VIDEO / MotoGp highlights e classifica Gp Valencia 2017: il sesto titolo di Marquez, campione del Mondo

- Claudio Franceschini

Video MotoGP, highlights Gp Valencia 2017: la sintesi della gara e i punti salienti dell’ultimo Gran Premio stagionale, che ha consegnato il campionato del mondo nelle mani di Marquez

dovizioso marquez motogp
Diretta MotoGp: Dovizioso e Marquez - repertorio LaPresse

Marc Marquez è l’uomo del giorno in MotoGp, visto che il terzo posto con brivido a Valencia nell’ultimo Gran Premio della stagione è stato ampiamente sufficiente al pilota spagnolo per conquistare il sesto titolo iridato in carriera, di cui ben quattro nella classe regina MotoGp. Marquez eguaglia Geoff Duke e Jim Redman, anche loro a quota sei Mondiali dei quali quattro nella classe regina, che ovviamente ai loro tempi non era la MotoGp, bensì la 500. Nel mirino adesso ci sono John Surtees e Phil Read, entrambi a quota sette, anche se quest’ultimo (che in 500 ha trionfato due volte) è già dietro Marquez per quanto riguarda la 500/MotoGp. Più lontani sono invece Carlo Ubbiali, Mike Hailwood e Valentino Rossi, terzetto a quota nove Mondiali, e poi ovviamente Angel Nieto secondo a quota 13 (ma nessuno in 500) e Giacomo Agostini, leader di tutti i tempi a quota 15. Nessuno di loro era però arrivato a quota sei all’età di Marquez, cioè 24 anni e 268 giorni: il record precedente era di Valentino Rossi, che era arrivato al sesto iride a 25 anni e 244 giorni. Agostini, Rossi e Marquez sono infine gli unici ad avere vinto quattro mondiali nei primi cinque anni in 500/MotoGp. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza) MOTOGP, VIDEO HIGHLIGHTS GP VALENCIA 2017 (da Sky.it)

GP VALENCIA, FESTA PER PEDROSA E MARQUEZ

Il Gran Premio di Valencia 2017 MotoGp consegna la vittoria del Mondiale a Marc Marquez: secondo titolo consecutivo, quarto nella classe regina e sesto in generale, con Andrea Dovizioso che ci prova fino alla fine ma si ritrova per terra ed è costretto al ritiro. La gara la vince Dani Pedrosa, che all’ultimo passa l’ottimo Yohann Zarco; terza posizione per lo stesso Marquez, che doveva solo controllare la situazione ma ha provato a vincere, accontentandosi quando ha capito di avercela fatta. Termina invece quinto Valentino Rossi, scavalcato in classifica generale da Pedrosa.

MARQUEZ PARTE BENE, DOVIZIOSO MENO

Ottimo lo spunto di Marquez che protetto dal suo compagno di squadra prende immediatamente la testa della corsa, Dovizioso invece si trova in sesta posizione. Primo giro con Pedrosa nelle vesti di scudiero, e con Zarco che risale posizioni infilando Jannone. Il francese in sella alla Yamaha privata ne ha di più e nella stessa tornata si porta in seconda posizione sorpassando Pedrosa, dietro intanto qualche segno di riscossa delle Ducati che infilano Jannone e si portano in quarta e quinta posizione. Che si a una gara da “ragionare” lo si capisce subito, Marquez non rischia il contatto con Zarco, e volontariamente cede la strada alla Yamaha “accontentandosi” della seconda piazza, risultato questo che lo laureerebbe campione del mondo.

LORENZO FRENA DOVIZIOSO

Dietro intanto in Ducati si frantuma il gioco di squadra, Dovizioso è stoppato da Lorenzo che per quanto in difficoltà con la temperatura delle gomme non fa nulla per agevolare il compagno di squadra. Decimo giro in avanti le posizioni sono cristallizzate, le telecamere si soffermano per questo sulla battaglia tra Miller e Valentino, battaglia che è valida però per la sesta posizione. I giri passano e Lorenzo fa finta di non vedere le segnalazioni del muretto, i suoi meccanici gli indicano più volte di cedere la posizione a Dovizioso ma lo spagnolo non sembra orientato a dare corso agli ordini ricevuti. Marquez da parte sua non fa nulla per elevare il ritmo, la sua posizione gli permette di controllare l’avversario diretto non rischiando praticamente nulla. Ventunesimo giro, piccolo errore di Zarco con il francese che allarga la traiettoria ne approfitta e lo infila Marquez che adesso potrebbe puntare anche alla vittoria della corsa, il pilota della Yamaha non ci sta e riprova a prendere la testa, spingendo Marquez a ritardare la frenata, la Honda si intraversa e Marq deve fare un mezzo miracolo per rientrare in quinta posizione, dopo aver rischiato seriamente di finire disarcionato dal suo mezzo.

IL MOMENTO DECISIVO

Arriva adesso il momento di tirare per le Ducati, ma prima Lorenzo e poi Dovizioso fanno un piccolo sbaglio finendo per terra. Mondiale virtualmente finito, e purtroppo non come i tifosi italiani avevano previsto. Ultimi giri con Marquez che pensa solo a rimanere in terza posizione, avanti la battaglia è ormai tutta tra Pedrosa e Zarco, con lo spagnolo che alla fine ha la meglio sul francese. Arriva la bandiera a scacchi con le posizioni che rimangono invariate, primo Pedrosa, secondo Zarco, terzo Marquez con lo spagnolo che si laurea, per la sesta volta campione del mondo. Comprensibile la delusione in casa Ducati, ma alla fine metabolizzato il risultato i sorrisi compaiono anche sulla faccia di meccanici, dirigenti e piloti, con la squadra di Borgo Panigale consapevole di aver dato il massimo per tutta la stagione.

CLASSIFICA PILOTI MOTOGP

1. Marc Marquez (Honda) 298

2. Andrea Dovizioso (Ducati) 261

3. Maverick Vinales (Yamaha) 230

4. Daniel Pedrosa (Honda) 210

5. Valentino Rossi (Yamaha) 208

6. Johann Zarco (Yamaha) 174

7. Jorge Lorenzo (Ducati) 137

8. Danilo Petrucci (Ducati) 124

9. Cal Crutchlow (Honda) 112

10. Jonas Folger (Yamaha) 84

11. Jack Miller (Honda) 82

12. Alvaro Bautista (Ducati) 75

13. Andrea Iannone (Suzuki) 70

14. Scott Reddings (Ducati) 64

15. Al. Espargaro (Aprilia) 62

16. Alex Rins (Suzuki) 59

17. Pol Espargaro (KTM) 55

18. Loris Baz (Ducati) 45

19. Tito Rabat (Honda) 35

20. Karel Abraham (Ducati) 32

21. Bradley Smith (Ktm) 29

22. Hector Barbera (Ducati) 28

23. Michele Pirro (Ducati) 25

24. Mika Kallio (KTM) 11

25. Sam Lowes (Aprilia) 5

26. Katsuyuki Nakasuga (Yamaha) 4

27. Sylvain Guintoli (Suzuki) 1

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori