MotoGp/ Gran Premio di Germania Sachsenring, pronostico di Manuel Poggiali (esclusiva)

MotoGp, Gran Premio di Germania 2014 sul circuito del Sachsenring: parla MANUEL POGGIALI. Il pronostico e la presentazione dell’ex pilota: sarà ancora Marquez contro tutti

11.07.2014 - int. Manuel Poggiali
bradl_sachsenring
Infophoto

Nona prova di un Mondiale MotoGp 2014 che non sembra avere storia. Anche nel Gran Premio di Germania sul circuito di Sachsenring l’obiettivo di tutti sarà quello di riuscire a battere per la prima volta in stagione il fenomeno spagnolo Marc Marquez, ma non sarà facile anche perché questa pista è adatta alla Honda. Questo potrebbe indicare nel suo compagno di squadra Dani Pedrosa il primo rivale del dominatore assoluto. Speriamo comunque in una grande prova di Valentino Rossi, che sta vivendo una stagione molto positiva, e della Ducati con Andrea Dovizioso, anche se per la Rossa probabilmente ci vorrà una gara bagnata per puntare ancora al podio. Per presentare il Gran Premio di Germania abbiamo sentito Manuel Poggiali. Eccolo in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.

Marquez vincerà anche in Germania? Risposta scontata: sarà ancora il grande favorito.
Qual è il suo segreto? E’ tutto un insieme di cose, la bravura di Marquez unita alla competenza e alla bravura dei tecnici della Honda. Un pacchetto veramente ideale.
Potremo sperare in una buona prova di Valentino Rossi? E’ quello che mi auguro, credo però che questo circuito sia più adatto alla Honda, quindi mi aspetto anche Pedrosa protagonista.
Credi in una conferma di Dovizioso e della Ducati? Penso che non sarà facile senza pioggia.
Come vedi invece Lorenzo? Speriamo possa fare una buona gara, secondo il suo valore, ma ripeto che questo è un circuito per la Honda, quindi anche Bautista e Bradl potrebbero ben figurare.
Vedi altri piloti protagonisti? Potrebbe far molto bene Aleix Espargaro.
In caso di pioggia? Tutto può succedere, ma va detto che questo circuito si asciuga rapidamente.
Come giudichi il Sachsenring? E’ un circuito lento, dove non si usa la sesta marcia ma al massimo la quinta. Ci sono molte accelerazioni e curve doppie che si affrontano come fossero una sola. Saranno importanti anche le gomme.
Come giudichi il livello dello spettacolo? Anche se vince sempre Marquez, mi sembrano comunque spettacolari, le emozioni non mancano. (Franco Vittadini)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori