JORGE LORENZO VS VALENTINO ROSSI / MotoGp, diretta streaming video Sky dell’intervista all’iridato. Rossi ancora arrabbiato (oggi 11 novembre)

- La Redazione

Jorge Lorenzo vs Valentino Rossi, MotoGp: diretta e info streaming video su Sky dell’intervista al Campione del Mondo 2015. Jorge V – La versione di Lorenzo oggi alle 17 su Sky Sport MotoGp

lorenzo_marquez_valentino
Jorge Lorenzo, Marc Marquez e Valentino Rossi (Infophoto)

Tra le notizie legate alla vicenda che ha tenuto alta la tensione nel mondo della Moto Gp c’è quella della mancata pubblicazione della telemetria Honda. Così Valentino Rossi è voluto tornare su quanto accaduto con Marc Marquez: “Avranno detto sicuramente che l’hanno fatto per il bene dello sport. Io vorrei capire però come possono dimostrare da quei dati che io abbia dato un calcio. E’ difficile trovare motivazioni dopo quanto è accaduto. Domenica avevo ancora dentro l’adrenalina suscitata dalla gara, lunedì invece è stato davvero difficile tornare in pista. Nei test ho faticato molto a guidare. Servirà del tempo per assimilare quanto accaduto, non per dimenticare perchè quello è impossibile“.

Un Jorge Lorenzo molto sereno quello che esce dall’intervista da poco andata in onda su Sky Sport MotoGp HD che nello speciale Jorge V – La versione di Lorenzo ha presentato e ripercorso l’intera stagione del maiorchino alla conquista del suo quinto Mondiale vinto in carriera. Alle domande di Sandro Donato Grosso ha risposto con serenità e tranquillità di chi alla fine guarda tutti dall’alto in basso e che, aldilà di tutte le polemiche che si possono fare, ha vinto il mondiale davanti a Valentino Rossi e nelle polemiche con Marc Marquez è forse il meno colpevole. Interessante un passaggio in cui gli viene posta la domanda sugli infiniti commenti che i social in questi giorni hanno fatto sul presunto biscottone tra lui e Marquez, di piena salsa spagnola: «i social? Beh dai molti erano simpatici come commenti e mi sono fatto qualche risata. Alcuni pesanti lo erano ovviamente di meno ma credo che tutto sommato ci stiano, ed è un modo simpatico di stemperare una tensione che altrimenti poteva diventare eccessiva». Beh, in fondo non ce l’aspettavamo, anche Lorenzo qualche risata quando lui e Marc venivano immaginati in tandem o mentre si mangiavano biscotti iberici se l’è fatta. Chapeau.

Nell’intervista in corso in questo momento ai microfoni di Sky Sport MotoGp con il grande speciale dedicato al suo titolo di Campione del Mondo 2015, Jorge Lorenzo sta raccontando la sua stagione e il suo Campionato vinto con bene 7 gare portate a termine davanti a tutti. Importante il passaggio rispetto alle dichiarazioni immediatamente post gara di Valencia: «quello che ho detto sui i piloti della Honda dopo la gara le ho dette perché non sapevo che tempi avessero fatto e quanta fatica anche loro stavano facendo in gara per stare dietro a me. Io credevo di essere in difficoltà e quindi pensavo che loro non avessero spinto particolarmente sul pedale per superarmi e invec neon è così». Cambio di versione insomma per Lorenzo che aveva detto come gli spagnoli Marquez e Pedrosa fondamentalmente non aveva spinto perché forse volevano che il titolo rimanesse in Spagna: nell’intervista di Sky invece Jorge dice che tutti stavano facendo tempi difficili e quindi che ritira, di fatto, quelle dichiarazioni a caldo. Ecco, fossimo in Valentino Rossi, non saremmo particolarmente contenti di quanto detto dal compagno di squadra: infatti proprio guardando i tempi i sospetti vengono.

Forse la cosa più negativa per Jorge Lorenzo è che per questo suo quinto titolo di campione del mondo si parlerà sia ora che nella storia molto poco di pista e tanto di dietrologie e angherie che per, ci dispiace dirlo, somma scelta di Marc Marquez, sta oscurando il fatto che Lorenzo ha vinto con sette gare all’attivo condotte da primo della classe e con una rimonta su Valentino Rossi davvero pazzesca. Un mondiale dunque quello del 2015 che per molti rimane un furto legalizzato a Valentino più che vinto dal maiorchino suo compagno di squadra alla Yamaha. Oggi nell’intervista che andrò in onda su Sky alle 17 in punto, Sandro Donato Grosso ha posto questa stessa domanda e sentite come, grazie alle anticipazioni uscite su Blogo, Jorge ha risposto: «È stato un mondiale che non poteva finire in maniera più emozionante, ho vinto tre titoli gareggiando con i tre piloti che per me sono i migliori del secolo: Valentino, Stoner e Marquez, appartenenti a tre generazioni diverse. Questo posso dirlo con orgoglio». Verissimo, nulla da dire a tanto di cappello per un pilota MotoGp che forse non eccelle nella spettacolarità ma è un mostro di velocità e studio delle piste: chiaro, probabilmente quest’anno qualcuno gli ha dato una grossa mano ma la colpa non è certamente di Lorenzo. Anzi, così come è andata ben in pochi parleranno dei suoi successi su pista quest’anno.

In tutta la querelle che ha coinvolto il mondo della MotoGp nell’ultimo mese e nell’ultima gara di Valencia appena corsa, ne abbiamo visto di ogni con Marc Marquez che lo si voglia o meno ha deciso di intervenire attivamente alla lotta mondiale tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, chiaramente scegliendo per uno dei due e questo lo abbiamo visto tutti. Rossi è ancora furente e dopo la gara in cui si è visto sfilare il titolo che aveva faticosamente costruito dalla prima gara di questo 2015 s è lasciato andare ad accuse varie contro l’antisportività palese di Marquez. Contro Lorenzo in realtà paradossalmente il Dottore non è andato giù pesante anche perché lo ritiene il meno colpevole di tutti, se si eccettua l’intervento poco signorile che Lorenzo ha avuto prima della sentenza del Tas dopo il ricorso di Valentino. Lì Jorge ha tentato di presentare un suo rapporto contro il Dottore e il fenomeno di Tavullia non l’ha presa benissimo, come evidente che sia. Ma il maiorchino cosa risponde in merito? Gliel’hanno chiesto i colleghi di Sky Sport MotoGp che nell’intervista esclusiva che andrà in onda oggi pomeriggio e nei prossimi giorni in replica – Jorge V, La versione di Lorenzo – e qui abbiamo una piccola anticipazione offerta da La Gazzetta dello Sport: «Nella vita fai delle decisioni qualche volta giuste, qualche volta sbagliate, dipende dai punti di vista: ma vanno rispettati tutti questi punti di vista, come ha parlato Valentino dopo Sepang così ho fatto io dopo il ricorso. Si può sbagliare tutto, ma bisogna rispettare tutti». Ai posteri e ai lettori l’ardua sentenza o giudizio.

Inutile dire che non ha fatto breccia l’immagine usata da Valentino Rossi pochi minuti dopo la fine del mondiale, dove per quasi tutti è stato palese la, chiamiamola così, non belligeranza di Marc Marquez nei confronti di Jorge Lorenzo, permettendogli di vincere il Mondiale 2015 di MotoGp senza mai attaccarlo, nonostante gli sia stato attaccato per tutti i 30 giri del Gp di Valencia. Valentino ha parlato di biscottone spagnolo, con la sua consueta ironia che ha però lanciato la bomba, confermata poi indirettamente dalle stesse dichiarazioni di Lorenzo ai microfoni di Sky che hanno davvero gettato petrolio e benzina su un fuoco già piuttosto consistente. Jorge ha infatti ringraziato gli spagnoli per non essere intervenuti nella lotta mondiale, «evidentemente volevano che il titolo rimanesse in Spagna». Mai infelici quanto queste dichiarazioni poteva fare il maiorchino che questa sera nell’intervista esclusiva su Sky Sport MotoGp HD con Sandro Donato Grosso proverà a spiegare per bene. In Jorge V – La versione di Lorenzo il pilota campione del mondo della Yamaha parlerà a ruota libera di tutta la stagione e inevitabili saranno le domande sulla querelle che ha tenuto il mondo sportivo e non con il fiato sospeso. Ecco una piccola anticipazione, offerta dalla Gazzetta dello Sport, alla domanda sul presunto biscotto: «È un opinione che lui ha bisogna rispettarla, perché se tu fossi Valentino Rossi in quel momento, come se io o fossi, dopo aver perso una grande opportunità di essere campione avresti reagito nella stessa maniera. Lui come grande campione quale è ha espresso la sua opinione sinceramente». Come dire tutto e nulla nello stesso momento, interessante sarà vedere come andrà avanti nell’intervista: il tutto tra qualche ora sul canale 208 di Sky, da non perdere.

Pochi giorni fa è successo il finimondo in MotoGp: Jorge Lorenzo si è laureato campione del mondo, ha battuto e superato Valentino Rossi nell’ultima gara di Valencia dopo averlo rincorso fin dal primo Gran Premio e ha dunque vinto per la quinta volta il titolo motociclistico. Fin qui tutto normale ma sapete certamente come sono andate le cose: i fatti con Marc Marquez, le accuse di biscotto spagnolo di Valentino e una gara ai limiti del surreale. Insomma, un titolo mondiale “macchiato” da una prestazione sopratutto di Marquez che ha inciso e non poco sul risultato finale. Bene, oggi su Sky abbiamo la possibilità di sentire la versione dei fatti in esclusiva proprio d Jorge, il pilota maiorchino della Yamaha acerrimo rivale di Valentino. Alle ore ci sarà infatti su Sky Sport MotoGp HD (canale 208) la bella intervista di Sandro Donato Grosso al campione del mondo 2015 a soli tre giorni dalla conquista del Motomofndiale. Tutta la rivalità con il Dottore, il presunto biscotto con Marquez, la sua intemperanza nell’essere intervenuto contro Valentino nel ricorso al Tas di settimana scorsa (o almeno di averci provato) senza il consulto con la Yamaha e il rapporto molto teso con Meregalli e Jarvis della stessa casa giapponese. Insomma tutto ma proprio tutto, per non dimenticare ovviamente i fatti di pista fino a tre gran premi fa che hanno visto una lotta mondiale tra le più belle della storia di questo sport. Ore 17 – con replica alle ore 20 questa sera sempre sullo stesso canale – Sky ci propone Jorge V – La versione di Lorenzo dove si comprende già come lo scambio di battute verterà sopratutto sulla versione dei fatti del maiorchino. Il tutto sarà possibile seguirlo anche con la diretta streaming video di Sky, offerto dal servizio SkyGo, previa ovviamente l’abbonamento alla piattaforma satellitare di Rupert Murdoch.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori