano ad essere i primi rivali del campione iridato, anche perché purtroppo Valentino Rossi dovrà cercare una difficile rimonta dal decimo posto. Situazione simile per Andrea Dovizioso, che scatterà dall’ottavo posto. Sarà un monologo quindi di Marquez anche in gara? E quali saranno gli altri piloti a salire sul podio? Per parlare del Gran Premio d’Italia di MotoGp abbiamo sentito l’ex pilota Mario Lega. Eccolo in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.

Marquez in pole position come al solito.. E’ il pilota migliore con la moto migliore: non c’è niente di sorprendente.
Non la stupisce invece il secondo posto di Iannone? Non tanto, anche perché ha avuto la possibilità di usare le gomme morbide. Il suo secondo posto nelle qualifiche era possibile.
Cosa potrà fare in gara? Vedremo, perché spesso non riesce ad esprimersi come nelle prove.
Lorenzo terzo e Pedrosa quarto, come giudicare le loro prestazioni? Magari poteva far meglio Pedrosa, che questa mattina aveva stabilito il miglior tempo. Penso però che proprio Pedrosa possa arrivare sul podio. Alla fine saranno loro più Marquez e Valentino Rossi come al solito ad arrivare tra i primi quattro.
Deludente però il decimo posto di Valentino Rossi, potrà dunque rifarsi in gara? Sono sicuro di sì, Valentino potrà rifarsi sicuramente. Vorrà pure festeggiare i suoi trecento Gran Premi nel Mondiale, anche se gli altri piloti non staranno certamente a guardare.
Pol Espargaro può essere una minaccia? Ha fatto bene anche lui, nonostante abbia forzato ed è caduto. Credo però che non dovrebbe confermarsi in gara.
Sesto e ottavo posto delle due Ducati di Crutchlow e Dovizioso, si poteva fare di più? Forse, ma in fondo sono lì vicini a tutti gli altri, non sono lontani dai migliori.
Come mai però Iannone ha fatto molto meglio?

Teniamo presente che pure la moto di Iannone si può considerare una Ducati ufficiale, visto che utilizza il materiale delle altre due…
Il suo pronostico sul Gran Premio d’Italia? Vedo un successo di Marquez, a meno di clamorose sorprese. Spero solo che sia un Gran Premio divertente: Marquez vinca pure, ma faccia vedere anche tutte le sue grandi qualità tecniche. (Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori