DIRETTA / MotoGp griglia di partenza, qualifiche live: dominio Yamaha, pole position per Lorenzo su Rossi (GP San Marino 2016 Misano, 10 settembre)

- La Redazione

Diretta MotoGp qualifiche e griglia di partenza del GP San Marino 2016 a Misano, prove libere FP3 e FP4 live, orario tv, cronaca, tempi per la pole position (oggi sabato 10 settembre)

valentino_rossi_sachsenring
Valentino Rossi (LaPresse)

Nelle qualifiche del Gran Premio di San Marino sul circuito di Misano, la Yamaha si conferma come la moto da battere nella classe della MotoGP: chiunque voglia centrare il bottino grosso dovrà per forza fare i conti con Valentino Rossi e soprattutto con Jorge Lorenzo che si è improvvisamente svegliato dal letargo e trovando finalmente un clima estivo torna a ruggire ottenendo la pole position, l’unico a scendere sotto l’1:32 dall’inizio del fine settimana. Il vincitore di Silverstone, Maverick Vinales, conquista un’altra prima fila in sella alla Suzuki, il futuro compagno di squadra di Rossi col passare del tempo dimostra di non essere affatto una meteora e nei prossimi anni con una moto come la Yamaha potrà sicuramente dire la sua per il titolo. Marc Marquez non riesce ad andare oltre la seconda fila, ma l’obiettivo dello spagnolo dev’essere quello di gestire l’ampio margine nella classifica piloti e può tranquillamente farcela con i piazzamenti sul podio o anche a ridosso di esso. Michele Pirro, utilizzando la Ducati di Andrea Iannone, si toglie la soddisfazione di stare davanti a Dovizioso e per domani il podio sembra alla sua portata.  

Jorge Lorenzo conquista la pole position nelle qualifiche del Gran Premio di San Marino sul circuito di Misano Adriatico (tredicesimo appuntamento del mondiale 2016 di MotoGP): il campione del mondo in carica ritrova il caldo e con esso il feeling con la sua Yamaha M1, lo spagnolo ferma il cronometro sull’1:31.868, l’unico a scendere sotto l’1:32. Dominio Yamaha completato dal secondo posto di Valentino Rossi (1:32.216), in prima fila anche la Suzuki con Maverick Vinales (1:32.381). Marc Marquez (1:32.443) si accontenta della seconda fila, accanto alle Ducati di Pirro (1:32.467) e Dovizioso (1:32.677). In terza fila troviamo Crutchlow (1:32.743), Pedrosa (1:32.859) e Aleix Espargaro (1:32.918), mentre in quarta fila si accomodano Pol Espargaro (1:33.002), Barbera (1:33.301) e Bautista (1:33.929).

In corso le qualifiche della MotoGP per il Gran Premio di San Marino sul circuito di Misano, Michele Pirro ed Hector Barbera conquistano gli ultimi due posti disponibili per la Q2 che assegnerà la pole position e completano così la dozzina che prenderà parte all’ultima manche delle qualifiche. Nulla da fare per Bradl, Lowes, Petrucci, Laverty, Miller, Redding, Rabat, Hernandez e Forés che vengono eliminati. Molto bene l’Aprilia che nella Q2 avrà anche Alvaro Bautista, che ha ottenuto il posto “grazie” alla retrocessione di Pirro che non ha comunque fatto grossa fatica a superare il taglio della Q1. Ancora qualche minuto di attesa e vedremo i big fare sul serio e darsi battaglia in pista. 

Zampata di Valentino Rossi nella quarta e ultima sessione di prove libere del Gran Premio di San Marino sul circuito di Misano Adriatico (tredicesimo appuntamento del mondiale 2016 di MotoGP). Il centauro di Tavullia ha fermato i cronometri sull’1:33.043 rifilando distacchi importanti al resto della compagnia, oltre quattro decimi di ritardo per le Honda HRC di Pedrosa (1:33.461) e Marquez (1:33.462), quasi mezzo secondo di gap per l’altra Yamaha ufficiale di Lorenzo (1:33.515), poi a seguire Crutchlow (1:33.577), Pol (1:33.653) e Aleix Espargaro (1:33.671). Nella top 10 anche Dovizioso (1:33.719) e Pirro (1:33.963), dodicesimo tempo per Petrucci (1:34.197). Ma adesso si comincia a fare sul serio, tra poco l’inizio della Q1 con Bautista, Redding, Barbera, Petrucci, Lowes, Hernandez, Bradl, Miller, Rabat, Laverty e Fores che si contenderanno gli ultimi due posti disponibili per la Q2. 

Da circa 15 minuti i piloti della MotoGP sono alle prese con la quarta e ultima sessione del Gran Premio di San Marino sul circuito di Misano Adriatico, al momento il miglior tempo appartiene a Marc Marquez che assieme a Jorge Lorenzo si contende la leadership della classifica. Dietro ai due spagnoli troviamo Cal Crutchlow in terza posizione, Dovizioso si conferma il migliore degli italiani al sesto posto, davanti a Pirro (ottavo), Petrucci (decimo) e Rossi (quindicesimo) che rispetto agli altri colleghi sta svolgendo un lavoro differenziato più finalizzato verso il passo gara e non è alla ricerca spasmodica della prestazione migliore sul giro secco. 

L’inizio della FP4 è fissato per le 13:30, subito dopo le qualifiche della Moto3 tornerà in pista la MotoGP per la quarta e ultima sessione di prove libere del Gran Premio di San Marino sul circuito di Misano. I piloti avranno altri 30 minuti a disposizione per migliorare il setup delle proprie moto e trovare il giusto assetto in vista delle qualifiche in programma tra poco meno di un’ora. Per la prima volta dopo tanto tempo i piloti e i team stanno trovando condizioni climatiche estive, non può che esserne felice Jorge Lorenzo che con l’umido e la pioggia ha dimostrato di trovarsi parecchio male in sella alla Yamaha M1, collezionando una serie di piazzamenti anonimi che lo hanno allontanato dai vertici della classifica piloti. 

Andrea Iannone non ha nascosto la sua frustrazione nel non poter prendere parte al Gran Premio di San Marino sul circuito di Misano (tredicesimo appuntamento del mondiale 2016 di MotoGP). Il centauro di Vasto è rimasto vittima di una brutta caduta nel corso della FP1 di ieri, procurandosi una frattura vertebrale e per precauzione il centro medico e il team Ducati ha deciso di non farlo tornare in pista. Tuttavia Iannone non ha affatto gradito la discordanza di parere da parte dei medici: quello della Dorna in un primo momento aveva dato il via libera, salvo poi cambiare idea nella mattinata odierna, ritenendo non opportuno rimetterlo nuovamente in sella. Iannone avrebbe preferito risalire sulla sua Desmosedici per poter capire meglio le sensazioni e soprattutto verificare se il dolore fosse insopportabile, invece Iannone sarà costretto a guardare dai box i suoi colleghi sfrecciare sul filo dei 300 orari. 

Dominio degli spagnoli nella terza sessione di prove libere del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini in programma sul circuito di Misano, dove saranno impegnati questo fine settimana i piloti della MotoGP. Marc Marquez ottiene il miglior tempo in 1:32.451, precedendo ben 4 quattro suoi connazionali: Lorenzo (1:32.631), Pol Espargaro (1:32.769), Pedrosa (1:32.834) e Vinales (1:32.839). Andrea Dovizioso (1:32.901) è il primo degli italiani in sesta posizione, la top 10 è completata da Cructhlow (1:33.074), Rossi (1:33.075), Pirro (1:33.086) e Aleix Espargaro (1:33.272), i quali entrano così direttamente nella seconda manche delle qualifiche in programma nel primo pomeriggio. Bautista, Redding, Barbera, Petrucci, Lowes, Hernandez, Bradl, Miller, Rabat, Laverty e Forés si contenderanno gli ultimi due posti a disposizione nella Q1. La fase finale della FP3 è stata caratterizzata dalle tante cadute di chi ha provato a spingersi oltre i propri limiti, finiti a terra tra gli altri Miller, Crutchlow, Lowes e Petrucci. 

Mancano solamente 10 minuti al termine della terza sessione di prove libere del Gran Premio di San Marino sul circuito di Misano (tredicesimo appuntamento del mondiale 2016 di MotoGP). La classifica dei tempi non è cambiata molto, almeno per quanto concerne le prime posizioni, davanti a tutti c’è sempre Pol Espargaro in attesa che nelle fasi conclusive della FP3 i piloti cerchino la prestazione per entrare nella top 10 e saltare così la Q1 per approdare direttamente nella Q2. Dovizioso il migliore degli italiani in terza posizione, quinto tempo per Valentino Rossi (l’unico, assieme alle Suzuki di Vinales e Aleix Espargaro, a essersi migliorato finora rispetto alla giornata di ieri), mentre Petrucci occupa la dodicesima posizione, davanti a Pirro che – con la moto di Iannone – al momento è quindicesimo. 

Sul circuito di Misano è appena cominciata la terza sessione di prove libere del Gran Premio di San Marino. I piloti della MotoGP tornano in pista per cercare subito un posto nella Q2 saltando così la Q1 in programma nel pomeriggio. Non ci sarà Andrea Iannone, dichiarato “unfit” dal centro medico e dalla direzione gara in seguito alla piccola frattura vertebrale riportata nella caduta di ieri mattina, tanta amarezza per il pilota di Vasto ma la salute viene prima di tutto e in questi casi non si è mai troppo prudenti, un altro incidente potrebbe avere conseguenze ben più serie per il Ducatista. Per quanto riguarda la classifica dei tempi, è stata ripristinata quella della FP2, Pol Espargaro guarda tutti dall’alto in basso, ma sicuramente nei minuti successivi i piloti, con l’asfalto che andrà a gommarsi e a riscaldarsi, miglioreranno le proprie prestazioni. 

Secondo giorno di attività per la MotoGP sul circuito di Misano Adriatico (intitolato a Marco Simoncelli), sede del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini: per le ore 9:55 è fissato l’inizio della terza sessione di prove libere. La FP3 è molto importante perché è praticamente una sorta di pre-qualifica: i primi dieci della sessione accedono direttamente alla seconda fase delle qualifiche, saltando così la Q1 che mette in palio gli ultimi due posti disponibili per andare a caccia della pole position. In virtù di ciò, rispetto alle prove libere di ieri ci sarà molta più frenesia ai box e in pista, con i piloti a caccia della miglior prestazione possibile per assicurarsi un posto nella top 10. Dovremmo rivedere in azione anche Andrea Iannone, se riuscirà a sopportare il dolore alla schiena, “ricordo” della brutta caduta in cui è rimasto coinvolto ieri mattina.  

Il Gran Premio di Misano rischia di perdere uno dei protagonisti più attesi della MotoGP: Andrea Iannone, rimasto vittima di un incidente nelle fasi iniziali della FP1 di ieri, è caduto rovinosamente a terra lamentando forti dolori alla schiena, per questo motivo è stato portato all’ospedale di Cesena per fare una radiografia che ha evidenziato una lesione vertebrale. I medici della MotoGP hanno comunque dato il via libera al pilota di Vasto che in teoria può tornare in pista, ma una decisione definitiva da parte della Ducati non è stata ancora presa, che non vuole mettere a repentaglio la salute del pilota. In ogni caso Iannone proverà a tornare in pista per la FP3 di sabato mattina e capire se il dolore una volta in sella sarà sopportabile o meno, di sicuro sarebbe un grosso peccato non rivederlo in pista proprio nel Gran Premio di casa dove puntava a fare molto bene davanti al suo pubblico. 

La MotoGp è ancora in diretta: oggi, sabato 10 settembre, grande appuntamento con le qualifiche del Gran Premio di San Marino 2016 sul circuito di Misano, che serviranno a stabilire la griglia di partenza e l’autore della pole position del tredicesimo appuntamento con il Motomondiale 2016. Innanzitutto ricordiamo gli orari di questo sabato naturalmente imperniato sulle qualifiche del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini (per ricordare l’esatta definizione ufficiale) a Misano Adriatico, che ospita il secondo appuntamento italiano della stagione. Si parte alle ore 9.55 con le prove libere FP3, 45 minuti particolarmente importanti anche perché definiranno la classifica combinata delle prime tre sessioni di libere che stabiliscono i dieci qualificati direttamente al Q2; alle ore 13.30 i 30 minuti della , poi le due sessioni delle qualifiche, da 15 minuti ciascuno: alle ore 14.10 via alla che mette due posti in palio per la successiva sessione, infine alle ore 14.35 ecco la decisiva che definirà le prime quattro file della griglia di partenza della gara sullo storico circuito Santa Monica (ora intitolato alla memoria di Marco Simoncelli), secondo il format che è stato confermato dalle scorse stagioni. 

In attesa di vivere questa grande giornata, facciamo un breve riassunto della storia del circuito di Misano. La Romagna, soprattutto se comprendiamo anche località molto vicine quali San Marino o Tavullia, è da sempre terra di piloti e di grande passioni per gli sport motoristici. Ecco dunque che negli anni Settanta si costruì un autodromo a Misano Adriatico, per volere tra gli altri anche di Enzo Ferrari. Il debutto sulla scena internazionale fu con il Gran Premio delle Nazioni 1980 (come allora si chiamava il Gp d’Italia di motociclismo), che poi tornò a Misano anche nel 1982 e nel 1984. Dal 1985 al 1987 l’autodromo romagnolo fu invece sede del Gran Premio di San Marino, per poi tornare ad ospitare dal 1989 al 1991 il Gran Premio italiano per tre anni consecutivi, nei primi due ancora con la denominazione di Gp delle Nazioni e nel 1991 invece con il titolo di Gran Premio d’Italia, che poi Misano ospitò anche nel 1993, anno del terribile incidente occorso a Waine Rainey. Quello fu l’ultimo Gran Premio iridato sul circuito romagnolo fino al 2007, quando tornò in calendario il Gran Premio di San Marino con l’attuale denominazione, che onora anche la Riviera di Rimini.

Questo dunque sarà il decimo anno consecutivo di Misano nel calendario iridato, del quale dunque è ormai diventato un appuntamento fisso che rende l’Italia l’unica Nazione oltre alla Spagna con più di un Gp in calendario: Valentino Rossi e Jorge Lorenzo sono i due dominatori, avendo vinto tre volte a testa. Il Dottore ha trionfato nel 2008, 2009 e 2014, anche se non va dimenticato nemmeno il secondo posto del 2012 con la Ducati, una delle poche gioie di un biennio difficile sulla Rossa di Borgo Panigale. Lorenzo invece ha fatto tripletta dal 2011 al 2013: in totale sono sei successi su nove per la Yamaha, che ai rivali ha lasciato solo le briciole, cioè la vittoria della Ducati con Casey Stoner nel 2007 e per la Honda i due successi con Dani Pedrosa nel 2010 e l’anno scorso con Marc Marquez in una gara flagellata dal maltempo. Fu la prima vittoria del numero 93 in MotoGp a Misano dopo tre successi nelle classi minori.

Terzo posto per Andrea Dovizioso nelle prove libere del Gran Premio di MotoGp di San Marino e di Rimini. Il romagnolo è sembrato abbastanza soddisfatto ai microfoni dei giornalisti e confidente su quanto possa arrivare a ottenere sulla griglia di partenza: “Sono contento di come abbiamo lavorato durante le prove, e del fatto che nel pomeriggio abbiamo fatto un bel passo avanti”. Il pilota della Ducati ha segnato il settimo tempo nelle FP1 mattutine, ha poi ottenuto il terzo crono in 1’32’901 durante il pomeriggio. “Siamo partiti facendo alcune prove di gomme e di set-up e abbiamo migliorato sempre i nostri tempi, e questo è molto importante” ha spiegato Dovizioso. Il romagnolo, nonostante sia andato abbastanza bene nelle prove libere, vuole crescere ancora e segnare nuovi miglioramenti: “Siamo in linea con i più veloci ma credo che domani sarà necessario migliorarsi ancora, per poter rimanere fra i primi, e quindi ci dovremo concentrare sulle ultime rifiniture”.

Spazio anche alle dichiarazioni rilasciate dal pilota Andrea Iannone, dopo le prove libere di MotoGp di San Marino e di Rimini. Il pilota della Ducati, incappato in un brutto incidente nella curva 13 durante il quinto giro, è apparso piuttosto deluso nelle interviste ai giornalisti, e ancora non sa se potrà schierarsi sulla griglia di partenza per la gara: “Nel primo turno di FP1 nel quinto giro sono scivolato perdendo l’anteriore alla curva 13 ed ho iniziato a rotolare nella ghiaia. Purtroppo ho riportato una compressione alla schiena e gli esami hanno poi evidenziato una frattura alla vertebra D3”. Lo scivolone in curva 13 ha costretto lo staff medico a trasportare Iannone al centro medico del circuito e poi all’Ospedale Bufalini di Cesena: “I medici hanno deciso di controllarmi nuovamente nelle prossime ore prima di darmi l’eventuale OK per la gara – ha spiegato Iannone – io spero di riuscire a riposare bene questa notte e di svegliarmi senza troppo dolore, perché ci tengo particolarmente a correre qui a Misano”.

Ma adesso è giunto il tempo di tornare all’attualità e di far parlare l’unico giudice, cioè la pista (naturalmente con il cronometro), quindi mettiamoci comodi: la diretta delle qualifiche e delle prove libere FP3 e FP4 del Gran Premio di San Marino 2016 della MotoGp sul circuito di Misano Adriatico sta per cominciare…

Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 289.8 1’31.868  
2 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 289.2 1’32.216 0.348 / 0.348
3 25 Maverick VIÑALES SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 291.3 1’32.381 0.513 / 0.165
4 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 286.7 1’32.443 0.575 / 0.062
5 51 Michele PIRRO ITA Ducati Team Ducati 292.0 1’32.467 0.599 / 0.024
6 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 294.3 1’32.677 0.809 / 0.210
7 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 286.9 1’32.743 0.875 / 0.066
8 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 290.8 1’32.859 0.991 / 0.116
9 41 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 285.4 1’32.918 1.050 / 0.059
10 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 287.3 1’33.002 1.134 / 0.084
11 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Ducati 288.3 1’33.301 1.433 / 0.299
12 19 Alvaro BAUTISTA SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 287.0 1’33.929 2.061 / 0.628
Pos. Num. Rider Nation Team Bike Km/h Time Gap 1st/Prev.
1 51 Michele PIRRO* ITA Ducati Team Ducati 289.8 1’33.059  
2 8 Hector BARBERA* SPA Avintia Racing Ducati 288.4 1’33.098 0.039 / 0.039
3 6 Stefan BRADL GER Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 283.9 1’33.399 0.340 / 0.301
4 22 Alex LOWES GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 286.1 1’33.635 0.576 / 0.236
5 9 Danilo PETRUCCI ITA OCTO Pramac Yakhnich Ducati 287.6 1’33.716 0.657 / 0.081
6 50 Eugene LAVERTY IRL Pull & Bear Aspar Team Ducati 287.8 1’33.772 0.713 / 0.056
7 43 Jack MILLER AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 286.7 1’33.847 0.788 / 0.075
8 45 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Yakhnich Ducati 288.0 1’33.989 0.930 / 0.142
9 53 Tito RABAT SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 284.7 1’34.302 1.243 / 0.313
10 68 Yonny HERNANDEZ COL Pull & Bear Aspar Team Ducati 284.5 1’34.465 1.406 / 0.163
11 12 Javier FORES SPA Avintia Racing Ducati 283.4 1’35.161 2.102 / 0.696

 

* Qualificati per il Q2, gli altri si classificano dal 13° posto in poi sulla griglia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori