Jack Miller/ Video MotoGp, l’australiano sbaglia strada al Montmelò

Jack Miller, video MotoGp, l’australiano sbaglia strada al Montmelò: incredibile errore nell’ultima chicane del Circuit de Catalunya per l’australiano.

09.06.2017 - Mauro Mantegazza
moto_3_lapresse_2017
LaPresse

È stato protagonista di un siparietto simpatico ma che a dire il vero avrebbe potuto avere anche conseguenze rischiose stamattina nella prima sessione di prove libere della MotoGp al Montmelò, che ospita il Gran Premio di Catalogna. Tutta colpa delle modifiche all’ultima variante del Circuit de Catalunya introdotte in seguito all’incidente mortale che l’anno scorso a Barcellona ha spezzato la vita del pilota spagnolo di Moto2 Luis Salom. A quanto pare Miller non si è accorto del nuovo layout della pista iberica e anche la sua squadra non l’ha informato a dovere, fatto che sta che abbiamo assistito alla scena surreale di Jack Miller che attraversava la linea bianca tracciata sulla pista (ma non l’aveva vista?) proseguendo per la vecchia versione dell’ultima variante, invece di imboccare immediatamente la chicane come da nuovo disegno del tracciato. Un errore quasi comincio, se non fosse che siamo nella classe regina del Motomondiale, dove sembra incredibile che qualcuno possa non sapere qual è il corretto disegno del tracciato.

Fatto che avrebbe potuto anche causare problemi legati alla sicurezza, causati dal possibile incrocio di traiettorie al momento in cui le due differenti versioni della variante tornano ad incrociarsi subito prima dell’ultima curva del Montmelò, quella che immette sul rettilineo d’arrivo. Uno dei piloti che hanno rischiato di incrociare Jack Miller nelle sue… divagazioni catalane è stato Marc Marquez, che quando se ne è accorto ha provato a fare cenni a Miller per invitarlo a seguire la traiettoria corretta, ma alla fine è dovuta intervenire la Direzione Gara esponendo la bandiera nera per richiamare ai box Jack Miller, che con la sua anomala traiettoria poteva costituire un pericolo per gli altri piloti. Un episodio certamente curioso: in MotoGp succede anche questo… 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori