Diretta MotoGp/ Streaming video Sky e Tv8, prove libere live: Pedrosa chiude la FP2 davanti a tutti

- Mauro Mantegazza

Diretta MotoGp prove libere FP1 e FP2 live GP Aragon 2017: cronaca e tempi delle prime due sessioni sul circuito del Motorland Aragon (oggi venerdì 22 settembre)

maverick_vinales_yamaha_motogp_lapresse_2017
Diretta test Motogp a Brno 2019, Maverick Vinales - LaPresse

Dani Pedrosa è stato il più veloce nella seconda sessione di prove libere della MotoGp al MotorLand di Aragon: lo spagnolo della Honda in sella alla moto del team ufficiale HRC ha stampato un 1:59.858 ed è stato l’unico pilota a girare sotto i due minuti, precedendo la Yamaha di Jorge Lorenzo (2:00.072), la Yamaha di Johann Zarco (2:00.320) e l’altra Honda di Marc Marquez (2:00.459). In quinta posizione troviamo la sorpresa Karel Abraham (2:00.471) davanati a Crutchlow (2:00.482), Lowes (2:00.585), Dovizioso (2:00.962) e i due fratelli Aleix (2:01.015) e Pol Espargaro (2:01.068) che completano la top-10. Giornata difficile per i due piloti ufficiali Yamaha con Vinales e Rossi – clicca qui per maggiori informazioni sul rientro in pista del Dottore dopo il recente infortunio – che hanno chiuso nelle retrovie, entrambi si sono trovati a disagio con la pista umida, per tutta la FP2 i piloti hanno usato le gomme da bagnato con il Dottore che non si è preso inutili rischi essendo ancora convalescente. (agg. di Stefano Belli)

MOTOGP, DIRETTA: LE PROVE IN TEMPOREALE

LA NUVOLA DI FANTOZZI SI ACCANISCE SULLA MOTOGP

Oggi la nuvola di Fantozzi non sembra avere alcuna intenzione di abbandonare la MotoGp: a pochissimi minuti dall’inizio della seconda sessione di prove libere è arrivato un altro scroscio di pioggia a bagnare la pista e a complicare ulteriormente la vita a piloti e team che dunque sono costretti a rimanere fermi ai box aspettando che l’asfalto si asciughi grazie all’azione del sole che è riuscito comunque a penetrare tra le nuvole. L’acquazzone dispettoso impedisce comunque di girare con le slick e dunque i tempi rimangono alti sulla falsariga di quelli della FP1, per adesso il più veloce con la gomma da bagnato è Pol Espargaro che in sella alla KTM ha fermato il cronometro sul 2:05.107. (agg. di Stefano Belli)

VIA ALLA FP2!

Alle ore 14.05 comincerà la seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Aragon, quattordicesima tappa del mondiale 2017 di MotoGp. Se in mattinata una leggera pioggerellina ha stravolto i piani di lavoro dei vari team, nel primo pomeriggio è previsto cielo nuvoloso ma precipitazioni assenti, quindi i piloti potranno girare con le gomme slick, cosa che invece non sono riusciti a fare nella FP1 dove nessuno è riuscito a scendere sotto i due minuti. Di conseguenza i tempi si dovrebbero notevolmente abbassare, forse vedremo più di qualcuno che cercherà di portarsi al limite, e lo stesso Valentino Rossi cercherà feedback più attendibili dopo aver percorso un numero limitato di giri pensando più che altro a non cadere. Marquez e Pedrosa sono chiamati a confermare le posizioni acquisite nelle prime libere, la Yamaha deve risalire la china visto che oltre a Rossi anche Vinales è rimasto parecchio attardato nelle retrovie. (agg. di Stefano Belli)

IL RUOLO DELLE GOMME AD ARAGON

Per l’appuntamento di Aragon la Michelin ha portato per la classe MotoGp le mescole di gomme che ha ritenuto più appropriate per le caratteristiche del circuito, situato in una zona dove piove raramente: per questo motivo i piloti avranno a disposizione per l’anteriore una gomma morbida mentre per lo pneumatico posteriore si potrà scegliere tra la mescola media e quella dura. La gomma posteriore inoltre presenterà un profilo asimmetrico e la spalla destra rinforzata visto il maggior numero di curve a sinistra (ben dieci). A differenza dello scorso anno la casa francese cercherà di non farsi sorprendere dallo sbalzo termico che si registra durante il passaggio dalla mattina al pomeriggio, l’asfalto abrasivo mette a dura prova la resistenza della gomma di dietro, ecco perché la soft è disponibile solamente all’anteriore. (agg. di Stefano Belli)

MIGLIOR TEMPO PER MARQUEZ DAVANTI A PEDROSA

Da pochi minuti si è conclusa la prima sessione di prove libere sul circuito MotorLand di Aragon, sede del quattordicesimo appuntamento della stagione 2017 di MotoGp. Sotto una timida pioggerellina e con l’asfalto umido e scivoloso Marc Marquez comincia il weekend nel migliore dei modi chiudendo la sessione davanti a tutti in 2:01.243, assieme al compagno di box Dani Pedrosa (2:01.741) è stato l’unico a girare sotto il 2:02. Johann Zarco (2:02.028) il migliore della pattuglia Yamaha davanti a Jack Miller (2:02.099) e alla sorpresa Mika Kallio (2:02.294), in sesta posizione troviamo la prima delle Ducati, quella di Jorge Lorenzo (2:02.386). Completano la top 10 Crutchlow (2:02.718), Petrucci (2:02.917), Iannone (2:02.957) e Dovizioso (2:03.093). Solamente diciottesimo Valentino Rossi che ha pensato saggiamente a non cadere e a effettuare qualche giro per capire se il dolore alla gamba è sopportabile oppure no, per adesso il responso in tal senso sembra positivo. (agg. di Stefano Belli)

PISTA UMIDA, QUASI TUTTI RESTANO AI BOX

Da circa venti minuti sul MotorLand di Aragon sono in corso le prime prove libere del Gran Premio di Aragona, quattordicesimo appuntamento del mondiale 2017 di MotoGp. I piloti scesi in pista per i primissimi giri sono stati accolti da una pioggerellina che ha invitato loro alla massima prudenza per non finire a terra e cominciare il weekend con il piede sbagliato, motivo per cui quasi tutti a eccezione di Karel Abraham (che comunque ha fatto segnare tempi altissimi) hanno preferito rimanere dentro ai box aspettando un miglioramento imminente delle condizioni meteo. In questo momento l’asfalto non è né completamente asciutto né completamente bagnato, girare al limite è davvero difficile oltre che rischioso, solamente Zarco effettua qualche tornata con la gomma da bagnato. Di conseguenza la classifica dei tempi è quasi vuota, nei minuti successivi solamente Barbera con 2:10.682 prova ad alzare un minimo l’asticella. (agg. di Stefano Belli)

VIA ALLA FP1!

Alle ore 9.55 comincerà la prima sessione di prove libere del Gran Premio di Aragon sul circuito MotorLand, quattordicesimo appuntamento del mondiale 2017 di MotoGp. Il ritorno di Valentino Rossi in sella alla Yamaha a poco più di tre settimane dall’infortunio alla gamba destra rappresenta senz’altro il principale motivo di interesse, ma non è ovviamente l’unico: nel terzo appuntamento in casa i piloti spagnoli ci tengono a fare benissimo, in particolare Marc Marquez che si trova in testa al mondiale assieme ad Andrea Dovizioso, ma anche Maverick Vinales che non vince da Le Mans vuole tornare sul gradino più alto del podio in questo fine settimana, senza dimenticarci di Jorge Lorenzo che intende togliersi finalmente una grande soddisfazione con la Ducati. Nei 45 minuti della FP1 in generale i piloti cominceranno a prendere confidenza con la pista e a valutare la mescola di pneumatici che può rendere meglio in vista di qualifiche e gara, tenendo conto che di mattina le temperature sono tendenzialmente più basse rispetto al primo pomeriggio quando si disputerà la FP2. (agg. di Stefano Belli)

VALENTINO ROSSI TORNA IN PISTA A 22 GIORNI DALL’INFORTUNIO!

Valentino Rossi continua a stupire, nonostante i suoi 38 anni il Dottore non ha alcuna intenzione di abdicare e gettare la spugna: a soli 22 giorni dall’incidente in enduro che gli ha provocato la frattura scomposta di tibia e perone della gamba destra, il centauro di Tavullia tornerà in pista per le prove libere del Gran Premio di Aragon, al MotorLand Rossi vedrà se il dolore gli impedirà o meno di prendere parte alla gara. I test effettuati a Misano con una R1 hanno dato responso positivo e successivamente sono arrivati anche i via libera dei medici, infine è stato dichiarato idoneo a correre e a salire sulla Yamaha M1. Si tratta di un recupero record, non esistono precedenti di atleti che dopo essersi rotti una gamba hanno ripreso l’attività agonistica dopo tre settimane, del resto Rossi non aveva altra scelta se voleva avere ancora una piccola possibilità di rimanere in lizza per il mondiale di MotoGp. La Casa giapponese non ha lasciato niente al caso, nel caso in cui il pilota italiano – che usa ancora le stampelle per camminare – non dovesse farcela a sopportare il dolore al suo posto è pronto l’olandese Michael van der Mark che proprio con la Yamaha disputa il mondiale Superbike. (agg. di Stefano Belli)

GLI ORARI DEL VENERDI’

La MotoGp oggi, venerdì 22 settembre, riaccende i motori con le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio di Aragona 2017 in diretta dal circuito del Motorland Aragon di Alcaniz, dove in questo modo comincerà il quattordicesimo appuntamento con il Motomondiale di quest’anno. Il circuito costruito in una zona poco popolata della Spagna nel contesto di una ‘cittadella’ completamente dedicata ai motori (la Motorland, appunto) costituisce il terzo appuntamento stagionale in terra iberica. Gli orari del venerdì di questo Gran Premio saranno naturalmente quelli classici delle gare europee non essendoci problemi di fuso orario, dunque si partirà alle ore 9.55 del mattino per la FP1 che apre l’intero weekend della classe regina, che durerà 45 minuti e dunque si concluderà alle ore 10.40. A seguire ecco pure la FP2, dalle ore 14.05 alle ore 14.50, sessione ancora più interessante perché si disputa allo stesso orario delle qualifiche di domani e della gara di domenica.

LE PROVE DI MOTOGP IN STREAMING VIDEO E IN DIRETTA TV

Le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio di Aragona 2017 saranno trasmesse su Sky Sport MotoGp HD, il canale numero 208 della piattaforma satellitare Sky che per la quarta stagione consecutiva detiene i diritti per trasmettere tutti gli appuntamenti della MotoGp e naturalmente anche delle altre classi del Motomondiale. Il punto di riferimento è sempre Guido Meda, al microfono della MotoGP affiancato da Mauro Sanchini ma con Zoran Filicic a dire il vero voce guida per quanto riguarda le sessioni di prove libere che aprono la tre giorni aragonese, in calendario dal 2010. Lo stesso Zoran Filicic, con il commento di nuovo di Mauro Sanchini oppure di Roberto Locatelli, ci racconteranno la Moto2 e la Moto3; la giornalista Sky Vera Spadini sarà la ‘padrona’ del Paddock per la rubrica contenitore ed ecco infine gli inviati ai box Sandro Donato Grosso e Marco Selvetti. Inoltre, gli abbonati avranno anche l’occasione di seguire le prove in streaming video tramite l’applicazione SkyGo. Per quanto riguarda la tv in chiaro, non si potrà seguire la giornata di oggi su Tv8 (numero 8 del telecomando), perché su questo canale in chiaro saranno visibili soltanto qualifiche e gare, che per di più saranno visibili solamente in differita non essendo Aragon una delle gare comprese nel pacchetto visibile in tempo reale. Ricordiamo anche i riferimenti ufficiali del Mondiale su Twitter, l’account @MotoGp, così come la pagina MotoGp su Facebook.

GP DI ARAGON, COSÌ ALL’APPUNTAMENTO

Andiamo a vedere come la classe regina si presenta ad Aragon: la classifica è decisamente intrigante, sintomo di una stagione che non ha dominatori e che sembra divertirsi ad ogni gara a ribaltare quanto era emerso nelle uscite precedenti. Ricordiamo dunque per prima cosa qual è la situazione attuale al vertice della graduatoria: 199 punti e primo posto a pari merito per Marc Marquez e Andrea Dovizioso, con lo spagnolo tecnicamente al comando per migliori piazzamenti (ma questo conterà solo se si arrivasse alla fine ancora a pari punti); Maverick Vinales è terzo con 183 punti e di conseguenza è ancora pienamente in corsa, avendo solamente 16 punti di ritardo dalla coppia di testa quando mancano ancora ben cinque Gran Premi alla fine della stagione. Una grande ammucchiata, in cui può bastare pochissimo per sovvertire gerarchie così fragili: ad esempio un guasto meccanico, come è successo a Marquez a Silverstone, oppure una gara incerta a causa del maltempo oppure ancora imprevisti anche fuori dalle gare, come purtroppo l’infortunio che di fatto ha messo fuori gioco Valentino Rossi. Di conseguenza la priorità per tutti è sempre ottenere il massimo, ma senza correre troppi rischi: chi riuscirà a trovare il migliore equilibrio fra due esigenze opposte sarà il favorito per il titolo iridato.

MOTOGP, A CHE PUNTO È IL MOTOMONDIALE

Facendo una breve panoramica di quello che abbiamo vissuto finora, i primi due Gran Premi del Motomondiale 2017 ci raccontavano di una cavalcata trionfale della Yamaha, con Maverick Vinales dominatore assoluto nonostante fosse al debutto con la nuova moto e Valentino Rossi primo inseguitore del suo compagno di squadra. Austin e Jerez hanno raccontato il riscatto della Honda, vittoriosa con Marc Marquez in Texas e Dani Pedrosa in Spagna, poi Le Mans aveva restaurato la superiorità della Yamaha, sia pure solamente a favore di Vinales perché purtroppo Valentino Rossi cadde all’ultimo giro. Poi è arrivata la doppietta di Andrea Dovizioso e della Ducati, con le vittorie al Mugello e al Montemlò nel giro di una settimana. Nel mese di giugno ecco pure Assen, il primo sigillo stagionale del Dottore e una classifica sempre più compatta, quasi che circa metà stagione fosse passata invano. Poi il Sachsenring, dove Marc Marquez ha vinto per l’ottavo anno consecutivo fra tutte le classi, successo importante anche perché ha consentito allo spagnolo di conquistare una leadership sia pure assai risicata; dopo la sosta Brno, dove ancora una volta Marquez ha azzeccato la scelta in condizioni di ‘flag to flag’, decisamente indigesta invece per Valentino Rossi. Poi una nuova doppietta per Dovizioso e la Ducati, a Zeltweg con la splendida vittoria al termine di un epico duello con Marquez e poi a Silverstone in modo più netto e fondamentale per la classifica anche grazie ai guai altrui, infine la vittoria di Marquez a Misano, in condizioni climatiche complicate. Ecco dunque che è molto facile capire come i temi d’interesse non mancheranno, quindi mettiamoci comodi: la diretta delle prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio di Aragona 2017 della MotoGp sul circuito di Aragon sta per cominciare…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori