Diretta/ MotoGp, Gran-Premio di Catalogna Montmelò Barcellona 2014 live: tempi, ordine d’arrivo e classifica. Rossi soddisfatto (Oggi 15 giugno 2014)

- La Redazione

Diretta MotoGp, gara Gran Premio Catalogna 2014 live dal circuito di Montmelò, a Barcellona: Marc Marquez vince la settima gara consecutiva in stagione, Valentino Rossi è secondo

Pedrosa_FP1
Daniel Pedrosa, 30 anni, spagnolo (INFOPHOTO)

Secondo posto per Valentino Rossi: sia nel Gran Premio di Barcellona che nella classifica piloti, sempre dietro Marc Marquez. Queste le parole del Dottore al termine della gara catalana, rilasciate ai microfoni di SkySport: “Oggi pensavo di riuscirci, mi dispiace un po’. Però alla fine negli ultimi giri mi è calata un po’ troppo la gomma, loro invece avevano qualche “decimino”, però me la potevo ancora giocare. Ho cercato di staccare bene per fare la prima esse forte e cercare di raggiungere Marquez sopra, solo che in quel momento mi si è buttato dentro Pedrosa, che pensavo fosse a 2-3 decimi e invece era lì, e da lì non ce l’ho fatta più. Però ci ho provato, è stata una bella gara, sono partito forte, non ho sbagliato niente, sono stato tanti giri davanti, mi sono proprio divertito. Pensavo proprio di riuscirci stavolta, però sono contento. Ora arriva Assen e là ci riproviamo. Oggi comunque la moto andava benissimo, siamo riusciti stamattina a fare quello step ed è stata una gran gara. Penso di aver dato il massimo, anzi forse è mancato un pelo (ride, ndr)”. 

Uno dei protagonisti del Gran Premio di Barcellona è stato senza dubbio Dani Pedrosa, autore di una gara aggressiva e conclusa al terzo posto. Il pilota catalano della Honda è rimasto attaccato alle prime posizioni fin dalla partenza, per la quale aveva guadagnato la pole position, poi nel finale ha superato con grande abilità Valentino Rossi salvo poi concludere in terza posizione, dopo aver toccato la ruota anteriore del capolista Marc Marquez nel tentativo di superarlo all’ultimo giro. Queste le parole di Pedrosa, visibilmente soddisfatto della propria performance, al termine della gara: “Peccato per l’ultimo giro -ha dichiarato ai microfoni di SkySport-, però è stata una gara bella, mi è piaciuta, sono contento per come ho guidato, ho tenuto un bel ritmo, ho fatto dei bei sorpassi, avevo il ritmo per andare piano e più veloce e questo era buono. La moto scivolava tanto davanti, però abbiamo fatto un bel setting, la moto era molto buona. Solo mi è mancata la sesta un po’ più lunga, però sono contento della prestazione perché all’ultimo giro ho provato al massimo e Marc ha cominciato a chiudere molto bene le traiettorie, molto più strette, e lì due o tre volte mi sono messo dietro, fino all’ultima quando l’ho toccato un po’. Ho perso il secondo posto, però oggi non importavano 25 o 16 punti. Sono contento della prestazione, perché anche il braccio è andato molto bene e questo è l’importante“. Pedrosa è al terzo posto della classifica piloti a meno 5 punti da Valentino Rossi e meno 63 da Marquez.

Marc Marquez fa sette vittorie in apertura: non accadeva dal 1971, dal leggendario binomio Giacomo Agostini-MV Agusta. Lo spagnolo domina anche al Gran Premio di Catalogna di MotoGp, anzi: vince, non domina. Perchè la gara è bellissima, il circuito di Montmelò vive 25 giri appassionanti con quattro grandi protagonisti che sono poi sempre i soliti. Frustrato dall’aver mancato per la prima volta la pole position in questa stagione Marquez cerca di bruciare tutti al via, ma Dani Pedrosa esce a fionda dalla sua prima posizione; non dura, perchè già alla prima curva Jorge Lorenzo si mette davanti agli altri, tallonato dalle due Honda ufficiali. Ma ecco arrivare l’altro grande pilota di questo inizio stagione: Valentino Rossi, che quasi con naturalezza ne passa uno, e poi due, e poi un terzo. Si porta in testa, e da lì riesce anche a prendersi quasi mezzo secondo di vantaggio. Lui stesso sa che non durerà: Marquez là dietro è un cannibale e fa paura nonostante vada lungo un paio di volte alla curva 10, si riporta davanti e apre il gas. Quello che cambia è che il Dottore stavolta tiene il passo, a differenza di quanto era successo al Mugello: rimane lì, e addirittura ci prova. Ma non calcola che Pedrosa si è fatto sotto, e quando sta impostando la traiettoria per sorprendere Marquez si ritrova a sua volta bruciato dal numero 26. A quel punto arriva il “giallo”: i due Honda alzano un braccio per segnalare qualche goccia di pioggia, le bandiere per fermare tutto non arrivano ma in lontananza si vede qualcosa di giallo che sventola, proprio nel momento in cui gli spagnoli hanno passato Valentino. Poco male: i due restituiscono la posizione e Rossi torna in testa, ma per poco. Intanto Lorenzo, che si era portato sotto grazie alla lieve acqua, si stacca nuovamente e si deve accontentare del quarto posto davanti a Bradl e ai due Espargaro (stavolta Aleix precede Pol), mentre Andrea Dovizioso è ottavo. Davanti si arriva all’ultimo giro con Pedrosa che assalta Marquez all’arma bianca: lo passa una volta e viene ripassato, lo passa una seconda volta e nuovamente si ritrova dietro. Ultima curva: Dani va con il tutto per tutto ma tocca il posteriore del campione del mondo, finisce largo e viene infilato da Rossi che dunque ancora una volta finisce secondo All’arrivo tutti contenti per una grande gara: il più felice di tutti è Marc Marquez, imbattuto in stagione e adesso con 58 punti di vantaggio su Valentino e 63 su Pedrosa. In pratica, un’ipoteca sul Mondiale.

Marc Marquez ha vinto il Gran Premio di Catalogna 2014 di MotoGp, precedendo Valentino Rossi e Dani Pedrosa; quarto è Jorge Lorenzo. Gara fantastica, duello a tre per tutti i 25 giri del circuito di Montmelò: qualche goccia di pioggia e il rischio di rientrare ai box per cambiare moto, ma si procede: Pedrosa ci prova fino all’ultimo, ma Marquez resiste e alla fine costringe il compagno di squadra a provare il sorpasso estremo, che finisce con un errore che lo manda largo. Valentino Rossi entra ed è secondo, ancora una volta; e Marquez, che sale a quota 175 punti in classifica, è ancora una volta imbattibile. 

C’è ancora Valentino Rossi in testa al Gran Premio di Catalogna 2014 di MotoGp. Il Dottore ha preso un po’ di vantaggio su Marc Marquez, che ha avuto i suoi problemi nel resistere a un attacco di un ottimo Dani Pedrosa che riesce a saltare Jorge Lorenzo e si porta in zona podio. I due piloti Honda sono minacciosissimi: mancano 15 giri al termine e Rossi ha 4 decimi di vantaggio, avere dietro quei due (soprattutto Marquez) non è affatto semplice e infatti Marquez inizia a farsi vedere negli specchietti. Pedrosa prova a passare il campione del mondo, frena tardissimo ma deve poi allargare per evitare l’impatto. Teniamo le dita incrociate… 

E’ una gara belissima quella del Gran Premio di Catalogna 2014 MotoGp: Valentino Rossi è in testa, una bagarre fantastica con Jorge Lorenzo che brucia tutti in partenza e supera anche Dani Pedrosa che aveva avuto come sempre lo scatto migliore. Marc Marquez adesso è secondo e punta il Dottore: un Valentino che a 23 giri dal termine ha piazzato la zampata sul compagno di squadra e si è portato al comando. Solo che adesso alle sue spalle c’è il campione del mondo che finora ha vinto tutte le gare della stagione: anche al Montmelò si preannuncia la vittoria del 93, perchè Rossi sta provando ad andarsene ma non ci riesce. Quarto Dani Pedrosa, Dovizioso si trova in settima posizione.

Si parte: la gara del Gran Premio di Catalogna 2014 MotoGp sta per cominciare. Per una volta non c’è Marc Marquez in pole position: Dani Pedrosa ha spezzato il dominio del campione del mondo. Per scoprire se sarà in grado anche di fermare la striscia di vittorie (arrivata a sei) bisognerà aspettare; intanto anche Jorge Lorenzo e Valentino Rossi sono pronti e sognano uno sgambetto al cannibale della stagione 2014. 

Dani Pedrosa conferma la pole position di ieri risultando il pilota più veloce nel warm up: al Gran Premio di Catalogna 2014, sul circuito del Montmelò, le indicazioni che arrivano dalla MotoGp sembrano essere chiare: Honda dominanti e Yamaha subito a ruota, a giocarsela ad armi pari. Se vogliamo la notizia è che anche questa mattina Marc Marquez non è il migliore: il campione del mondo in carica ha dovuto rinunciare alla settima pole position consecutiva causa una caduta nel suo ultimo tentativo, e questa mattina ha sofferto la velocità del compagno di squadra che con 1’42”384 lo ha tenuto dietro per due decimi. Alle loro spalle arrivano le Yamaha ufficiali: Jorge Lorenzo, finalmente in palla, rimane sotto i 4 decimi di svantaggio mentre sotto il mezzo secondo c’è Valentino Rossi, che tiene dietro Aleix Espargaro. Peccato che il Dottore sia stato protagonista di una caduta nel finale: l’anteriore della sua Yamaha si è chiuso e lo scivolone è stato inevitabile. Niente di grave per Valentino che si è subito rialzaqto e ha fatto cenno di star bene; nel warm up inoltre va segnalato che Andrea Dovizioso è rimasto ai box per tutto il tempo, decidendo di non rischiare e di guardare da fuori quello che succedeva in pista. Alle 14 scatta la gara: Pedrosa e Marquez restano i favoriti, ma le Yamaha possono insidiare. Soprattutto: qualcuno riuscirà a spezzare la serie di vittorie di Marc Marquez, dopo avergli cancellato le pole position consecutive?

Oggi, domenica 15 giugno, torna in diretta la MotoGp. Si disputa infatti la gara del Gran Premio di Catalogna 2014 al Montmelò, località nei pressi di Barcellona che ospita un circuito sul quale il Motomondiale fa tappa senza interruzioni ormai da oltre vent’anni: la gara catalana è insomma ormai un grande classico per il motociclismo, su uno dei tracciati tecnicamente più completi del calendario iridato. Si tratta della settima prova della stagione 2014, e finora ha vinto solamente Marc Marquez. Gli aggettivi cominciano a scarseggiare davanti alle grandissime imprese del centauro iberico, che però ieri ha subito la prima – parziale – sconfitta stagionale dovendosi accontentare del terzo posto in qualifica, prima volta senza pole position sulla griglia di partenza in questo 2014 per lui a dir poco magico finora. Davanti a lui ci sono il compagno di squadra Dani Pedrosa e l’altro grande di Spagna Jorge Lorenzo, che proveranno a tornare a lottare per la vittoria tra loro, come molto spesso succedeva prima dell’irrompere dell’uragano numero 93 (clicca qui per saperne di più sulla griglia di partenza e le qualifiche). In teoria questa dovrebbe essere una pista che avvantaggia la Yamaha, come mostrano i precedenti degli ultimi anni, però a dire il vero ieri la Honda ha occupato tre delle prime quattro posizioni. In quinta posizione troviamo poi Valentino Rossi, un po’ meglio del solito nelle qualifiche che restano comunque il suo tallone d’Achille: stavolta la seconda fila non è malvagia, a patto di partire bene il Dottore può davvero pensare di lottare per la vittoria su una pista dove d’altronde ha già ottenuto nove successi. In attesa del via alla gara, previsto alle ore 14.00, e ricordando che naturalmente la giornata avrà inizio già di primo mattino con il warm-up (ore 9.40), sempre importante per preparare al meglio le moto, andiamo a rileggere le dichiarazioni rilasciate da alcuni dei protagonisti ieri pomeriggio, al termine delle qualifiche. Giustamente, diamo la precedenza all’autore della pole position, che questa volta è Dani Pedrosa. Ecco le sue dichiarazioni: “È andata meglio che altrove, mi sentivo a posto, ho spinto bene e fatto un buon giro nonostante un errore in fase di cambiata. La pole qui va davvero bene, è importante ed è ancora più bella perché conquistata davanti alla mia famiglia e agli amici”. Ricordiamo infatti che Pedrosa – come d’altronde anche Marquez – è catalano, quindi quella di Barcellona è in tutti i sensi la gara di casa, ancora di più delle altre tre che si disputano in Spagna nel corso dell’anno. Ecco invece come Marquez ha spiegato la caduta che lo ha relegato in una terza posizione per lui anomala in questa stagione: “Non sempre va bene, su questa pista stiamo faticando di più. Per la pole si sapeva che sarebbe stata difficile, ma ci ho provato e alla prima curva dell’ultimo giro ho staccato troppo tardi, sapevo che ero al limite, è stato un mio errore”. Partire dalla prima fila di certo non è un dramma, anche se entrambi i connazionali rivali gli stanno davanti. Secondo infatti è stato Jorge Lorenzo, che ha commentato così la sua prestazione: “È andata bene, è stato difficile trovare un buon setting perché qui ci sono molte buche, ho rischiato tanto, ma la posizione in vista della gara è buona”. Questa invece è stata l’analisi di Valentino Rossi dopo il quinto posto nelle qualifiche: “Era importante finire nei primi cinque quindi la posizione va bene, anche se sarebbe stato meglio centrare la prima fila. Non siamo molto veloci in entrata di curva, abbiamo qualche problema, poi qui gli spagnoli sono sempre molto veloci e molto forti. Per la gara sarebbe meglio un po’ di fresco, ma non solo per noi, per tutti. Jorge è sempre stato un po’ più veloce di me, soprattutto nell’ultimo settore, ed è lì che devo crescere”. La risposta su quanto potrà succedere naturalmente spetta solamente alla pista. Non è comunque più il tempo delle parole, dei numeri e delle ipotesi, fra poco ruggiranno i motori. La linea allora deve andare al circuito del Montmelò a Barcellona, dove la diretta della gara del Gran Premio di Catalogna 2014 della MotoGp sta per cominciare…

Pos. Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora Distanza1st/Prev.
1 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 342.2 1’42.384  
2 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 342.5 1’42.589 0.205 / 0.205
3 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 339.3 1’42.766 0.382 / 0.177
4 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 341.9 1’42.831 0.447 / 0.065
5 41 Aleix ESPARGARO SPA NGM Forward Racing Forward Yamaha 338.0 1’42.871 0.487 / 0.040
6 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 338.9 1’43.113 0.729 / 0.242
7 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 344.2 1’43.330 0.946 / 0.217
8 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 338.7 1’43.347 0.963 / 0.017
9 19 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda 340.3 1’43.549 1.165 / 0.202
10 69 Nicky HAYDEN USA Drive M7 Aspar Honda 328.3 1’43.784 1.400 / 0.235
11 68 Yonny HERNANDEZ COL Energy T.I. Pramac Racing Ducati 341.2 1’43.909 1.525 / 0.125
12 35 Cal CRUTCHLOW GBR Ducati Team Ducati 340.8 1’43.913 1.529 / 0.004
13 45 Scott REDDING GBR GO&FUN Honda Gresini Honda 325.7 1’44.078 1.694 / 0.165
14 7 Hiroshi AOYAMA JPN Drive M7 Aspar Honda 327.9 1’44.236 1.852 / 0.158
15 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Honda 328.7 1’44.469 2.085 / 0.233
16 51 Michele PIRRO ITA Ducati Team Ducati 334.9 1’44.654 2.270 / 0.185
17 5 Colin EDWARDS USA NGM Forward Racing Forward Yamaha 330.3 1’44.657 2.273 / 0.003
18 23 Broc PARKES AUS Paul Bird Motorsport PBM 321.6 1’44.882 2.498 / 0.225
19 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Avintia 321.6 1’44.951 2.567 / 0.069
20 63 Mike DI MEGLIO FRA Avintia Racing Avintia 322.0 1’45.105 2.721 / 0.154
21 29 Andrea IANNONE ITA Pramac Racing Ducati 331.5 1’46.088 3.704 / 0.983
22 84 Michel FABRIZIO ITA Octo IodaRacing Team ART 324.7 1’46.613 4.229 / 0.525
23 70 Michael LAVERTY GBR Paul Bird Motorsport PBM 325.4 1’47.203 4.819 / 0.590
  4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati

 

Pos. Punti Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora/Distanza
1 25 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 165.0 42’56.914
2 20 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 165.0 +0.512
3 16 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 164.9 +1.834
4 13 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 164.8 +4.540
5 11 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 164.3 +11.148
6 10 41 Aleix ESPARGARO SPA NGM Forward Racing Forward Yamaha 164.1 +14.213
7 9 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 164.0 +16.127
8 8 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 164.0 +16.175
9 7 29 Andrea IANNONE ITA Pramac Racing Ducati 163.9 +18.040
10 6 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 163.5 +24.781
11 5 68 Yonny HERNANDEZ COL Energy T.I. Pramac Racing Ducati 162.7 +37.153
12 4 45 Scott REDDING GBR GO&FUN Honda Gresini Honda 162.3 +42.921
13 3 69 Nicky HAYDEN USA Drive M7 Aspar Honda 162.3 +43.299
14 2 51 Michele PIRRO ITA Ducati Team Ducati 161.6 +55.157
15 1 7 Hiroshi AOYAMA JPN Drive M7 Aspar Honda 161.3 +59.191
16   23 Broc PARKES AUS Paul Bird Motorsport PBM 161.2 +1’00.906
17   70 Michael LAVERTY GBR Paul Bird Motorsport PBM 161.2 +1’01.284
18   5 Colin EDWARDS USA NGM Forward Racing Forward Yamaha 160.9 +1’06.121
19   8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Avintia 159.8 +1’25.195
20   84 Michel FABRIZIO ITA Octo IodaRacing Team ART 158.8 +1’40.665
Non classificato
    63 Mike DI MEGLIO FRA Avintia Racing Avintia 159.1 8 Giri
    35 Cal CRUTCHLOW GBR Ducati Team Ducati 155.9 15 Giri
    19 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda 161.2 22 Giri
    17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Honda 152.6 24 Giri

 

Pos. Pilota Moto Nazione Punti
1 Marc MARQUEZ Honda SPA 175
2 Valentino ROSSI Yamaha ITA 117
3 Dani PEDROSA Honda SPA 112
4 Jorge LORENZO Yamaha SPA 78
5 Andrea DOVIZIOSO Ducati ITA 71
6 Pol ESPARGARO Yamaha SPA 58
7 Aleix ESPARGARO Forward Yamaha SPA 54
8 Stefan BRADL Honda GER 50
9 Andrea IANNONE Ducati ITA 41
10 Bradley SMITH Yamaha GBR 40
11 Alvaro BAUTISTA Honda SPA 34
12 Yonny HERNANDEZ Ducati COL 27
13 Nicky HAYDEN Honda USA 26
14 Scott REDDING Honda GBR 25
15 Hiroshi AOYAMA Honda JPN 24
16 Cal CRUTCHLOW Ducati GBR 15
17 Karel ABRAHAM Honda CZE 13
18 Colin EDWARDS Forward Yamaha USA 8
19 Michele PIRRO Ducati ITA 7
20 Danilo PETRUCCI ART ITA 2
21 Hector BARBERA Avintia SPA 2
22 Broc PARKES PBM AUS 1



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori