DIRETTA / MotoGp streaming video e tv: crisi per Marquez, Valentino Rossi e Lorenzo (GP Italia 2017 Mugello)

Diretta MotoGp prove libere FP1 e FP2 live GP Italia 2017 Mugello: cronaca e tempi delle due sessioni in programma sul circuito toscano (oggi venerdì 2 giugno)

02.06.2017 - Mauro Mantegazza
maverick_vinales_yamaha_motogp_lapresse_2017
Diretta Test Motogp Valencia 2018, Maverick Vinales - LaPresse

In questa seconda sessione di prove libere Motogp sul tracciato del Mugello ci si aspettava il ritorno della Honda ed è così ma a sfrecciare davanti a tutti non sono Marquez o Pedrosa ma Crutchlow. Il pilota inglese negli ultimi 10 minuti della sessione mette a segno 1:47.365 che gli basta per domare un Dovizioso scatenato con la sua Ducati che si conferma in grande forma e primo ducatista del tracciato. Non può gioire il suo compagno di squadra Lorenzo che continua con il suo difficile adattamento alla moto con cui alterna buone prestazioni a scadenti senza riuscire a dare continuità al suo percorso di crescita. Va detto bicchiere mezzo pieno per lo spagnolo della Ducati che allo stato attuale è ancora qualificato alla Q2 (clicca qui per seguire la diretta MotoGp delle sessioni di sabato del Gp Italia 2017 al Mugello: FP3, FP4, Q1 e Q2) grazie al tempo raccolto in FP1. Veniamo al capitolo Yamaha, dopo un buon avvio di Vinales la caduta ne compromette il rientro in tempi rapidi e una volta tornato i pista si attesta sui tempi di quelli di Valentino Rossi. Il dottore non riesce ancora ad entrare tra i primi 10 della calssifica combinata. Fp2 nera per le Yamaha ufficiali ma non per quelle del team satellite che con il duo rivelazione Folger-Zarco conquistano il terzo e quarto posto in classifica. Prestazione stellare loro che stanno dimostrando un grandissimo potenziale. Iannone riesce a chiudere in ottava posizione, passo avanti per lui e la sua Suzuki ancora lontana dai fasti dello scorso anno. Va precisato che Valentino Rossi lamenta problemi di respirazione, quali sono le sue reali condizioni di salute?. Riassumiamo le prime 10 posizioni della classifica dei tempi FP1 della Motogp: 1 C. CRUTCHLOW 1:47.365 – 2 A. DOVIZIOSO +0.161 – 3 J. FOLGER +0.178 – 4 J. ZARCO +0.320 – 5 D. PEDROSA +0.334 – 6 H. BARBERA +0.345 – 7 A. BAUTISTA +0.363 – 8 A. IANNONE +0.442 – 9 M. PIRRO +0.518 – 10 D. PETRUCCI +0.585 (agg. di Matteo Raimondi) 

La FP2 regala emozioni qui al Mugello, mentre le Honda segnno il loro ritorno con un Pedrosa momentaneamente terzo dietro Bautista e Vinales a far sollecitare le tribune ci pensa lo spagnolo della Yamaha che alla curva Arrabbiata 2 cade e distrugge la moto. Per lui fatale il cordolo che gli fa scappare di mano la Yamaha, comunque niente di grave per il pilota che dovrebbe rientrare non appena cambia la tuta e gli preparano la moto di riserva. Valentino Rossi latita ancora, riesce solo a portarsi in dodicesima posizione senza trovare ancora il giusto feeling con la moto. Se non tira fuori uno dei suoi colpi di genio questo fine settimana sarà molto dura non perdere terreno dai diretti concorrenti per il titolo mondiale. Da segnalare un Iannone in ripresa in sesta posizione. (agg. di Matteo Raimondi)

Si torna in pista per le prove libere (FP2) della MotoGp sul circuito del Mugello. Le Honda dopo assersi nascoste nella prima sessione per dedicare il tempo allo studio del comportamento delle gomme ora sono chiamate a “mostrare i muscoli” così da vedere il loro vero valore. Riusciranno le Honda di Marquez e Pedrosa a rompere il predominio delle Ducati? Su questo circuito la FP1 ha ragalato una lotta per la testa della griglia di partenza molto serrata che coinvolge diversi piloti regalando un grande spettacolo. Non starà certamente a guardare Vinales che per ora ha mostrato essere l’unico in grando a tenere testa alla Ducati. Grande attesa anche per Lorenzo chiamato a migliorare il suo feeling con la moto italiana che su questo tracciato del Mugello posso fare la differenza e per lui sarebbe una grandissima occasione persa non sfruttarne il potenziale. Valentino Rossi si sta giocando la corsa al mondiale, ora serve un segnale ai suoi avversari, arriverà?  (agg. di Matteo Raimondi)

C’è malumore attorno alla prestazione di Valentino Rossi che in queste prime sessioni di prove libere qui al Mugello per il Gran Premio d’Italia, ci si aspettava tutti qualcosa di più. Il pilota della Yamaha è apparso in difficoltà ottenendo solo un timido quindicesimo tempo. Siamo solo alla FP1 ma i primi segnali non sono dei migliori e ora con al FP2 deve riuscire a tornare nei primi 10 della classifica combinata dei tempi per sconguirare la Q1 che nelle sue condiziono non farebbe altro che stacare ulteriormente il fisico. Comunque giungono parole incoraggianti da Michele Zasa, responsabile clinica mobile che fa il punto sulle condizioni di salute di Valentino Rossi:”I dolori principali li accusa nella zona toracica, ma in generale le sensazioni sono positive”. La situazione resta comunque sotto attento esame dell’equipe medica che con la somministrazione di antidolorifici aiuterà Valentino Rossi a sopportare la fatica delle sessioni “Dopo il grosso impatto c’era da aspettarselo. Per la FP1 ha preso un leggero antidolorifico, niente di forte. Stiamo cercando di andare per step, vedremo nelle prossime sessioni se sarà necessario somministrargli qualcosa in più”. (agg. di Matteo Raimondi)

Finisce la prima sessione di prove libere al Mugello per il Gran Premio d’Italia Motogp nel segno delle Ducati da subito protagoniste con una grande prestazione. Primo in classifica un super Dovizioso che nel finale ha fatto suo il circuito piazzando un ottimo 1:47.394 seguito da uno stupefacente Pirro a 2 decimi. Primo delle non Ducati, è tanto per cambiare, è Vinales che si fa trovare subito pronto ed è il migliore dei top riders in lotta per il titolo mondiale. A soli 5 millesimi alle sue spalle troviamo Zarco, autore di una prova anoninma per tutta la sessione, ma che nel finale è riuscito a trovare un buona confidenza con la moto che gli ha permesso di chiudere quarto. Fatica ancora Lorenzo che nonotrante lo strapotere delle Ducati fa segnare “solo” il sesto tempo a +0.353 dal compagno di team. Le prestazione della Honda non fanno testo in questa sessione, infatti come confermato dai box hanno svolto un lavoro sulle gomme rinunciando a migliorare sul giro secco quindi solo nella FP2 vedremo il loro vero valore. Valentino Rossi non riesce a trovare il passo giusto con la sua Yamaha, se è nota la sua difficoltà con la M1 2017 ad individuare il setting al primo colpo, il tutto è complicato oggi dalle sue condizioni di salute che, nonostante l’ottimismo mostrato dal pilota, sembrano limitarlo molto nella guida della moto. Riassumiamo le prime 10 posizioni della classifica dei tempi FP1 della Motogp: 1 A. DOVIZIOSO 1:47.394 – 2 M. PIRRO +0.201 – 3 M. VIÑALES +0.275 – 4 J. ZARCO +0.280 – 5 H. BARBERA +0.314 – 6 J. LORENZO +0.353 – 7 D. PETRUCCI +0.568 – 8 J. FOLGER +0.580 – 9 M. MARQUEZ +0.586 – 10 C. CRUTCHLOW +0.800 (agg. di Matteo Raimondi)

I primi giri qui al Mugello ci regalano un Vinales al comando del Gran Premio d’Italia della Motogp seguito da uno stupefacente Folger, Pirro e Dovizioso. Faticano per ora gli altri top riders con le due Honda rispettivamente sesta con Marquez e settima Pedrosa. Valentino Rossi è in quindicesima posizione, riesce a guidare anche accusa un forte fastidio alla zona ascellare destra. Per il dottore è tempo di sperimentazioni, nei due run che sta eseguendo sta testando le due diverse carene a differenza di Vinales che punta su quella standard del 2017. Lorenzo ancora non trova il feeling gisuto con la sua Ducati, per ora ancora in quattordicesiama posizione e rallentato da un guasto elettrico. Crutchlow molto competitivo contiunua a galleggiare nelle prime cinque posizioni della classifica. (agg. di Matteo Raimondi)

Finalmente ci siamo, inizia la prima sessione di prove libere della Motogp al Mugello per il Gp D’Italia. Tutti i piloti italiani sono concentratissimi, nessuno vuole sfigurare davanti ai propri fan e promettono battaglia. Le Ducati sperano che sulla loro pista di test la moto riesca a trovare quello spunto in più per recuperare il gap dalle Yamaha e Honda che per ora non gli ha permesso di essere competitivi. Valentino Rossi, “il sindaco” del Mugello, si è complicato il weekend con la caduta della scorsa settimana che rischia di renderlo meno competitivo proprio nel circuito suo circuito preferito. Attenti però a darlo per finito, Vinales, Marquez e Pedrosa non si fidano del dottore che davanti alla “marea gialla” dei suoi tifosi è capace di tirare fuori energie aggiuntive che gli posso permettere di andare oltre il dolore consentendogli di combattere con i top riders. Lo spagnolo della Yamaha ha per le mani un’occasione unica, se Rossi andasse in difficoltà, cercare di vincere il gran premio d’Italia gli consentirebbe di aumentare il distacco da Valentino eliminando momentaneamente un avversario al titolo mondiale. 

Per Dani Pedrosa il weekend del Mugello sarà fondamentale per capire i margini di miglioramento della sua Honda nella MotoGP 2017, ma lo sarà anche per il pilota spagnolo per tenere il passo riguardo la prima fuga di Mavercik Vinales in testa alla classifica del motomondiale. Pedrosa ha spiegato però che il tema emozionale del weekend del Mugello sarà un altro: “Per la prima volta ci troveremo a correre dopo la scomparsa di Nicky Hayden, ed è molto difficile tornare in pista dopo aver perduto un amico. Quando sono stato costretto ad operarmi era stato il primo pilota a sincerarsi delle mie condizioni e a mostrarmi la sua vicinanza, venendo anche a trovarmi in ospedale. Lo sentiremo vicino a noi per tutta la corsa. Per quanto riguarda la gara, abbiamo lavorato molto sulla resa del pneumatico anteriore Michelin, le prove sono state confortanti ma siamo consapevoli della necessità di incrementare quella che è già una buona base per la nostra Honda. Siamo decisamente fiduciosi dopo i test che abbiamo effettuato.” Dopo stagioni da dominatore, la stagione della MotoGP per Marc Marquez è iniziata in salita. Alla vigilia del Gran Premio d’Italia al Mugello, anche i pensieri dello spagnolo sono tutti per la tragica scomparsa di Nicky Hayden. “Abbiamo ricevuto la notizia della morte di Nicky poco prima di partire per Montmelò, di lui ho un ricordo indimenticabile quando era già campione del mondo ed io invece solo un ragazzino di quindici anni che si affacciava al mondo delle corse. Partecipammo ad un evento insieme e lui si comportò come un fratello maggiore, provando a parlarmi in spagnolo visto che io non sapevo l’inglese.” Anche Marquez, parlando della gara, si sofferma sull’aspetto gomme: “Abbiamo grandi aspettative riguardo il nuovo pneumatico anteriore Michelin, sarà la prima volta che lo utilizzeremo in gara e devo dire che durante i test effettuati la moto ha offerto una maggiore sensazione di stabilità. Dovremo solo capire se la resa della Honda sarà soddisfacente per tutta la durata della gara.”  

Sta per partire il weekend del Gran Premio d’Italia della MotoGP e Iannone è pronto a mordere la pista del Mugello con la sua onda. Il pilota della Suzuki si dimostra particolarmente carico per quella che è una pista a lui particolarmente congeniale come quella toscana. Queste le sue dichiarazioni della vigilia: “Ho vinto molte volte al Mugello nel corso della mia carriera, è uno dei tracciati in cui mi trovo meglio in assoluto. Il supporto dei tifosi italiani riesce ad infondermi una carica incredibile, ed è sulla pista fiorentina che ho costruito le emozioni più grandi della mia carriera, ogni anno è un qualcosa di impareggiabile che non trovo in altre tappe del Motomondiale. Spero davvero di vivere un weekend indimenticabile, la moto ha ancora diverse incognite e in questa stagione dobbiamo comprendere ancora al meglio quello che è il nostro potenziale. Sono concentrato solo sul lavoro per riuscire a fare una grande gara al Mugello, quello che considero a tutti gli effetti il “mio” circuito.” – Sylvain Guintoli è pronto a tuffarsi nell’avventura del Gran Premio d’Italia al Mugello. Il pilota della Suzuki, compagno di squadra dell’italiano Iannone, ha studiato con grande attenzione quelle che possono essere le incognite del tracciato, considerando che finora è riuscito ad ottenere un solo punto della classifica del Motomongiale: “Mi è sempre piaciuto correre al Mugello, con il team abbiamo lavorato duramente per arrivare a questo appuntamento nel migliore dei modi. Sono davvero contento di poter essere di nuovo qui perché ho sempre sentito un feeling particolare con la pista del Mugello, e sarà sicuramente una grande emozione sperimentale la nuova velocità massima nel lungo rettilineo. Con il team abbiamo deciso di provare ad aumentare il passo e questo sarà un appuntamento fondamentale nel cammino del nostro Mondiale: pensiamo a far bene ma anche a divertirci su un tracciato che rappresenta una grande opportunità per i piloti più talentuosi.!

La MotoGp torna in diretta: con le prove libere FP1 e FP2 comincia il Gran Premio d’Italia 2017 sul circuito del Mugello, lo storico tracciato che sorge sulle colline toscane a Scarperia (Firenze) che ospita il sesto appuntamento con il Motomondiale 2017. Il Mugello è uno dei circuiti più apprezzati dell’intero calendario della stagione di MotoGp, sia da parte dei piloti stessi sia da parte dei tifosi. Infatti sono poche le piste che sanno unire grandi difficoltà dal punto di vista tecnico, garanzia di gare spettacolari, divertenti e combattute, e anche una splendida cornice di pubblico, garantita naturalmente dal calore, dai colori e dalla passione del sempre numerosissimo pubblico italiano. Il programma naturalmente prevede le prime due sessioni del weekend nella giornata di venerdì, andiamo dunque a vedere quello che ci attende oggi, in una giornata che tra l’altro in Italia è festiva. Appuntamento alle ore 9.55 del mattino per la che apre l’intero weekend del Mugello, che durerà 45 minuti e dunque si concluderà alle ore 10.40. A seguire ecco pure la , dalle ore 14.05 alle ore 14.50, sessione ancora più interessante anche perché si disputa allo stesso orario della gara di domenica.

Le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio d’Italia 2017 sul circuito del Mugello, appuntamenti salienti di oggi per la sesta gara del Mondiale di MotoGp che si disputa sulla storica e bellissima pista toscana, un luogo leggendario per il motociclismo, saranno trasmesse come di consueto su Sky Sport MotoGp HD, il canale numero 208 della piattaforma satellitare Sky, che anche quest’anno – per la quarta stagione consecutiva – detiene i diritti per trasmettere tutti gli appuntamenti della MotoGp e naturalmente anche delle altre classi del Motomondiale. Per quanto riguarda Sky, il punto di riferimento è sempre Guido Meda, al microfono della MotoGP affiancato da Mauro Sanchini. Resta nella squadra anche Loris Capirossi, non più però al commento tecnico durante le telecronache.

Zoran Filicic e il commento dello stesso Mauro Sanchini oppure di Roberto Locatelli ci racconteranno la Moto2 e la Moto3; ecco poi la novità Vera Spadini in conduzione dal Paddock per la rubrica contenitore e gli inviati ai box Sandro Donato Grosso e Marco Selvetti. Inoltre, gli abbonati avranno anche l’occasione di seguire le prove in streaming video tramite l’applicazione Sky Go. Per quanto riguarda la tv in chiaro, non si potrà seguire la giornata di oggi anche se questa sarà la prima gara della stagione trasmessa in tempo reale pure su Tv8 (canale numero 8 del telecomando), perché sul canale in chiaro saranno visibili soltanto qualifiche e gare. Ricordiamo anche i riferimenti ufficiali del Mondiale su Twitter, l’account @MotoGp, così come la pagina MotoGp su Facebook.

La classe regina si presenta in Italia con una classifica decisamente intrigante: i primi due Gran Premi di questo Motomondiale ci raccontavano di una cavalcata trionfale della Yamaha, con il rampante Maverick Vinales dominatore assoluto e Valentino Rossi nei panni del primo inseguitore del suo nuovo compagno di squadra. Austin e Jerez hanno però raccontato una storia molto diversa rispetto a Losail e Termas de Rio Hondo: riscatto della Honda, vittoriosa con Marc Marquez in Texas e Dani Pedrosa in Spagna, distanze in classifica decisamente accorciate e giochi dunque apertissimi ad ogni soluzione. Le Mans ha restaurato la superiorità della Yamaha, ma purtroppo per Valentino Rossi il Dottore ha rovinato tutto all’ultimo giro, dando un assist colossale al compagno di squadra che inevitabilmente è anche il primo rivale. Poi è arrivato l’incidente in allenamento con il motocross, dunque è facile capire che il Gran Premio d’Italia, appuntamento più atteso dell’anno, non arriva nel momento migliore della stagione per Valentino Rossi.

Si attendono poi conferme sulla ripresa della Honda, che in Spagna è stata praticamente perfetta e ha messo in mostra un fantastico Dani Pedrosa, ma che poi ha fatto di nuovo un passo indietro in Francia, dove ancora una volta il migliore è stato Pedrosa, che salendo sul podio mentre Marc Marquez è caduto ha scavalcato in classifica il compagno di squadra nel team Hrc – dunque Marquez al Mugello è chiamato al riscatto, perché essere il ‘secondo’ è situazione di fatto inedita per lui. In Italia naturalmente sarà molto attesa anche la Ducati: finora Andrea Dovizioso ha fatto meglio di Jorge Lorenzo, il cui adattamento alla Rossa di Borgo Panigale si sta rivelando abbastanza complicato, ad eccezione del podio di Jerez. Il tifo potrà dare una spinta in più, così come il motore sul lungo rettilineo che dà sempre è una delle caratteristiche salienti del circuito toscano. Ecco dunque che è molto facile capire come i temi d’interesse non mancheranno, quindi mettiamoci comodi: la diretta delle prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio d’Italia 2017 della MotoGp al Mugello sta per cominciare…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori