Motogp/ Pronostico Gran Premio di Aragon 2017: il punto di Nico Cereghini (esclusiva)

- int. Nico Cereghini

Pronostico Motogp: intervista esclusiva a Nico Cereghini in vista del Gran Premio di Aragon 2017. Si torna in pista con il duello al vertice tra Dovizioso e Marquez: a sorpresa Rossi!

dovizioso marquez motogp
Diretta MotoGp: Dovizioso e Marquez - repertorio LaPresse

PRONOSTICO MOTOGP. Il campionato mondiale della Motogp torna protagonista in questi weekend con il Gran Premio di Aragona 2017 prova decisiva per l’attribuzione del titolo iridato. Ad Alcaniz infatti andrà in scena nuovamente la sfida in pista come nella classifica piloti tra due grandi protagonisti di questa stagione ovvero Andrea Dovizioso e Marc Marquez: date le caratteristiche della pista lo spagnolo pare favorito in casa ma il duello rimane apertissimo. Altra grande sorpresa di questa prova ad Aragon il ritorno in sella dopo appena 22 giorni dall’infortunio di Valentino Rossi: dopo la frattura di tibia e perone, nella giornata di ieri il Dottore della Yamaha ha ricevuto l’ok a correre ma le libere di venerdi risulteranno decisive per verificare le condizioni del pilota di Tavullia. Per parlare di tutto questo abbiamo sentito Nico Cereghini: eccolo in questa intervista esclusiva a ilsussidiario.net.

Come vede questo Gran Premio d’Aragona? Praticamente si ripartirà da zero, con Dovizioso e Marquez pronti a giocarsi il Mondiale.

Valentino eccezionale ai test di Misano, un recupero da vero campione… Un recupero eccezionale, dopo venti giorni l’infortunio e la frattura alla tibia e perone che ha bloccato il campione di Tavullia.

Un rischio correre ad Aragon o Rossi potrà puntare anche a grandi cose? Certo Valentino non sarà al 100% vedremo cosa potrà fare, se potrà puntare a un buon risultato. Non sarà naturalmente facile.

Nel caso di un buon risultato potrebbe ritornare in corsa per il titolo? Le sue condizioni fisiche come ho detto prima saranno veramente importanti per ottenere un ottimo risultato. Sarebbe straordinario se Valentino riuscisse a essere tra i primi, magari anche andare sul podio.

Come vede poi il duello Marquez-Dovizioso? Marquez ha sempre dimostrato di essere in grande forma questa stagione, Dovizioso però sembra molto determinato in questo momento.

Il pilota spagnolo si trova molto bene su questo circuito. E’ vero Marquez si trova molto bene ad Aragon, non sottovaluterei però le possibilità del pilota della Ducati.

Crede a un rilancio di Lorenzo? Lorenzo sta crescendo, è stato sfortunato negli ultimi due gran premi, poteva anche vincere. Potrà fare ottime cose durante questo finale di stagione.

Pedrosa pare in ombra ultimamente: quali i motivi? Le gomme Michelin stanno condizionando i piloti del Mondiale. Marquez si trova bene, Pedrosa, Iannone fanno fatica e si vedono i risultati!

Vinales a cosa potrà puntare? Vinales non potrà che puntare al successo ad Aragon.

Possibile qualche sorpresa, al successo di un outsider per rompere il dominio spagnolo su questa pista? No, non ne vedo, non credo proprio che possano essercene.

E’ dal 2011 con Stoner che la Ducati non vince all’Aragon, Dovizioso potrà quindi ribaltare la situazione? Ci saranno tutte le possibilità perchè Dovizioso torni dalla Spagna con una vittoria.

Quali sono le caratteristiche di questo circuito? E’ un circuito molto bello con diversi saliscendi e numerose curve, con un rettilineo di 960 metri  che potrebbe essere favorevole alla Ducati, una parte guidata. Uno dei circuiti più belli disegnati da Tilke nato nel 2009 e poi inaugurato nel 2010.

Cosa pensa invece del mercato piloti, quali saranno i cambiamenti più importanti? Per il mercato piloti è ancora presto. Per esempio Iannone e la Suzuki non sono certo contenti. Lui però ha un contratto fino al 2018 ma il team giapponese quale pilota potrebbe trovare al posto di Iannone?!

Quando verrà fuori qualcosa? Più avanti, bisognerà aspettare ancora, bisognerà vedere i vari movimenti delle case motociclistiche. Ci sarà sicuramente quello della Ktm, la casa austriaca che vorrà sicuramente un pilota top per il 2018.

 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori