Diretta/ MotoGp gara e ordine d’arrivo: ha vinto Vinales, Valentino Rossi duello show con Marquez (Gp Gran Bretagna 2016 Silverstone oggi 4 settembre)

- La Redazione

Diretta MotoGp gara e warm-up live del GP Gran Bretagna 2016 a Silverstone: griglia di partenza, orario tv, vincitore, tempi e ordine d’arrivo della corsa (oggi domenica 4 settembre)

IannoneDovizioso_Austria
LaPresse - immagine di repertorio

Un Valentino Rossi soddisfatto quello che parla a caldo della gara di MotoGp a Silverstone: il terzo posto sul podio e i 4 punti recuperati a Marquez – quarto – fanno piacere anche se avrebbe sperato di più il Dottore. «Bella gara, peccato per il campionato non ho recuperato tanto ma non ho mai mollato e neanche rinunciato alla battaglia». Il problema è da imputare sia alla bravura degli altri piloti che non lo hanno lasciato andar via come con Vinales, ma anche un problemino alle gomme: «Purtroppo dopo 9 giri ho iniziato a scivolare con la gomma posteriore e non ho potuto fare niente, ma mi sono divertito molto contro Marc e Crutchlow, sono felice per il podio». Per Valentino ora sono 50 i punti si svantaggio da Marquez, ma ha guadagnato ancora su uno spento Lorenzo: duello show con lo spagnolo della Honda e anche un po’ di fortuna visto che Iannone (uscito) e lo stesso Marquez (dritto a 5 giri dalla fine) hanno favorito il suo terzo posto. «Grandissima gara in cui ha regnato l’ignoranza, l’ho vista scura con Iannone, Crutchlow e Marquez più veloci. Ma il podio mi soddisfa, non tanto per i punti quanto per il piazzamento. La scommessa della gomma anteriore ha pagato, la dura mi ha consentito di arrivare lì, con la morbida sarei arrivato dietro. Contento per Maverick? In realtà preoccupato!», chiude come sempre scherzando Rossi, il re della MotoGp. 

Che gara a Silverstone con la MotoGp che dà il meglio di sé dopo anche una bandiera rossa all’inizio: ha vinto Mavericks Vinales su Suzuki dopo una gara perfetta. Lotta incredibile per il resto del podio per praticamente 15 giri visto che lo spagnolo su Suzuki era in fuga imprendibile, azzeccando al meglio tutto l’assetto della gara. Secondo Carl Crutchlow anche lui incredibile dopo la pole position e dopo una gara di continui sorpassi con Valentino Rossi e Marc Marquez: proprio il Dottore finisce terzo, splendido in due o tre sorpassi con lo spagnolo sempre al comando della Classifica Mondiale MotoGp e con Iannone, purtroppo caduto dopo una bellissima rimonta. Che gara in Gran Bretagna, Vinales a parte, la seconda piazza è stata in forse fino alla fine, episodi chiave: Iannone a 4 giri dalla fine cade mentre era secondo e in rimonta verso Vinales, lasciando i sogni Ducati rimandati per la prossima gara. Secondo momento, Marc Marquez mentre è terzo e in lotta con il pilota inglese, fa un dritto per una staccata troppo in ritardo e viene superato da Rossi e Pedrosa. Riuscirà nell’ultima giro a superare il suo compagno di squadra alla Honda, ma non il Dottore che conferma così la buonissima gara e rimugina per non essere riuscito ad imporre il ritmo nella parte centrale della gara. Malissimo Lorenzo, anonimo in partenza e anonimo alla fine, chiude ottavo e viene staccato in classifica generale.

Dopo la seconda partenza della gara di MotoGp per la bandiera rossa dopo l’incidente di Loris Baz – che per fortuna sembra stare bene – è subito show con Valentino Rossi e Mavericks Vinales che partono a mille per cercare di prendere Crutchlow. Col passare dei primi giri però è Marc Marquez ad uscire dalle retrovie e imporre il suo ritmo: due spagnoli davanti a tutti allora, con Vinales su Marquez, mentre Valentino cerca di rimanere attaccato al posteriore di Crutchlow, pilota di casa. Jorge Lorenzo cerca in questo momento di risalire ma è intasato nel traffico: per la Yamaha l’impressione è che la partenza lenta sia studiata per provare a venire fuori alla distanza, condizioni meteo permettendo e con la scongiura della pioggia. Al passaggio dei 15 giri dall’arrivo arriva il gran sorpasso di Rossi al pilota inglese, che non molla un centimetro ma deve inchinarsi alla staccata super del Dottore: gli spagnoli sono nel mirino, con Vinales che sta martellando con la sua Suzuki tempi importanti.

Primo giro e subito bandiera rossa al Gp di Silverstone 2016: la MotoGp parte col piede sbagliato dopo appena due curve visto che Loriz Baz e Pol Espargaro si sono incrociati nella traiettoria e sono volati nell’erba. Purtroppo a farne le spese maggiori è stato Loris Baz: perde i sensi dopo essersi capottato con la sua Ducati non ufficiale, ma per fortuna solo per pochi istanti. Arrivano le barelle e il pilota viene trasportato, cosciente, fuori dalla pista. Intanto è bandiera rossa con la gara sospesa fino alle 16.48 quando ripartirà la gara che durerà solo 19 giri, come appena disposto dalla direzione gara MotoGp. Tanto spavento ma per fortuna ora sembra andato tutto per il meglio: Valentino Rossi e gli altri piloti si apprestano a ripartire, peccato anche perché il pesarese era andata in fuga subito con Vinales sfruttando un’ottima partenza della sua Yamaha.

Sta per cominciare la diretta della gara di MotoGp del Gran Premio dei Gran Bretagna 2016: si stanno per spegnere i semafori rossi sulla griglia di partenza del circuito di Silverstone, che ormai da decenni ospita il prestigioso appuntamento del mondiale Motogp. Difficile fare un pronostico del vincitore o del podio guardando solo la griglia di partenza risultate dalle qualifiche di sabato, visto che il mutevole clima britannico potrebbe travolgere non poco le carte in tavola. La lieve pioggia del mattino ha inumidito l’asfalto britannico di Silverstone e non è improbabile che qualche nuvola carica di pioggia possa rendere difficile la vita ad alcuni piloti della classe regina della Motogp. I vari team presenti oggi a Silverstone hanno infatti studiato diverse strategie per le gomme per adattarsi meglio alle condizioni della pista del gran Premio di Gran Bretagna ma al momento è difficile affermare con sicurezza quale premierà Ricordiamo che in griglia di partenza la pole appartiene al pilota britannico Cal Crutchlow seguito da Valentino Rossi e da un ispirato Maverick Vinales, grandissimo protagonista dell’intero weekend britannico: in seconda fila troviamo invece Dani Pedrosa con Marquez e Laverty. Solo ottavo Andrea Iannone, mentre Dovizioso si è qualificato decimo e Danilo Petrucci invece partirà dalla 14 posizione in griglia di partenza. Non resta dunque che sedersi comodi ed attendere lo spettacolo che l’appuntamento britannico della Motogp ci riserverà fin dalla parte alla griglia di partenza: forza ragazzi, si parte!

Maverick Vinales ha ottenuto un grande risultato nelle qualifiche al MotoGp di Silverstone in Gran Bretagna partirà dalla terza casella della griglia di partenza. I complimenti sono arrivati anche dal team manager della Suzuki Davide Brivio che ha sottolineato: “E’ stata una grande prestazione quella di Vinales sul bagnato, dove abbiamo recentemente lottato molto”. Il pilota è ovviamente molto soddisfatto e racconta le qualifiche così: “La sessione è stata davvero molto difficile e nel FP4 quando la pioggia è arrivata in maniera importante non riuscivo a trovare feeling con la mia moto. La pista era scivolosa ed ero molto preoccupato”. Vuole sottolineare che in quel momento è diventato fondamentale l’intervento del team che ha fatto davvero un ottimo lavoro perchè ha cambiato il set up e l’elettronica riuscendo per il Q2 a dare alla moto più facilità nella guida. Spiega: “Abbiamo faticato molto sul bagnato, ora invece siamo lì e siamo competitivi con gli altri. La posizione è buona e sia con il sole o con la pioggia c’è tutto per fare una buona gara”. Ora però è il momento di scendere in pista e bisogna pensare solo a fare bene.

Ad Aleix Espargaro è andata nettamente peggio rispetto al suo compagno di scuderia alla Suzuki Maverik Vinales. Si è infatti posizionato undicesimo nella griglia di partenza del MotoGp di Silverstone in Gran Bretagna e dovrà quindi accontentarsi di una gara che lo vedrà partire dalle retrovie. Spiega: “La mattina eravamo andati molto bene con la gomma dura come quella di Maverik Vinales. Purtroppo però la qualifica non è andata bene. Ho lottato molto con la pioggia sia in PQ4 che nel Q2 e il feeling con la ruota posteriore non era buona non trovavo fiducia”. Espargarò spera di avere per la gara delle previsioni del tempo diverse e poter correre sulla pista asciutta, condizioni nelle quali si sente sicuramente più competitivo. Ha parlato della sua prova anche il Team Manager della Suzuki Davide Brivio che ha sottolineato come i piani di Aleix Espargaro siano stati completamente falsati dalla pioggia. Commenta: “E’ un peccato, perchè durante la mattinata con la pista asciutta era molto veloce. Ha lottato molto per la qualificazione ma alla fine la sua posizione nella griglia di partenza non è positiva. Dovrà lottare molto in gara per provare a recuperare posizioni”.

Dopo la seconda posizione sulla griglia di partenza conquistata nelle qualifiche del Gran Premio della Gran Bretagna della MotoGP, Valentino Rossi, pilota Yamaha, ha rilasciato ai cronisti le seguenti dichiarazioni:”Quando ci sono queste condizioni (pioggia, ndr) è sempre difficile, ma siamo stati fortunati che l’asfalto fosse bagnato anche durante le libere così abbiamo potuto migliorare la moto e trovare migliore assetto ed equilibrio”. Rossi poi ha confessato: “Durante le prove libere non ero molto fiducioso, poi però la moto è migliorata molto così mi sono sentito in grado di spingere”. Rispetto alla gara che avrà luogo a Silverstone il numero 46 ha ammesso:”Partire dalla seconda posizione è molto importante ma dobbiamo aspettare e vedere le condizioni meteo, perché sull’asciutto non siamo così forti. Abbiamo bisogno di lavorare, quindi aspettiamo e vediamo cosa succede domani (oggi, ndr)”.

Jorge Lorenzo, in sella alla sua Yamaha, ha ottenuto la nona posizione sulla griglia di partenza durante le qualifiche del Gran Premio della Gran Bretagna della MotoGP. Lo spagnolo al termine delle prove ha dichiarato:”Nella FP4 ero più veloce al termine della sessione e la pista si stava asciugando. Non c’era molta acqua, ma durante la qualifica il livello dell’acqua è salito di nuovo. Il mio primo giro è stato senza acqua, quindi sono stato più veloce, ma gli altri piloti hanno migliorato i loro tempi di molto. Con tutta quell’acqua in pista non mi sentivo capace di migliorare il mio tempo oltre il mezzo secondo. Questo non era abbastanza per raggiungere la seconda fila ma in generale siamo felici per il nostro miglioramento sul bagnato. Stiamo molto meglio rispetto ad Assen o a Sacshenring ma con così tanta acqua non abbastanza per essere al vertice quindi proveremo ad esserlo la prossima volta”. Per quanto riguarda la gara, Lorenzo ha aggiunto:”Sembra che domani (oggi, ndr) sarà asciutto, quindi dovremo usare il warm-up per migliorare la moto ed essere più preparati per una gara sull’asciutto”.

Massimo Meregalli, Team Director della Movistar Yamaha MotoGP, dopo la composizione della griglia di partenza del Gran Premio della Gran Bretagna che ha visto Valentino Rossi e Jorge Lorenzo piazzarsi rispettivamente in seconda e nona posizione, ha dichiarato:”Certamente la pioggia ha compromesso il programma di lavoro odierno. Abbiamo provato delle cose nel tentativo di migliorare l’assetto delle moto in condizioni di asciutto, perché la nostra velocità non è quella che ci aspettavamo. Inoltre, sembra che la gara potrebbe essere asciutta. In ogni caso, abbiamo lavorato molto bene sul bagnato durante la FP4 e siamo stati in grado di preparare un assetto solido che ha permesso a Vale (Rossi, ndr) di fare un buon 2’20.263, che gli ha dato il secondo posto sulla griglia di partenza. Jorge (Lorenzo, ndr) ha fatto anche bene, guidando l’inizio delle qualifiche e finendo in terza fila”. Meregalli ha concluso:”Se si tratterà di una gara asciutta sarà molto importante avere anche una sessione di warm-up asciutto così da poter fare ancora del lavoro. Altrimenti, nel caso di una gara bagnata, siamo abbastanza pronti. Vogliamo guadagnare punti sul nostro principale rivale e faremo quanto in nostro potere per cercare di farlo. Speriamo che il tempo non sarà il fattore decisivo di domani (oggi, ndr)”.

Si è appena concluso il classico warm up che anticipa la gara di Motogp di questo pomeriggio a Silverstone, sede del Gran Premio della Gran Bretagna 2016. Una leggera pioggerella è scesa sull’asfalto britannico facendo presagire ulteriori precipitazioni per la gara di questo pomeriggio il cui orario di inizio è stato fissato per le ore 16.30 (fuso italiano). Per i piloti della Motogp il warm up di questa mattina è stata l’ultima occasione per provare il setup delle moto in vista di questo pomeriggio ma le condizioni della pista britannica hanno fornito ben poche risposte rispetto alle domande dei team. Al momento il problema principale rimane la strategia per le gomme da usare in gara: tutto dipenderà dal meteo inglese che si sa non è mai particolarmente prevedibile. Da riportare la brutta scivolata subita da Andrea Iannone in circa 1 a Silverstone: il ducatista si è subito rialzato e la caduta non ha avuto conseguenze neanche per la sua desmosedici fortunatamente. Difficile al termine del warm up fare un pronostico del vincitore o del podio:diversi piloti hanno mostrato un particolare feeling con l’asfalto della pista ospite del Gp di Gran Bretangna, ma la pioggia potrebbe pericolosamente rimescolare le carte in tavola.

E’ appena iniziato il classico warm up, che anticipa la gara in programma per questo pomeriggio al Gran Premio di Gran Bretagna 2016 che ormai da decenni si corre sullo storico circuito di Silverstone. Fortunatamente le condizioni meteo si mantengono stabili e un asfalto maggiormente gommato dopo il weekend di prove anche per le altre categorie della Motogp dovrebbe facilitare le prestazione dei piloti. Mancano dunque appena 5 ore allo spegnimento dei semafori rossi sulla griglia di partenza britannica e il warm up di questa mattina è l’ultima occasione utile per poter mettere a punto le moto in vista del Gran Premio della Gran Bretagna 2016. Dopo le qualifiche bagnate di ieri, sarà dunque fondamentale questa mattina continuare e portare a termine il lavoro iniziato nelle prove di venerdi dove le condizioni della pista di Silverstone erano assai simile a quelle di oggi. Le qualifiche di sabato sono state caratterizzate dalla pioggia che ha parzialmente modificato le carte in tavola, regalandoci una girglia di partenza davvero interessante.

Finalmente ci siamo e tra pochi minuti i piloti della Motogp scenderanno di nuovo in pista a Silverstone, sede del Gran Premio della Gran Bretagna per effettuare il consueto warm up, in vista della gara di questo pomeriggio. I semafori rossi si spegneranno sul circuito britannico alle ore 16.30 (le 15.30 secondo il fuso inglese) e date le problematiche qualifiche di ieri è difficile individuare un sicuro vincitore. Diversi piloti come Iannone, Marquez, Vinales e Crutchlow hanno infatti manifestato un certo feeling con l’asfalto di Silverstone  e non sarà difficile vedere questi nomi sul podio. Per fortuna il tempo atmosferico sembra tenere: il cielo si annuncia nuvoloso ma le probabilità che la pioggia ricominci a tormentare il gran Premio della Gran Bretagna 2016 al momento sembrano scarse. Sarà dunque fondamentale questa mattina riprendere il lavoro cominciato nelle prove libere del venerdi dove le condizioni della pista erano piuttosto simili a quelle che si presenteranno oggi. Un occhio di riguardo per i piloti inglese che sulla pista di casa hanno una motivazione in più per spingere al massimo le proprie moto, assistiti dal tempo clemente, specialmente a Cal Crutchlow che parte in prima posizione sulla griglia di partenza. 

Qualifiche al rallentatore per il team Ducati che affronterà quindi il MotoGP con una griglia di partenza non ottimale, con qualche difficoltà in più. Il maltempo ha di sicuro influito sulla resa di entrambi i piloti, anche se Andrea Iannone è riuscito a chiudere il giro in Q2 in 2’21”446, aggiudicandosi così la terza fila nella griglia di partenza. Andrea Dovizioso ha subito invece una brutta caduta che di per sé avrebbe potuto essere più leggera e che invece è andata ad influire ancora di più lo stato del ginocchio destro, infortunato già la settimana scorsa. Nella terza sessione, prove libere confermate per la performance di Iannone che ha ottenuto la terza posizione e quindi l’accesso alle Q2. Il tempo in questo momento ha agevolato indubbiamente la resa su strada del pilota, tornando a bagnare tuttavia la strada nel pomeriggio, durante le FP4. In questo caso Andrea Iannone è infatti slittato al quinto posto, mentre nella qualifica decisiva al decimo. Il fattore atmosferico ha influito molto sulla possibilità di conquistare posizioni migliori, dato confermato dallo stesso Iannone, soprattutto durante la qualifica, dove la pioggia è diventata ancora più forte di quanto lo fosse in FP4. “Ho provato a spingere”, riferisce, “prendendo anche qualche rischio, ma più di così non sono riuscito a fare”. Una possibilità in meno di riuscire a fronteggiare i rivali quindi, data la terza fila sulla griglia di partenza, ma il pilota si è dichiarato comunque soddisfatto per essere riuscito a controllare al meglio la moto nelle ore in cui il tempo era dalla sua parte. “Abbiamo lavorato bene e siamo riusciti a rendere la moto più facile da guidare”, chiude Iannone, “e quindi domani, se correremo con l’asciutto, abbiamo la possibilità di fare davvero una bella gara”. 

Le qualifiche del circuito di Silverstone per il MotoGP inglese non hanno regalato fortuna al team della Ducati, a causa di alcuni piccoli incidenti. Griglia di partenza non ottimale neanche per Dovizioso, con la seconda metà della giornata di sabato è stata anche interessata da una forte pioggia, tale da rendere più insicure le strade e forse è anche per questo che Andrea Dovizioso è caduto al quinto giro in Q2. Danno non grave per il pilota romagnolo, se non una contusione che va a ribattere sullo stesso ginocchio infortunato durante il test di Misano della settimana scorsa. L’episodio non ha comunque compromesso del tutto la corsa di Dovizioso che è riuscito a chiudere a 2’22’420 ed a posizionarsi sulla quarta fila nella griglia di partenza. Le prove libere di ieri invece avevano visto un Andrea Dovizioso più in forma, con posizionamento al settimo posto ed accesso al Q2 pomeridiano. Per le FP4 la pista si è presentata di nuovo bagnata, ma questa volta per il pilota è andato tutto liscio fino alla seconda posizione, per poi ottenere il decimo posto per la griglia di partenza nella sessione finale. Durante l’intervista ufficiale, Andrea Dovizioso si è detto dispiaciuto per l’incidente avuto, soprattutto perché senza quell’incidente vedeva certo l’arrivo in prima fila. “Al momento il ginocchio si è gonfiato”, rivela, “ed ho un’abrasione e bisognerà vedere se domani mi darà fastidio”. Un vero evento sfortunato per il pilota che dovrà quindi affrontare più difficoltà del previsto per il MotoGP di oggi.

In diretta oggi, domenica 4 settembre, con il Gran Premio di Gran Bretagna 2016 sul circuito di Silverstone, un appuntamento di sicuro prestigio nel calendario iridato e che cosituisce il dodicesimo atto del Motomondiale 2016 sul celeberrimo tracciato del Northamptonshire, anche se va detto che Silverstone nella storia lega il proprio nome più all’automobilismo che al motociclismo. In un passato più antico il Tourist Trophy dell’Isola di Man, più di recente moltissimi anni a Donington, ma in ogni caso il Motomondiale da sempre fa tappa in Gran Bretagna, dove si respira grande tradizione e il pubblico è appassionato e competente, anche se ormai da moltissimi anni ci sono poche soddisfazioni per i tifosi inglesi.

Adesso però torniamo all’attualità ed eccovi gli orari della corsa. Informazione questa che sarà molto importante, perché rispetto ai normali Gran Premi europei ci sono ben due variabili delle quali tenere conto: innanzitutto l’ora di fuso orario che separa la Gran Bretagna dall’Italia, ma anche un’ulteriore modifica per evitare ogni sovrapposizione della classe regina con la Formula 1. Di conseguenza i semafori si spegneranno alle ore 16.30 italiane (le 15.30 di Silverstone), quando è in programma la partenza della gara della classe regina MotoGp, corsa che si svilupperà sulla distanza di 20 giri per un totale di 118,0 km, dal momento che ogni giro del tracciato che sorge nell’ex aeroporto militare della Raf (l’Aeronautica britannica) utilizzato nella Seconda Guerra mondiale contro la Germania nazista misura ben 5,900 chilometri con un totale di diciotto curve, di cui otto a sinistra e dieci a destra, una situazione equilibrata che va bene per le gomme (clicca qui per la griglia di partenza scaturita dalle qualifiche di ieri a Silverstone).

Ricordiamo che il primo appuntamento motociclistico di questa domenica sarà con il warm-up alle ore 11.00 italiane (le 10.00 locali), gli ultimi 20 minuti di prove a disposizione dei piloti per mettere a punto le proprie moto, fare le ultime prove su assetti e gomme che sono particolarmente importanti in un anno caratterizzato da importanti novità regolamentari. Ormai siamo a due terzi della stagione e queste novità sono state assorbite dopo una prima parte di Campionato caratterizzata da molti errori e cadute, resta comunque l’importanza del warm-up soprattutto per chi volesse provare a cambiare assetto rispetto alle prove.

Parlando del circuito, va detto che lungo la sua storia il tracciato di Silverstone ha subito numerose e profonde modifiche rispetto al circuito originario che sorse nell’aeroporto militare della località del Northamptonshire, a partire dal 2010 sede fissa del Gran Premio di Gran Bretagna della MotoGp in sostituzione di Donington. Inizialmente era un tempio della velocità: tanti rettilinei e poche leggendarie curve, poi iniziarono ad apparire nuove chicane e curve con l’obiettivo di ridurre la velocità. Nel 2010 sono state apportate le ultime grandi modifiche al percorso, che fu allungato di ben 760 metri. Le novità però non erano finite: nel 2011 infatti è stato spostato il traguardo della Formula 1, non più collocato fra le curve Woodcote e Copse, bensì fra la Club e la Abbey: le moto però non hanno cambiato, conservano l’arrivo e i box ‘storici’. Questo dunque è lo scenario che ospiterà una nuova puntata del lungo duello fra Marc Marquez, Valentino Rossi e Jorge Lorenzo per la corona iridata, che a dire la verità sembra ormai destinata a finire sulle spalle del numero 93 della Honda. Se i due piloti della Yamaha vogliono tentare una difficile rimonta, devono iniziare a fare meglio di Marquez fin da oggi, perché non hanno più tempo da perdere…

Maverik Vinales ha ottenuto un grande risultato nelle qualifiche al MotoGp di Silverstone in Gran Bretagna partirà dalla terza casella della griglia di partenza. I complimenti sono arrivati anche dal team manager della Suzuki Davide Brivio che ha sottolineato: “E’ stata una grande prestazione quella di Vinales sul bagnato, dove abbiamo recentemente lottato molto”. Il pilota è ovviamente molto soddisfatto e racconta le qualifiche così: “La sessione è stata davvero molto difficile e nel FP4 quando la pioggia è arrivata in maniera importante non riuscivo a trovare feeling con la mia moto. La pista era scivolosa ed ero molto preoccupato”. Vuole sottolineare che in quel momento è diventato fondamentale l’intervento del team che ha fatto davvero un ottimo lavoro perchè ha cambiato il set up e l’elettronica riuscendo per il Q2 a dare alla moto più facilità nella guida. Spiega: “Abbiamo faticato molto sul bagnato, ora invece siamo lì e siamo competitivi con gli altri. La posizione è buona e sia con il sole o con la pioggia c’è tutto per fare una buona gara”. Ora però è il momento di scendere in pista e bisogna pensare solo a fare bene.

Ad Aleix Espargarò è andata nettamente peggio rispetto al suo compagno di scuderia alla Suzuki Maverik Vinales. Si è infatti posizionato undicesimo nella griglia di partenza del MotoGp di Silverstone in Gran Bretagna e dovrà quindi accontentarsi di una gara che lo vedrà partire dalle retrovie. Spiega: “La mattina eravamo andati molto bene con la gomma dura come quella di Maverik Vinales. Purtroppo però la qualifica non è andata bene. Ho lottato molto con la pioggia sia in FP4 che nel Q2 e il feeling con la ruota posteriore non era buona non trovavo fiducia”. Espargarò spera di avere per la gara delle previsioni del tempo diverse e poter correre sulla pista asciutta, condizioni nelle quali si sente sicuramente più competitivo. Ha parlato della sua prova anche il Team Manager della Suzuki Davide Brivio che ha sottolineato come i piani di Aleix Espargarò siano stati completamente falsati dalla pioggia. Commenta: “E’ un peccato, perchè durante la mattinata con la pista asciutta era molto veloce. Ha lottato molto per la qualificazione ma alla fine la sua posizione nella griglia di partenza non è positiva. Dovrà lottare molto in gara per provare a recuperare posizioni”.

Dunque adesso è giunto il tempo di far parlare l’unico giudice, cioè la pista, quindi mettiamoci comodi: la diretta della gara e del warm-up del Gran Premio di Gran Bretagna 2016 della MotoGp sul circuito di Silverstone sta per cominciare…

 

Pos. Punti Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora/Distanza
1 25 25 Maverick VIÑALES SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 172.1 39’03.559
2 20 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 171.9 +3.480
3 16 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 171.9 +4.063
4 13 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 171.7 +5.992
5 11 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 171.7 +6.381
6 10 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 171.3 +12.303
7 9 41 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 171.0 +16.672
8 8 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 170.7 +19.432
9 7 9 Danilo PETRUCCI ITA OCTO Pramac Yakhnich Ducati 170.3 +25.618
10 6 19 Alvaro BAUTISTA SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 169.8 +32.084
11 5 68 Yonny HERNANDEZ COL Pull & Bear Aspar Team Ducati 169.5 +36.131
12 4 50 Eugene LAVERTY IRL Pull & Bear Aspar Team Ducati 169.3 +39.130
13 3 22 Alex LOWES GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 169.2 +40.143
14 2 8 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Ducati 169.2 +41.356
15 1 53 Tito RABAT SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 169.2 +41.943
16   43 Jack MILLER AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda 168.7 +47.610
17   45 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Yakhnich Ducati 164.0 +1’56.177
Non classificato
    29 Andrea IANNONE ITA Ducati Team Ducati 171.9 6 Giri
    6 Stefan BRADL GER Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 167.0 17 Giri
Non al via
    76 Loris BAZ FRA Avintia Racing Ducati   0 Giro
    44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha   0 Giro


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori