MOTOGP / Classifica Mondiale Piloti e Video highlights Gp della Gran Bretagna 2016, Marquez: ho sbagliato le gomme ma… (Silverstone)

- La Redazione

MotoGp video highlights e Classifica Mondiale Piloti dopo il Gran Premio in Gran Bretagna a Silverstone 2016: la gara, i sorpassi e momenti salienti della vittoria di Vinales

valentino_rossi_sachsenring
Valentino Rossi (LaPresse)

Uno dei grandi  protagonisti di questo Gran Premio di Motogp di Gran Bretagna 2016 è stato sicuramente Marc Marquez ancora leader iridato della classifica del mondiale piloti. Dopo una prestazione entusiasmante sul circuito di Silverstone e una bagarre al cardiopalma impegnata con Valentino Rossi, Marquez, causa di un piccolo errore negli ultimi giri ha terminato il suo Gp della Gran Bretagna in quarta posizione, ma il maiorchino della Honda sembra soddisfatto, visto che in classifica del mondiale piloti rimane ancora saldamente in testa a quota 50 punti. Marquez ha risposto alle domande dei giornalisti raccontando il Gran Premio di Gran Bretagna: “è stata una gara divertente e mi sono divertito molto, in classifica ho perso solo pochi punti. Ho sbagliato la strategia delle gomme, ho montato la morbida davanti mentre quelli che avevano la dura erano più veloci. Ho commesso un errore nella lotta con Crutchlow e sono andato lungo, ma sono contento, sono comunque in testa con 50 punti dietro quindi va bene così”. – – 

 Il Gran Premio della Gran Bretagna che si è chiuso ieri a Silverstone, classico circuito del calendario della Motogp, con la splendida vittoria di Maverick Vinales è stato senza dubbio uno dei più divertenti degli ultimi anni. A dirlo è lo stesso Valentino Rossi, terzo sul podio del Gp della Gran Bretagna 2016 e attualmente in lotta per la leadership della classifica del mondiale piloti, nelle classiche interviste post gara: “è stato un gran premio divertente, è regnata l’ignoranza e mi sono divertito tantissimo. Sapevo che il terzo posto era difficile e ho dovuto dare il massimo ad ogni curva: a un certo punto ho avuto paura perchè Iannone e Crutchlow e altri andavano meglio di me ma alla fine ce l’ho fatta. Sono contentissimo per il podio, non tanto per la classifica del mondiale, ma ho dato il massimo e sono contento. Settimana prossima c’è Misano e ci arrivo con due podi di fila in circuito non troppo semplici per noi, mentre lì la moto di solito va molto bene. Sono parecchio ottimista, ci vediamo lì!”.Rossi, ora al secondo posto nella classifica del mondiale piloti, rimane a 50 lunghezze dal leader Marc Marquez e il sogno dell’ennesimo titolo mondiale della Motogp rimane al momento abbastanza un miraggio.

Il weekend britannico della Motogp, si è concluso con la splendida vittoria di Maverick Vinales al Gran Premio della Gran Bretagna 2016: un successo davvero storico per lo spagnolo della Suzuki, arrivato dopo un weekend perfetto a Silverstone. Purtroppo non è stato così eccezionale per altri piloti, che hanno raccolto magre soddisfazioni al Gp della Gran Bretagna soffrendone anche in ottica della classifica del mondiale piloti della Motogp. tra questi vi è sicuramente Dani Pedrosa, quindi nella classifica del mondiale piloti ma solo giunto al traguardo di Silverstone. Diversi fattori che hanno reso difficile la prestazione dello spagnolo, come afferma lui stesso nelle interviste post gara: “E’ stato un weekend difficile: il meteo ha complicato la situazione e la temperatura della pista era troppo bassa e non consentiva l’uso delle gomme dure. In gara siamo andati meglio, abbiamo acquisito maggiore fiducia del tracciato ma la pista è rimasta comunque fredda e poco gommata”.

Un Gran Premio della Gran Bretagna sfortunato per le due Ducati, grandi protagoniste di questa seconda parte del Mondiale di Motogp. Andrea Iannone è stato infatti costretto al ritiro dopo una brutta caduta rimediata negli ultimi giri della gara sul circuito di Silverstone, che ha regalato punti importanti in ottica del mondiale piloti della Motogp,mentre Dovizioso pur riuscendo a terminare la corsa non è riuscito a realizzare una prova brillante. Già sofferente per via di alcuni acciacchi prima dell’inizio del Gran Premio di Gran Bretagna della Motogp 2016, anche il pilota di Forlimpopoli ha accusato un forte dolore all’avambraccio che oltre alla partenza dalla quarta fila della griglia di partenza ha gravemente influenzato la propria prestazione. Ad affermarlo è lo stesso pilota della Ducati, ora settimo nel mondiale piloti nelle classiche interviste post gara: “Non ero ripartito molto bene nella seconda partenza. spingevo il più possibile ma poi ha cominciato a farmi male l’avambraccio e faticavo molto a gestire la moto. Guidavo molto male e mi spiace perchè la moto c’era, potevamo giocarcela ma fisicamente non ce l’ho fatta”.

Mancavano davvero pochi giri alla conclusione di questo appassionante Gran Premio di Gran Bretagna 2016, uno degli appuntamenti più attesi del Mondiale della Motogp, quando Andrea Iannone, pilota della Ducati, impegnato lungo tutta la prova di Silvertstone in una strenua battaglia per le prime posizioni del Gp britannico, che ha consegnato punti preziosi per la classifica del mondiale piloti, è caduto malamente perdendo il crontrollo della sua desmosedici e un ottima posizione in vista del traguardo. All’origine di questa caduta, lo ha affermato lo stesso pilota italiano un improvviso forte dolore al braccio che gli ha fatto perdere temporaneamente sensibilità, creandogli non poche difficoltà nelle manovre in frenata e nei cambi di direzione. Lo stesso Iannone, ora sesto nella classifica del mondiale piloti della Motogp ha infatti affermato che: “avevo questo dolore, a un certo punto era la moto che portava me  non il contrario e facevo tutto con la sinistra. Mi mancava la forza e ho cercato di fare del mio meglio per resistere e non provocare incidenti. A un certo punto però ho preso la curva troppo tardi, ho preso una buca e sono caduto, non riuscivo a resistere”.

Il Gran Premio della Gran Bretagna 2016, dodicesimo appuntamento del mondiale della Motogp, ha visto tra i suoi protagonisti anche il pilota britannico della Honda Cal Crutchlow, che a Silverstone, nel suo circuito di casa, ha ottenuto prima la pole position nelle qualifiche ufficiali del sabato e poi ottenuto un soddisfacente secondo posto, ingaggiando nella gara diverse battaglie davvero entusiasmanti per ottenere il gradino più alto del podio. Vincitore del precedente Gp della Repubblica Ceca e ottavo nella classifica del mondiale piloti Crutchlow è stato sicuramente uno dei piloti dalle prestazioni più brillanti sull’asfalto di Silverstone, che ormai da diversi decenni ospita la classe regina della Motogp. Nelle consuete interviste post gara fatte dai giornalisti Sky Crutchlow, che ha concluso il Gran Premio della Gran Bretagna 2016 secondo ha dichiarato: “Mi sono divertito moltissimo, ho ingaggiato diverse lotte con Valentino Rossi e Marquez: è stata una bella battaglia e ho fatto del mio meglio. Silverstone è il mio Gran Premio di casa, sapevamo sarebbe stato difficile ma sono soddisfatto. Ora dobbiamo andare a Misano e riprovarci”.

Il Gran Premio della Gran Bretagna 2016 che si è concluso ieri sotto il cielo plumbeo di Silverstone ha visto come grandissimo protagonista il vincitore Maverick Vinales. Il pilota spagnolo, quarto nella classifica del mondiale piloti è infatti riuscito nell’impresa di portare la Suzuki nuovamente alla vittoria dopo Chris Vermeulen al Gp di Le Mans nel 2007: una prestazione sul circuito di Silverstone davvero eccezionale, che premia un weekend davvero fantastico condotto dallo stesso Vinales. Certo la vittoria non cambierà di molto la posizione della Sukuzi in classifica o quello dello stesso pilota nel mondiale piloti ma è stata comunque una vittoria storica. Lo stesso Vinales, al termine del Gran Premio della Gran Bretagna ha dichiarato: “Una sensazione a dir poco incredibile. Ho desiderato tanto questo giorno ed è un sogno che si avvera. È stata una gara bellissima dove ho migliorato il mio tempo di passaggio in passaggio. Il box ha lavorato molto bene e questa vittoria è arrivata grazie al impegno del mio team. Da venerdì sapevo di poter vincere e adesso spero di mantenere questo livello molto alto”.  –  

Il Gran Premio di Gran Bretagna 2016 a Silverstone della Motogp ha visto il trionfo di Mavericks Vinales, riportando sul gradino più alto del podio la Suzuki dopo l’ultima volta che era stato nel 2007. Spettacolo in pista, tra le più belle e appassionanti gare dell’anno. Vince il migliore di tutto il weekend, davanti a Cal Crutchlow e Valentino Rossi, ottimo terzo posto che guadagna rosicchiando 3 punti a Marc Marquez – alla fine quarto – e soprattutto Jorge Lorenzo che con un anonimo ottavo posto chiude un weekend decisamente negativo. Bene Dani Pedrosa, quinto al termine e in lotta per il podio fino all’ultimo, attardato Andrea Dovizioso, che ha chiuso sesto e non è riuscito nella rimonta che ha fatto Iannone, ma a sua differenza almeno è rimasto in piedi fino all’ultimo. Già, il grande sconfitto di ieri è stato proprio il ducatista che dopo una rimonta pazzesca e la conquista della seconda piazza, è scivolato a 5 giri dal termine, mentre quasi contemporaneamente Marquez ha combinato un dritto che gli è costato il podio. Valentino Rossi ringrazia e festeggia un altro podio, il più costante nelle prove ad alto livello, purtroppo pesano per lui alcune scelte scellerate sulla pioggia nei precedenti Gran Premi. Sfida ancora aperta, come ha dimostrato la gara di ieri sul circuito di Silverstone: partenza doppia, visto che dopo il primo giro è subito bandiera rossa per lo schianto terribile di Loris Baz – sta bene, trasportato in ospedale, ma almeno cosciente e vigile – e Vinales subito in forma più di tutti per scattare davanti alla prima curva. Valentino Rossi sembra averne di più della truppa – eccetto il pilota Suzuki futuro Yamaha – e sta davanti al filotto di piloti per i primi 10 giri. Quando ne mancano 9 arriva la bagarre: e sono sorpassi su sorpassi con Rossi, Marquez e Crutchlow scatenati che si passano per almeno tre volte a testa. Ne approfitta Iannone che risale assieme a Pedrosa e inizia lo show di sorpassi; la Ducati sembra avere di più ma a cinque dal termine il patatrac, con la scivolata che compromette la gara: Valentino perde un paio di corpo a corpo con Marquez, non prima di stamparli in faccia una staccata da urlo appena dopo il traguardo del circuito. Non piove e questo aiuta gli ultimi giri spettacolari: Marquez sbaglia due volti con due dritti consecutivi mentre lotta con il pilota inglese per star davanti a Rossi e così si ritrova lui dietro, bravo a recupero però all’ultimo giro su Pedrosa che si deve arrendere alla quinta posizione. Trionfo incredibile per Vinales che sale anche al quarto posto in classifica generale, superando proprio Pedrosa a quota 125 punti su 120. 

E’ stata una gara spettacolare di MotoGp, nel Gran Premio di Gran Bretagna 2016 (clicca qui per la cronaca e l’ordine d’arrivo): la vittoria è di Maverick Vinales ed è la prima vittoria nella classe regina per il pilota spagnolo della Suzuki. Secondo Cal Crutchlow – ritrovato – terzo Valentino Rossi: come cambia la classifica di MotoGp? Cambia eccome, perchè Jorge Lorenzo ancora una volta cade miseramente, è soltanto ottavo e dunque perde altri punti; e cambia perchè Marc Marquez aveva in mano il secondo posto ma compie due clamorosi errori nel finale e si deve accontentare della quarta piazza. Vinales intanto con i 25 punti di una vittoria memorabile si porta a quota 125, portandosi peraltro al quarto posto del Mondiale e scavalcando Dani Pedrosa, quinto e – in pista – passato da Marc Marquez all’ultimo giro. In testa, Lorenzo guadagna 8 punti: adesso ne ha 146 e sostanzialmente dice addio al titolo, visto che Marquez grazie ai 13 punti conquistati oggi va a 210 e il vantaggio sul connazionale è di 66 lunghezze, forse troppo da recuperare. Valentino Rossi sale sul podio, ma forse avrebbe potuto fare qualcosa di più per come si era messa; intanto i suoi punti sono 160 ed sempre più lui la seconda forza del Mondiale MotoGp, pur se a -50 da Marquez. Alle loro spalle altro 0 per Andrea Iannone che cade quando era secondo; Andrea Dovizioso con i 10 punti frutti del sesto posto va a quota 89 e supera un Pol Espargaro steso alla prima curva da Loris Baz (fortunatamente entrambi stanno bene), Cal Crutchlow invece fa un grande salto, adesso ha 86 punti ed è di conseguenza la nona forza del Mondiale.

Un vero peccato per la Classifica del Mondiale Piloti MotoGp che vede Andrea Iannone ancora con uno zero nel suo ruolino, e sempre dopo un’ottima gara tutta in rimonta. Non è la prima volta per il forte pilota Ducati, tira fino all’ultimo al limite e commette un piccolo errore che paga amaramente: nella gara di Sivlerstone la lotta con Valentino Rossi e Cal Crutchlow è stata fantastica, ma proprio mentre andava in fuga verso Vinales l’errore fatale costatogli lo stop in classifica generale e l’addio ovviamente al podio quasi certo. Ne approfitta Pedrosa che lo stacca di 24 punti ora, 120 a 96, mentre si avvicina minaccioso il compagno di squadra Andrea Dovizioso, oggi sesto e indietro solo di 7 punti. Italia con sorrisi a metà, da Valentino Rossi che rosicchia su Marquez e allunga su un anonimo Lorenzo, fino ai due ducatisti che speravano molto, ma molto, di più da questo Gp in Gran Bretagna. 

In attesa di vivere il Gran Premio di Gran Bretagna 2016, dodicesimo atto del Mondiale 2016 di MotoGp che si disputerà sul circuito di Silverstone, diamo uno sguardo alla classifica del Mondiale Piloti della classe regina del Motomondiale. Dopo le prime undici gare stagionali stiamo assistendo a quella che potrebbe già essere la fuga decisiva dopo un inizio di Mondiale decisamente equilibrato. Il protagonista è Marc Marquez, attualmente primo a quota 197 punti dopo il podio conquistato dal numero 93 due settimane fa a Brno, nell’ennesima gara condizionata quest’anno da condizioni meteo incerte.

Possiamo dunque dire che Marc Marquez sta navigando verso il terzo titolo iridato in quattro stagioni in MotoGp, perché dall’altra parte i due piloti della Yamaha stanno avendo troppe difficoltà. Abbiamo già accennato alle tante gare condizionate dal meteo, vero tallone d’Achille di Jorge Lorenzo, che finora ha raccolto 138 punti e paga le difficoltà patite appunto nelle gare bagnate, nelle quali non è mai riuscito ad essere competitivo. A Brno ha subito in questo modo il sorpasso di Valentino Rossi, secondo sul circuito ceco e adesso pure in classifica con 144 punti, ma che forse è il pilota con più rimpianti. Con l’avanzare dell’età si poteva pensare a un Dottore meno veloce in senso assoluto ma pronto a capitalizzare al massimo ogni occasione. Invece ce lo ritroviamo assai veloce, ma con troppi errori o sfortune: vedi le cadute di Austin e Assen, la rottura della moto al Mugello e l’occasione sprecata al Sachsenring prima della pausa estiva, quando ha aspettato troppo prima di rientrare ai box per il necessario cambio di moto.

Dunque Marquez adesso ben 53 punti di vantaggio su Rossi e addirittura 59 su Lorenzo, dunque più di due Gran Premi di vantaggio quando ne mancano sette alla fine del Campionato, dunque il grande equilibrio di inizio campionato è adesso soltanto un lontano ricordo e i due piloti Yamaha non potranno più permettersi errori se vorranno recuperare. Anzi, Marquez vincerebbe il titolo anche gestendo il vantaggio: potrebbe perdere sette punti a gara nei confronti di Rossi, otto da Lorenzo. In quarta posizione troviamo Dani Pedrosa a quota 109 punti, tuttavia in questa stagione il secondo pilota della Honda Hrc non è mai riuscito ad essere protagonista, rivelandosi un comprimario in quasi tutte le gare mentre le condizioni particolari spesso hanno fatto esultare piloti meno attesi e lontani in classifica, come Cal Crutchlow a Brno (l’inglese è decimo con 66 punti) o addirittura Jack Miller ad Assen – l’australiano è quattordicesimo con 42 punti, di cui 25 arrivati in un sol colpo in Olanda. Alle spalle di Pedrosa troviamo l’altro spagnolo Maverick Vinales in quinta posizione con 100 punti, poi ecco Andrea Iannone al sesto posto a quota 96 punti ma soprattutto la grande soddisfazione della vittoria raccolta a Zeltweg; Andrea Dovizioso invece si colloca all’ottavo posto con 79 punti. 

1. Marc Marquez (Honda) 210

2. Valentino Rossi (Yamaha) 160

3. Jorge Lorenzo (Yamaha) 146

4. Maverick Vinales (Suzuki) 125

5. Dani Pedrosa (Honda) 120

6. Andrea Iannone (Ducati) 96

7. Andrea Dovizioso (Ducati) 89

8. Pol Espargaro (Yamaha) 80

9. Cal Crutchlow (Honda) 86

10. Hector Barbera (Ducati) 78

11. Eugene Laverty (Ducati) 67

12. Aleix Espargaro (Suzuki) 60

13. Scott Redding (Ducati) 54

14. Danilo Petrucci (Ducati) 45

15. Jack Miller (Honda) 42

16. Bradley Smith (Yamaha) 42

17. Alvaro Bautista (Aprilia) 40

18. Stefan Bradl (Aprilia) 37

19. Tito Rabat (Honda) 27

20. Loris Baz (Ducati) 24

21. Michele Pirro (Ducati) 23

22. Yonny Hernandez (Ducati) 13

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori