Diretta MotoGp/ Streaming video Sky e Tv8 gara live: Dovizioso vince e riapre il Mondiale, Marquez “trema”

- Mauro Mantegazza

Diretta MotoGp gara e warm-up live GP Giappone 2017 Motegi: cronaca e tempi, podio, vincitore e ordine d’arrivo della corsa (oggi domenica 15 ottobre)

valentino_rossi_2_motogp_lapresse_2017
Diretta MotoGp - LaPresse

Marc Marquez sembrava ben avviato verso la vittoria del Mondiale di MotoGp, ma Andrea Dovizioso ha deciso di rimettere tutto in discussione. Le carte in tavola sono state rimescolate per un finale di stagione incandescente. Il pilota della Ducati ha rosicchiato “solo” cinque punti, ma così ha portato lo svantaggio ad undici punti. Un segnale comunque forte, che rimette in corsa l’italiano, soprattutto dal punto di vista psicologico. Mancano solo tre gare alla fine del Motomondiale, ma la sfida è ancora rovente. Ora si volerà in Australia, e a Philipp Island Marc Marquez e le Honda si sentono a loro agio. Almeno sulla carta Dovizioso dovrà difendersi nella terra dei canguri per poi giocarsi tutto in Malesia. Quindi il gran finale in Valencia, dove è favorito il rivale. Qui le Ducati potrebbero soffrire molto, ma sarà l’ultima gara e se il Mondiale fosse ancora in bilico allora tutti i discorsi su favoriti andrebbero in fumo, perché conterebbero solo la voglia di vincere nel Mondiale più bello degli ultimi anni. (agg. di Silvana Palazzo)

RILANCIO SUZUKI CON IANNONE E RINS!

Sotto la pioggia di Motegi è successo davvero di tutto: dall’epico duello tra Dovizioso e Marquez all’ultimo giro del Gp del Giappone 2017, fino alle clamorose cadute di Pedrosa e Valentino Rossi. Tra le sorprese però di questo appuntamento del Mondiale Motogp nella terra del Sol Levante c’è senza dubbio la grande ripresa delle due Suzuka di Andrea Iannone e Alex Rins, capaci di prendere la bandiera a scacchi alla quarta e quinta piazza. Davvero un grandissimo successo per la casa giapponese (benchè la sede della società corse sia nel Regno Unito), che finalmente raggiunge quei piazzamenti che erano stato obiettivo fin all’inizio di questa stagione Motogp 2017 ma che non sono mai arrivati. Dando un occhio a qualche dato registrato fino a oggi infatti notiamo che nè Iannone e né Rins erano mai riusciti ad entrare nella top five, toccando al massimo con lo spagnolo un ottavo posto al termine del Gp di San Marino (dove l’azzuro invece si era ritirato). La gara di oggi verrà ovviamente festeggiata in casa Suzuki ma una domanda resta in sospeso il successo di oggi a Motegi è stato solo un caso fortuito o è il segnale che finalmente qualcosa comincia a funzionare nei box di Iannone e Rins? (agg Michela Colombo)

MotoGp, la gara in diretta live: segui il temporeale

CHE DUELLO SUL FINALE!

Incredibile, avvincente, quasi epica la battaglia che ha visto protagonisti Marc Marquez e Andrea Dovizioso nel Gran Premio del Giappone. Una gara assurda per lo spettacolo che stato offerto sul circuito di Motegi. Questa potrebbe essere senza dubbio la gara più bella dell’anno: l’ha vinta Andrea Dovizioso, protagonista di un duello quasi senza fine con il pilota della Honda. Ma alla fine si è conclusa e a favore dell’italiano: quando il rivale sembrava aver allungato in vetta, non ha mai smesso di crederci e a quattro curve dalla fine ha infilato con la sua Ducati l’avversario incrociando poco prima del traguardo. Sul gradino più basso del podio Danilo Petrucci, che ha condotto la prima parte della gara. Ha perso poi il passo e allora ha limitato i danni accontentandosi del terzo posto. Per la Yamaha questo weekend da incubo è finito: anonima la prestazione di Maverick Vinales, solo nono; fuori Valentino Rossi, protagonista di una caduta. (agg. di Silvana Palazzo)

LA SORPRESA PETRUCCI, OUT ROSSI

Danilo Petrucci sorprende tutti: dopo una partenza lampo di Marc Marquez, che aveva superato tutti al via, il pilota della Ducati Pramac ha battagliato e conquistato la prima posizione. Molto bello il duello con il leader del Mondiale, che ha dovuto cedere il primato all’italiano. Il momento difficile delle Yamaha è certificato dalla caduta in curva 8 di Valentino Rossi, mentre Maverick Vinales è all’ottavo posto, davanti a Jorge Lorenzo. Il pilota della Ducati, autore di una buona partenza, ha avuto problemi di visibilità, quindi ha perso via via posizioni. La partenza è stata sicuramente da incubo per Joahnn Zarco, che è sceso al quinto posto. Deve fare attenzione ad Alex Rins, che aveva mostrato un buon passo al warm up, mentre davanti a sé ha Andrea Dovizioso, che ha recuperato diverse posizioni. Marquez, dunque, insegue. Spiraglio di luce per Andrea Iannone: ora è quinto e può essere protagonista. (agg. di Silvana Palazzo)

IL WARM UP…

La gara finalmente comincia a Motegi, quindi il weekend del Gran Premio del Giappone arriva al suo culmine. Sarà interessante scoprine l’epilogo, per ora abbiamo solo le indicazioni del warm up, che è stato accorciato a causa della pioggia. Le Yamaha sono state più performanti grazie all’uso del pneumatico posteriore extra soft, ma la situazione è cambiata sostanzialmente poco, visto che Valentino Rossi ha chiuso al dodicesimo posto e Maverick Vinales addirittura al quindicesimo. La crisi è certificata. Le Ducati hanno dovuto scegliere una gomma anteriore media perché la Michelin ha tolto la mescola soft a causa di problemi di deterioramento. Il più veloce comunque è stato Marc Marquez (1:56.719). Il leader del Mondiale ha preceduto di 406 millesimi Aleix Espargaro. Quest’ultimo ha dimostrato che l’Aprilia può fare davvero bene oggi. Terzo Alex Rins con la Suzuki, un risultato a sorpresa. Indietro Jorge Lorenzo, Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso. La top ten è stata chiusa da Cal Crutchlow, Andrea Iannone, Kohta Nozane e Pol Espargaro. (agg. di Silvana Palazzo)

FOCUS YAMAHA, PARLA ROSSI

La dodicesima posizione in qualifica ottenuta sul circuito di Motegi non può rendere felice un Valentino Rossi che partirà con l’handicap sulla griglia di partenza del GP del Giappone della MotoGP, ben lontano dalla pole position di Zarco. Il pilota Yamaha, come riportato dal sito ufficiale della scuderia, ha ribadito di aver “sofferto molto quando sulla pista c’era meno acqua” per aver pasticciato nella scelta delle gomme. Come ha chiarito il Dottore, la speranza era che la pista “si asciugasse velocemente, ma purtroppo era ancora troppo bagnato”. Il numero 46, come d’abitudine, non si fascia la testa prima della gara: “Dobbiamo aspettare per vedere quali saranno le condizioni di domani (oggi, ndr). Con più acqua in pista possiamo essere abbastanza forti, con meno acqua stiamo soffrendo”. Poi un commento sull’incidente che l’ha visto protagonista in FP4: “E’ stato abbastanza grande, ma sono stato fortunato. Nessun problema, solo un po ‘con il dito, ma la cosa importante è che la gamba sia ok”. A confermare la lettura di Valentino anche il Team Director Meregalli: “I risultati di oggi non erano quelli che speravamo. Le circostanze mutevoli del circuito in Q2 hanno reso difficile capire quali sarebbero state le condizioni della pista”. (agg. di Dario D’Angelo)

FOCUS YAMAHA, PARLA VINALES

Peggio di Valentino Rossi ha fatto il suo compagno di squadra in Yamaha, Maverick Vinales, che scatterà dalla 14esima posizione sulla griglia di partenza nel Gran Premio del Giappone 2017 della MotoGP. Queste le parole del centauro al termine delle qualifiche: “Oggi ho avuto lo stesso problema che ho avuto per tutto l’anno sul bagnato: ho avuto un sacco di spin e non ho potuto guidare la moto come volevo in queste condizioni. Stiamo lavorando sodo e dando tutto. Il risultato delle qualifiche è quello che è e ora ci concentriamo sul lavoro per domani (oggi, ndr)”. Vinales è stato sincero:”Sappiamo dove stiamo perdendo tempo, ma è difficile risolverlo in un solo fine settimana. Faremo del nostro meglio, proveremo a migliorare e ad ottenere quanti più punti sarà possibile”. Anche il Team Director Yamaha, Massimo Meregalli, è apparso rammaricato: “E’ stato un peccato che Maverick abbia mancato l’ingresso nella Q2 per soli 72 millesimi: partire dalla quinta fila è molto impegnativo”. (agg. di Dario D’Angelo)

ASSALTO ALLA VITTORIA

Oggi la MotoGp torna con il Gran Premio del Giappone 2017 in diretta dal circuito di Motegi, che costituisce il quindicesimo atto del Motomondiale 2017. Cresce dunque l’attesa, anche perché siamo reduci da ben tre settimane di pausa mentre adesso stiamo per vivere tre Gp consecutivi, nell’ormai classico trittico di ottobre in Estremo Oriente che sarà fondamentale per capire come evolverà la lotta per il titolo iridato fra Marc Marquez, Andrea Dovizioso e Maverick Vinales. Eccovi dunque gli orari della corsa, che saranno naturalmente condizionati da ben sette ore di fuso orario. Ricordiamo innanzitutto che il primo appuntamento motociclistico di questa domenica sarà con il warm-up alle ore 2.40 della notte italiana e fino alle 3.00, gli ultimi 20 minuti di prove a disposizione dei piloti per mettere a punto le proprie moto, fare le ultime prove su assetti e gomme che sono particolarmente importanti in un momento decisivo della stagione.

MOTOGP, LA GARA IN STREAMING VIDEO E DIRETTA TV

Tutte le sessioni e gare odierne saranno trasmesse su Sky Sport MotoGp HD, canale numero 208 della piattaforma satellitare Sky che per la quarta stagione consecutiva detiene i diritti per trasmettere tutti gli appuntamenti della MotoGp e naturalmente anche delle altre classi del Motomondiale. Per tutti gli appassionati, anche non abbonati Sky, bisogna invece tenere conto del fatto che le gare sul circuito di Motegi saranno visibili in tempo reale anche in chiaro su Tv8. Il punto di riferimento della squadra di inviati Sky è sempre Guido Meda, al microfono della MotoGP affiancato da Mauro Sanchini. Per quanto riguarda invece le classi minori Zoran Filicic e il commento dello stesso Mauro Sanchini oppure di Roberto Locatelli ci racconteranno la Moto2 e la Moto3; in conduzione dal Paddock per la rubrica contenitore ci sarà Vera Spadini, mentre gli inviati ai box saranno Sandro Donato Grosso e Marco Selvetti: questo dunque lo schieramento Sky per questo Gran Premio che è una delle tappe salienti della stagione del Motomondiale vista l’importanza del Giappone nel motociclismo. Inoltre, gli abbonati avranno anche l’occasione di seguire il warm-up e la gara in streaming video tramite l’applicazione SkyGo. Per quanto riguarda la tv in chiaro, l’appuntamento sarà questa volta anche in tempo reale su Tv8 (canale numero 8 del telecomando) con le gare di tutte e tre le classi, anche se magari bisognerà puntare la sveglia, soprattutto per le classi minori con Moto3 alle 4.00 e Moto2 alle 5.20… Ricordiamo anche i riferimenti ufficiali del Mondiale su Twitter, l’account @MotoGp, così come la pagina MotoGp su Facebook.

LIBERE 3, COSA È SUCCESSO?

Le prove libere 3, decisive per decretare i 10 piloti che si qualificano direttamente alla q2, hanno visto entrare in scena la classifica combinata, per via dei tempi peggiori rispetto alle prove libere 2 del pomeriggio di ieri. Nella combinata, primo tempo per Andrea Dovizioso, che conferma il miglior crono ottenuto nella seconda sessione di prove libere. Alle sue spalle Marc Marquez, con alle spalle Aleix Espargaro. Quarto Jorge Lorenzo, quinto Valentino Rossi. Il pesarese è l’unico a migliorare il suo tempo nei primi cinque, con il tempo di 1.55.283, che si mette alle spalle Zarco. Si migliora anche Andrea Iannone, che entra in Q2 con il settimo tempo davanti a Petrucci e Pedrosa. Decimo Alex Rins, su Suzuki. Clamorosa esclusione per Maverick Vinales, che nella classifica combinata raggiunge soltanto il quattordicesimo tempo.

LE QUALIFICHE

Pole position a sorpresa per il pilota francese Zarco, riuscito a beffare i più grandi in condizioni di pista umida. Valentino Rossi ha tentato di fare il tempo con le slick, ma l’azzardo non ha pagato. Quando il pesarese è tornato in pista con le gomme da bagnato, non è riuscito a trovare il feeling giusto, chiudendo ad oltre 4 secondi dal miglior tempo del francese, primo a sorpresa con la Yamaha non ufficiale. Per tutto il venerdì e la prima parte della giornata odierna le Yahama erano sempre state indietro. Alla fine, in q2, sono riuscite a trovare la pole con l’uomo meno atteso, Zarco. In prima fila, accanto al pilota francese, scatterà la Ducati di Danilo Petrucci, ottimo secondo. Chiude la prima fila Marc Marquez, terzo. Per il campione del mondo spagnolo in carica, una posizione in fin dei conti più che discreta per come si era messa la sessione di qualifiche. Fra l’incertezza generale, Marc ha trovato un grande tempo, che gli è valsa la terza posizione in griglia domani. Deludente Andrea Dovizioso, soltanto nono. Il pilota Ducati non ha potuto far altro che correre sulla difensiva, accontendandosi della terza fila. Non la posizione migliore per portare un attacco deciso a Marc Marquez, anche se la gara è ancora tutta da giocare. Per Dovizioso è possibile trovare un prezioso alleato nel suo compagno di squadra, lo spagnolo Lorenzo. Il maiorchino è il secondo della seconda fila e partirà dalla quinta posizione, al fianco di Aleix Espargaro. Il pilota dell’Aprilia anche nelle qualifiche ufficiali ha confermato di vivere uno stato di grazia qui a Motegi, regalando una grandissima soddisfazione all’Aprilia del team Gresini. Sesto Dani Pedrosa, compagno di squadra di Marquez, in difficoltà per tutta la giornata di venerdì e bravo a limitare i danni partendo in seconda fila. Per lui la gara potrebbe riservare delle belle sorprese. In settima e ottava posizione le due Ktm di Bradley Smith e Pol Espargaro, che precedono Andrea Dovizioso. In quarta fila il rookie Alex Rins (decimo), Andrea Iannone (undicesimo) e Valentino Rossi (dodicesimo).

DATI E CARATTERISTICHE DEL CIRCUITO

I semafori poi si spegneranno alle ore 7.00 (le 14.00 locali), quando è in programma la partenza della gara della classe regina MotoGp, corsa che si svilupperà sulla distanza di 24 giri per un totale di 115,2 km, dal momento che ogni giro del tracciato nipponico misura 4,801 chilometri (clicca qui per la griglia di partenza scaturita dalle qualifiche di ieri a Motegi per il Gran Premio del Giappone). Ricordando altri dati statistici relativi al circuito di Motegi, ecco ad esempio che il rettilineo più lungo è quello che porta dalla curva 10 alla curva 11 e misura 762 metri, mentre è più breve il rettilineo dei box e dell’arrivo. Le curve, a questo proposito, sono in tutto 14: di queste, 6 sono verso sinistra e 8 verso destra. Il circuito sorge a poca distanza dall’omonima località della regione del Kanto, nel Giappone centrale, ed è stato costruito dalla Honda nel 1997 innanzitutto come sede dei suoi test, anche se già dal 1999 è entrato nel calendario iridato dal quale non è più uscito, anche se per alcuni anni fu Gran Premio del Pacifico prima di ottenere la più prestigiosa denominazione di Gran Premio del Giappone, scalzando Suzuka. Oltre al circuito stradale c’è anche un ovale che ha ospitato diverse gare delle categorie americane, tanto che l’autodromo ufficialmente si chiama Twin Ring Motegi. Un luogo imperdibile per gli appassionati dei motori, perché ci sono anche un museo della Honda e diverse altre attrazioni, comprese piste per dirt track e go kart.

LE DOMANDE DELLA DOMENICA

Inutile però dire che l’attesa sarà tutta per quello che succederà in pista: nelle ultime stagioni qui hanno vinto spesso Jorge Lorenzo oppure Dani Pedrosa, che sono i due piloti con la migliore tradizione a Motegi, anche se l’anno scorso si impose Marc Marquez. Per il numero 93 però il bilancio in Giappone non è a dire il vero esaltante, come d’altronde anche per Valentino Rossi e Andrea Dovizioso. Tutti si chiedono come evolverà la situazione del Mondiale: la Honda riuscirà a vincere in casa sua (in tutti i sensi) oppure la Yamaha saprà cogliere un successo che avrebbe un sapore ancora più speciale? La Ducati saprà fare bene su un tracciato che in passato l’ha spesso vista vincente, soprattutto ai tempi di Loris Capirossi? Dalla risposta a queste domande passerà il tentativo di rimonta di Dovizioso e Vinales nella graduatoria iridata guidata da Marquez, una sfida fra le tre Case che potrebbe vedere in un ruolo decisivo anche i compagni di squadra – Pedrosa per Marquez, Rossi per Vinales e Lorenzo per Dovizioso. Per rispondere a tutti questi quesiti, adesso è giunto il tempo di far parlare l’unico giudice, cioè la pista, quindi mettiamoci comodi: la diretta della gara e del warm-up del Gran Premio del Giappone 2017 della MotoGp sul circuito di Motegi sta per cominciare…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori