Diretta/ MotoGp Gran Premio Repubblica Ceca 2014 a Brno: tempi, ordine di arrivo e classifica. Ha vinto Pedrosa, Rossi ancora terzo (17 agosto)

- La Redazione

MotoGp, Gran Premio della Repubblica Ceca 2014 sul circuito di Brno: tempi, ordine di arrivo e classifica. Vince Dani Pedrosa, per il leader Marc Marquez prima volta fuori dal podio

pedrosa_arrivo
Infophoto

Grande vittoria per Daniel Pedrosa nel Gran Premio della Repubblica Ceca 2014, sul circuito di Brno. Lo spagnolo della Honda ha preceduto sul podio Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, bravo a scippare il terzo posto al campione del mondo Marc Marquez replicando il piazzamento di una settimana fa ad Indianapolis. Marquez dal canto suo si è dichiarato “più leggero” nel dopogara, senza più la pressione di poter vincere tutte le corse della stagioine. Se questa sia una buona o una cattiva notizia per gli altri lo sapremo sin dal prossimo Gran Premio, in programma domenica 31 agosto in Gran Bretagna sul circuito di Silverstone. Nel frattempo Pedrosa riduce di qualche punto il distacco in classifica generale: ora si trova a 77 punti dal leader che resta saldamente Marquez, mentre Rossi consolida la terza posizione portandosi a +36 su Lorenzo. La MotoGp torna fra due settimane.

A quattro giri dalla fine Iannone supera Dovizioso e si riprende il quinto posto, nel bel duello in casa tra le due Ducati. Pedrosa torna a spingere avvertendo il recupero di Lorenzo, mentre Rossi sembra poter blindare il terzo gradino del podio anche perché Marquez pare accontentarsi del piazzamento. A tre giri dal termine del gran premio il distacco di Pedrosa su Lorenzo è ancora superiore al secondo, ormai sembra che solo un imprevisto possa togliere la vittoria allo spagnolo con il numero 26. Negli ultimi due giri Pedrosa protegge il suo vantaggio e allora finalmente possiamo scriverlo: si interrompe il dominio di Marc Marquez nel campionato mondiale di MotoGp 2014; il Gran Premio di Reppubblica Ceca sul circuito di Brno è vinto da Daniel Pedrosa! Per lo spagnolo della Honda si tratta del quarantanovesimo gran premio vinto nella classe regina, oltreché del podio numero 133 su 222 gare disputate. Secondo Jorge Lorenzo, terzo Valentino Rossi che ha saputo soffiare il podio al campione del mondo. Marquez dal canto suo ripassa il significato della parola ‘sconfitta’ (con le dovute virgolette, visto che resta il dominatore della classifica generale), mentre al quinto posto conclude Andrea Iannone dopo un duello estenuante con il compagno Andrea Dovizioso. 

A otto giri dal termine Pedrosa si mantiene al primo posto, Lorenzo al secondo e Rossi al terzo, con Marquez alle calcagna. Seguono le due Ducati nell’ordine Iannone-Dovizioso a pochi decimi di distanza l’uno dall’altro, poi Bradl settimo, Aleix Espargaro ottavo, Bradley Smith nono ed Alvaro Bautista decimo. Valentino Rossi guadagna ancora qualche decimo rispetto a Marquez che per la prima volta in stagione sembra in difficoltà, Lorenzo spinge ma il primato di Pedrosa resta lontano di oltre un secondo. A sette giri dal termine Dovizioso sorpassa Iannone e si porta al quinto posto. A cinque giri dal termine Lorenzo comincia a rosicchiare qualche decimo al connazionale della Honda. 

A quattordici giri dal termine ritiro per Cal Crutchlow che torna al box Ducati: il pilota inglese ha ceduto al dolore alla spalla procuratosi al primo giro, quando era leggermente scivolato. In testa prosegue la fuga di Pedrosa che spinge su tempi strepitosi, mentre Marquez comincia a mettere pressione a Lorenzo che mantiene la seconda posizione. Valentino Rossi resta quarto seguito dalle due Ducati, Andrea Iannone prima ed Andrea Dovizioso poi. Stefan Bradl settimo, Aleix Espargaro ottavo. A undici giri dal termine Rossi si avvicina a Marquez che non perde qualche decimo; a dieci giri dal termine il Dottore cerca di passare all’interno per due volte, ma Marquez resiste. Sfida aperta per il terzo posto mentre in testa Pedrosa aumenta il suo distacco da Lorenzo per qualche decimo. Dopo qualche curva Rossi supera Marquez, che però resta attaccato: si prospettano scintille tra i due! 

Pedrosa accelera e passa in seconda posizione a venti giri dal termine del Gran Premio di Brno 2014, mentre al primo posto Lorenzo spinge come un dannato. Iannone difende il terzo posto dalla pressione di Valentino Rossi, tallonato da Marquez al quinto posto mentre Dovizioso è scivolato in sesta posizione. A 19 giri dal termine Marquez sorpassa Rossi alla sua maniera e si porta al quarto posto, alle spalle di Iannone; Rossi prova un coraggioso controsorpasso ai danni di Marquez ma deve desistere per il momento. Anche perché a diciotto giri dal termine Marquez decide di ‘mangiarsi’ Iannone: Andrea però si rivela un osso durissimo e per un lungo tratto rende pan per focaccia al campione del mondo; i due arrivano anche a toccarsi un paio di volte ma poi Iannone deve cedere la posizione: Rossi approfitta della bagarre e si porta in quarta posizione. A 17 giri dal termine numero di Pedrosa che approfitta dello spazio concesso da Lorenzo e lo passa, conquistando la testa della corsa. A sedici giri dal termine due ritiri: quelli di Michael Laverty e di Pol Espargaro, entrambi scivolati fuori pista (per fortuna senza conseguenze fisiche). 

In corso il Gran Premio della Repubblica CecA 2014 sul circuito di Brno. Partenza sprint di Andrea Iannone che si è preso la prima posizione, poi Andrea Dovizioso e Dani Pedrosa, che hanno superato Marc Marquez; a loro si unisce anche Valentino Rossi che dopo qualche curva supera il compagno di squadra e campione del mondo. Molto aggressivo Lorenzo che cerca di rubare la posizione a Pedrosa e ci riesce al secondo giro. Successivamente Lorenzo attacca internamente e supera entrambe le Ducati: parte l’attacco di Jorge al record di Marquez! 

Ci siamo, è tutto pronto per la partenza della gara di MotoGp 2014 in Repubblica Ceca, sul circuito di Brno. La domanda orina del semaforo verde è sempre la stessa: riuscirà qualcuno a battere Marc Marquez? Il campione del mondo in carica è come al solito in pole position, con le Ducati di Andrea Dovizioso ed Andrea Iannone alle calcagna. In seconda fila partiranno Bradley Smith, Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo mentre in terza Valentino Rossi, Stefan Bradl e Pol Espargaro. Il Dottore torna u’altra volta nel luogo della prima volta: a Brno vinse il suo primo gran premio nella classe regina, chissà che il ricordo non possa stimolarlo ancora di più per regalare emozioni extra (dovrà però fare i conti con un infortunio al mignolo della mano sinistra, bucato nell’incidente durante le prove). Davanti però avrà sei piloti tutti ben intenzionati, almeno sulla griglia di partenza: ora stop alle chiacchiere e parola ai motori, il Gran Premio di Brno 2014 comincia! 

Concluso il warm-up prima del Gran Premio della Repubblica Ceca sul circuito di Brno, undicesimo appuntamento del campionato 2014 di MotoGp. Jorge Lorenzo davanti a tutti: il pilota spagnolo della Yamaha ha fatto registrare il miglior tempo del warm-up girando in 1’55.973. Alle sue spalle non molla Andrea Dovizioso su Ducati: per lui il tempo di 1’56.450 che basta per piazzarsi davanti al campione del mondo Marc Marquez. Quest’ultimo ha preceduto il connazionale Dani Pedrosa ed Andrea Iannone, mentre Valentino Rossi ha conseguito il nono risultato con il tempo di 1’56’999. Ora fari puntati sulla gara che comincerà alle ore 14:00: in prima fila Marquez, Dovizioso e Iannone seguiti da Bradley Smith, Pedrosa e Lorenzo.

Tutto pronto per il warm-up di MotoGp, che prende il via sotto un cielo grigio dopo una spettacolare sessione di Moto2 che ha visto tempi stratosferici e spettacolari cadute. Ma adesso è il momento della classe regina, la diretta della MotoGp sta per cominciare… 

Tra meno di un’ora la MotoGp scenderà in pista per il warm-up del Gp di Brno, che seguiremo in diretta live. Tanta attesa per il duello Honda-Yamaha, e per Marc Marquez che punta a testa bassa all’ennesima vittoria consecutiva. Al momento su Brno splende un timido sole, la temperatura è bassina, siamo sui 12 gradi ma non piove, e il tempo dovrebbe tenere dal punto di vista delle precipitazioni per tutta la giornata. Sarà molto importante per i piloti la stabilità del tempo per riuscire a testare l’assetto gara in modo efficace, visto che molti corridori, tra cui Valentino Rossi, hanno molto cambiato nel corso del week-end l’assetto della propria MotoGp. Se saranno state scelte azzeccate, lo vedremo come sempre in gara 

Oggi, domenica 17 agosto, torna in diretta la MotoGp. Si disputa infatti alle ore 14.00 la gara del Gran Premio della Repubblica Ceca 2014, undicesimo appuntamento stagionale con il Motomondiale che si svolge sullo storico e affascinante circuito di Brno, principale città della Moravia. La giornata avrà però inizio come di consueto con il warm-up mattutino alle ore 9.40, gli ultimi 20 minuti concessi ai piloti e alle loro squadre per preparare al meglio le proprie moto. Ci troviamo dunque sulle colline che circondano la seconda città della Repubblica Ceca, e il terreno ondulato è proprio una delle principali caratteristiche della pista, che spicca appunto per i suoi numerosi saliscendi: un tracciato che piace a tutti perché tra le più tecniche e veloci dell’intero calendario iridato, e spiace pensare che nei prossimi anni potrebbe uscire dal Mondiale a causa di problemi economici che già hanno costretto Brno ad uscire dal calendario di altre competizioni come ad esempio la Superbike. Giustamente però si farà di tutto per conservare la categoria più importante, in un luogo dove si corre ormai da circa 90 anni, anche se naturalmente enormi sono stati i cambiamenti in un arco di tempo così lungo. Curiosità: la pista è di proprietà della famiglia del pilota ceco Karel Abraham ed è intitolata alla memoria di Tomas Masaryk, fondatore e primo presidente della Cecoslovacchia dopo la Prima Guerra Mondiale. Forte richiamo alla storia, e in effetti un capitolo di storia (anche se del motociclismo) potrebbe essere scritto da Marc Marquez se riuscisse a vincere l’undicesima vittoria consecutiva, che andrebbe a completare la più lunga striscia di vittorie di tutti i tempi con inizio dalla prima gara di un Mondiale. La classifica parla chiaro: Marquez è naturalmente a punteggio pieno con 250 punti (25×10, facile fare i punti…), mentre alle sue spalle troviamo Daniel Pedrosa con 161 punti e Valentino Rossi a quota 157. Questo vuol dire che ormai sono cominciati i calcoli per capire quando il numero 93 potrebbe conquistare matematicamente il suo secondo titolo consecutivo nella classe regina, terzo compreso quello del 2012 in Moto2: al momento i punti vantaggio sono 89 su Dani e 93 su Valentino. La prima ipotesi sarebbe Misano, domenica 14 settembre: gli servirà avere 125 punti di vantaggio al termine della gara, dunque guadagnarne 36 su Pedrosa e 32 su Rossi tra Brno, Silverstone e appunto Misano. Non facile, ma già il fatto che se ne parli è impressionante, se si considera che dopo la gara romagnola ne mancheranno altre cinque. Molto più credibile l’ipotesi Aragon (domenica 28 settembre): per laurearsi campione del Mondo in casa gli servirà un margine di 100 punti, e ciò significa che ne deve guadagnare 11 su Dani e 7 sul Dottore nel giro di quattro Gran Premi. Per il Marquez del 2014, dovrebbe essere ordinaria amministrazione. Intanto però tutti vogliono sapere se continuerà la striscia di vittorie. Successi che hanno aperto ad ipotesi di tutti i tipi, compresa l’idea di correre anche in Moto2 a Valencia, nell’ultima gara stagionale: progetto che però sembra essere di realizzazione molto difficile, tanto che Marc ha detto che al 95% non si farà. Intanto, qui a Brno è cresciuta la pattuglia di piloti italiani con Michele Pirro wild-card per la Ducati e il sammarinese Alex De Angelis che ha preso il posto di Colin Edwards in sella alla Yamaha Forward Open. Belle notizie, anche se le speranze di ben figurare sono affidate naturalmente al terzetto che ci ha esaltato all’inizio della gara di Indianapolis e in particolare a Valentino Rossi, che sulla pista ceca ha vinto per ben sette volte in carriera. Come andrà oggi? Lo sapremo presto… La linea allora deve andare al circuito di Brno, dove la diretta della gara e del warm-up del Gran Premio della Repubblica Ceca 2014 della MotoGp sta per cominciare…

Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 309.0 1’55.973
2 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 309.9 1’56.450 0.477 / 0.477
3 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 307.6 1’56.467 0.494 / 0.017
4 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 311.1 1’56.628 0.655 / 0.161
5 29 Andrea IANNONE ITA Pramac Racing Ducati 308.4 1’56.662 0.689 / 0.034
6 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 308.8 1’56.757 0.784 / 0.095
7 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 307.2 1’56.895 0.922 / 0.138
8 41 Aleix ESPARGARO SPA NGM Forward Racing Forward Yamaha 301.0 1’56.982 1.009 / 0.087
9 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 305.5 1’56.999 1.026 / 0.017
10 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 306.9 1’57.097 1.124 / 0.098
11 19 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda 309.8 1’57.123 1.150 / 0.026
12 35 Cal CRUTCHLOW GBR Ducati Team Ducati 311.3 1’57.451 1.478 / 0.328
13 51 Michele PIRRO ITA Ducati Team Ducati 306.9 1’57.683 1.710 / 0.232
14 68 Yonny HERNANDEZ COL Energy T.I. Pramac Racing Ducati 303.7 1’57.816 1.843 / 0.133
15 7 Hiroshi AOYAMA JPN Drive M7 Aspar Honda 299.1 1’58.114 2.141 / 0.298
16 45 Scott REDDING GBR GO&FUN Honda Gresini Honda 290.4 1’58.765 2.792 / 0.651
17 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Honda 296.7 1’59.018 3.045 / 0.253
18 2 Leon CAMIER GBR Drive M7 Aspar Honda 293.0 1’59.250 3.277 / 0.232
19 15 Alex DE ANGELIS RSM NGM Forward Racing Forward Yamaha 301.8 1’59.319 3.346 / 0.069
20 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Avintia 292.6 1’59.494 3.521 / 0.175
21 9 Danilo PETRUCCI ITA Octo IodaRacing Team ART 291.1 1’59.573 3.600 / 0.079
22 23 Broc PARKES AUS Paul Bird Motorsport PBM 294.1 1’59.600 3.627 / 0.027
23 70 Michael LAVERTY GBR Paul Bird Motorsport PBM 295.4 1’59.927 3.954 / 0.327
24 63 Mike DI MEGLIO FRA Avintia Racing Avintia 291.8 2’00.687 4.714 / 0.760
Pos. Points Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time/Gap
1 25 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 166.6 42’47.800
2 20 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 166.6 +0.410
3 16 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 166.3 +5.259
4 13 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 165.9 +10.454
5 11 29 Andrea IANNONE ITA Pramac Racing Ducati 165.5 +17.639
6 10 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 165.4 +17.834
7 9 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 165.1 +23.819
8 8 41 Aleix ESPARGARO SPA NGM Forward Racing Forward Yamaha 164.7 +29.621
9 7 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 164.6 +30.364
10 6 19 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda 164.2 +37.639
11 5 45 Scott REDDING GBR GO&FUN Honda Gresini Honda 163.1 +55.604
12 4 51 Michele PIRRO ITA Ducati Team Ducati 163.0 +56.727
13 3 7 Hiroshi AOYAMA JPN Drive M7 Aspar Honda 163.0 +56.908
14 2 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Honda 162.5 +1’04.135
15 1 2 Leon CAMIER GBR Drive M7 Aspar Honda 162.5 +1’04.902
16   15 Alex DE ANGELIS RSM NGM Forward Racing Forward Yamaha 161.5 +1’20.666
17   8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Avintia 161.3 +1’24.282
18   63 Mike DI MEGLIO FRA Avintia Racing Avintia 161.1 +1’27.436
19   23 Broc PARKES AUS Paul Bird Motorsport PBM 160.4 +1’38.867
Not Classified
    9 Danilo PETRUCCI ITA Octo IodaRacing Team ART 161.5 2 Laps
    35 Cal CRUTCHLOW GBR Ducati Team Ducati 148.1 15 Laps
    44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 164.2 16 Laps
    70 Michael LAVERTY GBR Paul Bird Motorsport PBM 160.4 16 Laps
    68 Yonny HERNANDEZ COL Energy T.I. Pramac Racing Ducati 157.5 17 Laps
Pos. Rider Bike Nation Points
1 Marc MARQUEZ Honda SPA 263
2 Dani PEDROSA Honda SPA 186
3 Valentino ROSSI Yamaha ITA 173
4 Jorge LORENZO Yamaha SPA 137
5 Andrea DOVIZIOSO Ducati ITA 118
6 Aleix ESPARGARO Forward Yamaha SPA 85
7 Pol ESPARGARO Yamaha SPA 78
8 Andrea IANNONE Ducati ITA 73
9 Stefan BRADL Honda GER 65
10 Bradley SMITH Yamaha GBR 65
11 Alvaro BAUTISTA Honda SPA 56
12 Scott REDDING Honda GBR 45
13 Hiroshi AOYAMA Honda JPN 37
14 Cal CRUTCHLOW Ducati GBR 36
15 Nicky HAYDEN Honda USA 29
16 Yonny HERNANDEZ Ducati COL 27
17 Karel ABRAHAM Honda CZE 25
18 Colin EDWARDS Forward Yamaha USA 11
19 Michele PIRRO Ducati ITA 11
20 Broc PARKES PBM AUS 7
21 Mike DI MEGLIO Avintia FRA 4
22 Danilo PETRUCCI ART ITA 4
23 Michael LAVERTY PBM GBR 2
24 Hector BARBERA Avintia SPA 2
25 Leon CAMIER Honda GBR 1


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori