Diretta / MotoGp prove libere FP2 Gran Premio di Indianapolis 2014 live: solito Marquez, acuto Iannone (oggi 8 agosto)

- La Redazione

Diretta MotoGp, le prove libere del Gran Premio di Indianapolis 2014 live: segui in tempo reale le sessioni FP1 e FP2 che caratterizzeranno la giornata di oggi venerdì 8 agosto

marquez_sachsenring
Diretta MotoGp (Infophoto)

Il solito Marc Marquez regola tutti nella seconda sessione di prove libere di MotoGp che si è appena conclusa. Un 1:32:882 inarrivabile per chiunque, con Valentino Rossi che precipita in nona posizione. Bell’exploit delle Ducati, con Iannone che si ferma a 2 decimi dal Marziano e Dovizioso che centra un bel quarto tempo. Lorenzo risorge proprio allo scadere, ma il suo terzo posto maschera male un ritardo da Marquez di oltre mezzo secondo. Pedrosa e Bradl sono separati da un nonnulla, Crutchlow ormai ex e solo tredicesimo. Per gli Espargaro molto fumo, ma alla fine niente arrosto

Tutto è pronto per la diretta di MotoGp che propone le prove libere 2 del gran premio di Indianapolis. Valentino Rossi ha segnato il tempo da battere, e ora le Honda sono scatenate all’inseguimento per ristabilire i rapporti di forza. Come andrà a finire? 

Un fantastico Valentino Rossi ha chiuso la prima sessione di prove libere FP1 del Gran Premio di Indianapolis 2014 della MotoGp segnando il miglior tempo e bloccando il cronometro sul 1:34.535. Questa mattina si sono registrati tempi nettamente più veloci rispetto all’anno scorso: complice la nuova asfaltatura della pista, che ha modificato le informazioni precedenti su consumo gomme e grip. A breve distanza dal Dottore c’è un’altra Yamaha: è quella dell’inglese Bradley Smith, che ha brillantemente condotto questa prima sessione di prove, chiudendole sul filo del rasoio ad appena 0.034 di ritardo da Rossi. Terzo cronometro per Andrea Iannone, che ha portato la sua Ducati a fermare l’orologio sul 1:34.579: ottima prestazione per il centauro italiano del Team Pramac. Solo quinto invece Marc Marquez, dopo aver dominato a lungo la prima parte di questa FP1: lo spagnolo è infatti è stato il primo a scendere sotto l’1:35, senza però poi migliorarsi di molto. Problemi ai freni per l’altra Honda ufficiale di Dani Pedrosa, fermo alla sedicesima posizione. – 

MotoGp in diretta da Indianapolis: oggi pomeriggio (ora italiana) con le prove libere FP1 comincia il weekend del Gran Premio che costituisce il decimo appuntamento con il Motomondiale di quest’anno. E’ un momento atteso perché si torna in pista dopo ben quattro settimane di pausa estiva, e all’Indianapolis Motor Speedway avrà infatti inizio la seconda metà di una stagione che finora ha avuto un solo dominatore, cioè Marc Marquez. Fra pochi minuti avremo dunque le prime risposte sul quesito che aleggia nell’aria: continuerà il dominio totale dello spagnolo? E cosa sapranno fare Valentino Rossi e la Ducati? La parola all’asfalto – e al cronometro… 

Torna protagonista la MotoGp, che riaccende oggi i motori dopo ben quattro settimane di pausa estiva: in diretta ecco le due sessioni di prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio di Indianapolis, decima gara del Motomondiale 2014 che si disputerà sul circuito dell’Indianapolis Motor Speedway, un luogo mitico per gli sport motoristici. Siamo nella “casa” della leggendaria 500 Miglia di Indianapolis, e sul circuito ricavato all’interno dell’Ovale – di cui si sfrutta soprattutto il rettilineo d’arrivo per poi affrontare un tratto centrale misto – ricomincerà la cavalcata di Marc Marquez verso un titolo iridato già in cassaforte dopo solo metà stagione. D’altronde, con nove vittorie per il pilota spagnolo della Honda Hrc in altrettante gare disputate, è difficile immaginare un epilogo diverso per la stagione 2014. Per tutti gli altri centauri l’obiettivo è quello di riuscire almeno a spezzare il monopolio delle vittorie nelle singole gare. Il rivale più accreditato potrebbe essere Dani Pedrosa, secondo nella classifica del Mondiale Piloti, compagno di squadra del numero 93 nel team interno della Honda e unico pilota capace di vincere a Indianapolis per due volte nella classe regina dal 2008, anno in cui questa corsa fece la sua prima apparizione nel calendario iridato. Valentino Rossi invece ha vinto qui una sola volta: cosa saprà fare il Dottore in sella alla sua Yamaha in questa gara di metà agosto che ci proietta verso una fase molto intensa, con le prossime nove gare nel giro di tre soli mesi? Prima però di tuffarci nella stretta attualità e vedere quali saranno i primi risultati in pista di questo lungo week-end, facciamo un breve ripasso della storia di questa corsa. Come abbiamo già accennato, si tratta di una storia piuttosto breve, visto che soltanto a partire dal 2008 il Motomondiale fa tappa ad Indianapolis, sulla pista che era già stata utilizzata per diverse stagioni dalla Formula 1, ma con alcune piccole modifiche e opposto senso di marcia. Tra l’altro, quest’anno è stata apportata qualche ulteriore modifica, per cui la lunghezza del circuito è passata da 4216 a 4170 metri, e per questo motivo ci saranno anche nuovi record della pista da registrare. Se il luogo è mitico, bisogna però ammettere che la pista non è in genere tra le più amate dai piloti, a causa delle sue caratteristiche decisamente anomale dovute appunto al fatto che è un mix dell’Ovale e della parte stradale intermedia, due parti con caratteristiche tecniche e necessità di assetto molto diverse. Basterebbe dire che pure il tipo di asfalto è completamente diverso, anche se le modifiche di quest’anno aiuteranno in tal senso perché si passerà da quattro a soli due tipi di asfalto differenti, oltre naturalmente alla mitica ‘Brickyard’, la linea del traguardo che è stata lasciata in mattoncini come era originariamente l’intero Ovale. In totale si tratterà del ventiseiesimo Gran Premio nella storia del Motomondiale che si disputerà negli Stati Uniti, che a lungo sono rimasti fuori dal calendario. Negli ultimi anni invece le cose sono cambiate, arrivando addirittura a toccare quota tre gare stagionali con Laguna Seca e Austin oltre ad Indianapolis, anche se quest’anno l’uscita di scena del circuito californiano ha riportato gli Usa a quota due. In tutta onestà però bisogna dire che il feeling è piuttosto scarso, anche perché sono ormai lontani i tempi in cui i piloti americani dominavano la scena: da Kenny Roberts a Freddie Spencer, da Eddie Lawson a Wayne Rainey fino a Kevin Schwantz per circa 15 anni il dominio dei centauri statunitensi è stato praticamente totale. Da allora però tutto è cambiato, e gli isolati acuti di Kenny Roberts jr e Nicky Hayden non sono stati sufficienti. Anche quest’anno in effetti dovrebbero farla da padrone gli spagnoli, con gli italiani primi rivali dei “cugini” latini. Sarà davvero così? Fra poco lo sapremo. Ma adesso è giunto il tempo di far parlare la pista: le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio di Indianapolis 2014 della MotoGp stanno per cominciare…

Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 339.4 1’34.535  
2 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 337.8 1’34.569 0.034 / 0.034
3 29 Andrea IANNONE ITA Pramac Racing Ducati 340.7 1’34.579 0.044 / 0.010
4 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 336.7 1’34.678 0.143 / 0.099
5 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 340.0 1’34.885 0.350 / 0.207
6 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 337.1 1’35.084 0.549 / 0.199
7 45 Scott REDDING GBR GO&FUN Honda Gresini Honda 325.6 1’35.122 0.587 / 0.038
8 41 Aleix ESPARGARO SPA NGM Forward Racing Forward Yamaha 333.0 1’35.283 0.748 / 0.161
9 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 339.0 1’35.445 0.910 / 0.162
10 68 Yonny HERNANDEZ COL Energy T.I. Pramac Racing Ducati 334.4 1’35.501 0.966 / 0.056
11 5 Colin EDWARDS USA NGM Forward Racing Forward Yamaha 337.4 1’35.743 1.208 / 0.242
12 35 Cal CRUTCHLOW GBR Ducati Team Ducati 333.7 1’35.935 1.400 / 0.192
13 7 Hiroshi AOYAMA JPN Drive M7 Aspar Honda 324.1 1’35.953 1.418 / 0.018
14 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 337.0 1’35.972 1.437 / 0.019
15 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Honda 322.6 1’35.995 1.460 / 0.023
16 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 333.4 1’36.419 1.884 / 0.424
17 19 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda 340.9 1’36.436 1.901 / 0.017
18 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Avintia 321.9 1’36.444 1.909 / 0.008
19 23 Broc PARKES AUS Paul Bird Motorsport PBM 313.7 1’36.445 1.910 / 0.001
20 9 Danilo PETRUCCI ITA Octo IodaRacing Team ART 316.0 1’36.837 2.302 / 0.392
21 70 Michael LAVERTY GBR Paul Bird Motorsport PBM 320.9 1’38.399 3.864 / 1.562
22 63 Mike DI MEGLIO FRA Avintia Racing Avintia 318.8 1’38.405 3.870 / 0.006
23 2 Leon CAMIER GBR Drive M7 Aspar Honda 316.9 1’39.962 5.427 / 1.557
Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 340.6 1’32.882
2 29 Andrea IANNONE ITA Pramac Racing Ducati 339.7 1’33.104 0.222 / 0.222
3 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 336.7 1’33.424 0.542 / 0.320
4 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 339.4 1’33.432 0.550 / 0.008
5 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 340.2 1’33.493 0.611 / 0.061
6 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 340.4 1’33.513 0.631 / 0.020
7 68 Yonny HERNANDEZ COL Energy T.I. Pramac Racing Ducati 339.9 1’33.531 0.649 / 0.018
8 41 Aleix ESPARGARO SPA NGM Forward Racing Forward Yamaha 331.9 1’33.587 0.705 / 0.056
9 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 338.0 1’33.598 0.716 / 0.011
10 38 Bradley SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 338.8 1’33.621 0.739 / 0.023
11 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 339.3 1’33.690 0.808 / 0.069
12 45 Scott REDDING GBR GO&FUN Honda Gresini Honda 323.5 1’33.971 1.089 / 0.281
13 35 Cal CRUTCHLOW GBR Ducati Team Ducati 338.4 1’33.996 1.114 / 0.025
14 19 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda 342.5 1’34.054 1.172 / 0.058
15 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Honda 323.9 1’34.912 2.030 / 0.858
16 5 Colin EDWARDS USA NGM Forward Racing Forward Yamaha 336.8 1’34.994 2.112 / 0.082
17 7 Hiroshi AOYAMA JPN Drive M7 Aspar Honda 330.2 1’35.106 2.224 / 0.112
18 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Avintia 322.0 1’35.231 2.349 / 0.125
19 70 Michael LAVERTY GBR Paul Bird Motorsport PBM 324.4 1’35.472 2.590 / 0.241
20 9 Danilo PETRUCCI ITA Octo IodaRacing Team ART 320.0 1’35.721 2.839 / 0.249
21 63 Mike DI MEGLIO FRA Avintia Racing Avintia 320.9 1’35.749 2.867 / 0.028
22 23 Broc PARKES AUS Paul Bird Motorsport PBM 319.0 1’35.941 3.059 / 0.192
23 2 Leon CAMIER GBR Drive M7 Aspar Honda 318.3 1’36.394 3.512 / 0.453

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori