DIRETTA MOTOGP/ Prove libere FP2 live: Pedrosa il più veloce, indietro Rossi. Marquez e Dovizioso “riposano”

- Mauro Mantegazza

Diretta MotoGp prove libere FP1 e FP2 live GP Giappone 2018 Motegi: cronaca e tempi delle prime due sessioni in terra nipponica (oggi venerdì 19 ottobre)

motogp marquez
Motogp: Marc Marquez (LaPresse)

La musica è cambiata nei minuti finali della FP2 del GP del Giappone di MotoGp. La pista si è pian piano asciugata nel corso della seconda sessione di prove libere, nel finale quindi i piloti hanno avuto modo di mettersi alla prova con le gomme da asciutto su un tracciato solo in alcuni tratti umido e così i tempi si sono abbassati dopo una prima fase interlocutoria. Fanno però eccezione Andrea Dovizioso e Marc Marquez, che come Andrea Iannone, Cal Crutchlow e gli Espargaro, hanno preferito non scendere in pista. Sono rimasti a guardare, in particolare i minuti finali, quelli più emozionanti perché i tempi sono scesi: Pedrosa ha chiuso davanti a tutti in 1:48.136, con 499 millesimi di vantaggio da Redding. I due hanno battagliato proprio all’ultimo giro, soffiando il posto a Danilo Petrucci, sceso al terzo posto ma pur sempre davanti al compagno di squadra Miller. Zarco quinto, ma è stato il più veloce con le gomme da bagnato. A chiudere la top ten Syahrin, Smith, Simeon, Luthi e Guintoli. Molto indietro Valentino Rossi e Maverick Vinales, che sono apparsi più competitivi con l’assetto da bagnato e hanno preferito non mettersi alla prova con quello da asciutto nel finale di FP2. (agg. di Silvana Palazzo)

GP GIAPPONE 2018, DIRETTA LIVE

ZARCO VELOCE, VINALES E ROSSI PROVANO A MIGLIORARSI

Un turno interlocutorio quello di FP2, condizionato dall’umidità della pista che ha convinto Andrea Dovizioso e Marc Marquez a non scendere finora in pista per non rischiare nulla. Del resto sono le altre scuderie che devono sfruttare questa sessione per trarre indicazioni importanti. E infatti le Yamaha girano molto, del resto hanno bisogno di farlo per migliorarsi e ridurre il gap con Honda e Ducati. Scalpita ai box Danilo Petrucci, che voleva scendere in pista e invece deve aspettare che la pista si asciughi. «Il turno è quasi perso, peccato», ha dichiarato a Sky Sport. Poi ha parlato dei problemi in frenata della sua Pramac: «Pensavamo sarebbe andata bene, invece non è così. Forse questo è il peggior venerdì dell’anno». Potrebbe essere più roseo il futuro, visto che passerà in Ducati al fianco di Andrea Dovizioso. «Sarò competitivo? Lo penso anche io, ma miglioreranno tutti. Ci saranno dei piccoli cambiamenti che dovrebbero essere positivi». (agg. di Silvana Palazzo)

DOVIZIOSO E MARQUEZ SI NASCONDONO

Piloti subito in pista per la FP2 del GP del Giappone. L’asfalto è umido a Motegi, quindi in questa prima fase si sono preoccupati di saggiare le condizioni della pista. Non è della sessione Jorge Lorenzo: il pilota della Ducati non ce la fa a causa dei suoi problemi fisici, quindi non scenderà in pista. Attendiamo segnali da Andrea Dovizioso, che è stato il più veloce nella FP1, ma potrebbe scendere in pista nella parte finale della sessione, evidentemente non vuole rischiare troppo. Il forlivese sembra trovarsi a suo agio, quindi può puntare alla vittoria, ma l’uomo da tenere d’occhio come al solito è Marc Marquez, visto che può già vincere il Mondiale. Anche lui non è ancora sceso in pista. Ci aspettiamo, o auguriamo, un colpo di coda da parte di Valentino Rossi. A tal proposito, è una sessione importante per la Yamaha per valutare alcuni aspetti dell’elettronica, ma si lavora anche sul grip e quindi a livello meccanico. Anche per questo la scuderia di Valentino Rossi e Maverick Vinales fatica nelle prime sessioni del weekend. (agg. di Silvana Palazzo)

RIPARTE LA SFIDA MARQUEZ-DOVIZIOSO

Via alla seconda sessione di prove libere: comincia la FP2 del Gran Premio del Giappone 2018! I piloti hanno 45 minuti di tempo per trovare il feeling giusto con il tracciato di Motegi e il set up migliore per le proprie moto in vista della qualifica e della gara. La prima sessione del mattino è stata combattuta, ma i piloti ora si rilanciano in pista per migliorarsi ulteriormente e trovare le indicazioni giuste per la propria moto. Si tratta di un weekend importante per Marc Marquez, che può vincere il Mondiale, ma Andrea Dovizioso proverà a rovinargli la festa. E dunque sarà nuovamente battaglia tra Ducati e Honda. La FP2 però ci permetterà di capire quali sono i valori in campo, se ad esempio la Yamaha può essere ancora performante come in Thailandia e quindi aggiungersi alla lotta per i primi posti. Avremo i primi spunti di riflessione al termine di questa sessione… (agg. di Silvana Palazzo)

FP1: DOVIZIOSO SUBITO VELOCE, LORENZO SI ARRENDE

È cominciata la prima giornata di prove libere del GP del Giappone 2018 di MotoGp. Il weekend inizia con il piede giusto per Andrea Dovizioso, che ha chiuso la FP1 al comando. Per la Ducati però questa è l’unica buona notizia, perché Jorge Lorenzo ha alzato bandiera bianca. Dopo aver fatto un tentativo in avvio di turno, il pilota spagnolo ha chiuso anticipatamente il fine settimana nipponico: i dolori al braccio e alla caviglia non gli consentono di guidare normalmente. Alle spalle di Dovizioso si è piazzato Cal Crutchlow a poco più di un decimo, terzo Johan Zarco. A breve distanza Marc Marquez, che si è preoccupato di individuare i limiti di Motegi. Quinto Maverick Vinales, il quale ha mostrato la crescita della sua Yamaha. Distacchi decisamente superiori ai quasi tre decimi di Vinales per il resto della top ten: sesto Andrea Iannone, poi Alvaro Bautista e Jack Miller, mentre Valentino Rossi è nono davanti ad Aleix Espargaro. Per quanto riguarda gli altri italiani: solo diciassettesimo posto per Danilo Petrucci, addirittura ventesimo Franco Morbidelli. (agg. di Silvana Palazzo)

MOTOGP, SI APRE IL WEEKEND DEL GIAPPONE

La MotoGp oggi, venerdì 19 ottobre, riaccende i motori con le prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio del Giappone 2018 in diretta dal circuito di Motegi, dove comincerà il sedicesimo appuntamento con il Motomondiale di quest’anno, che sarà però la quindicesima gara, visto l’annullamento di quella di Silverstone. L’interesse è alto perché il Giappone è Paese di immensa tradizione, anche se negli ultimi anni vede una crisi di talento per quanto riguarda i piloti. In compenso le moto nipponiche restano un punto di riferimento per tutti e la Ducati proverà a fare il colpaccio in casa dei grandi rivali, come era riuscito l’anno scorso ad Andrea Dovizioso. Sotto i riflettori però ci sarà soprattutto Marc Marquez, che potrebbe vincere matematicamente il Mondiale proprio sulla pista del Twin Ring Motegi, circuito di proprietà della Honda. Gli orari di questo Gran Premio saranno naturalmente condizionati dalle sette ore di fuso orario che separano l’Italia dal Giappone, dunque si partirà già alle ore 2.55 della notte italiana fra giovedì e venerdì (9.55 locali) per la FP1 che apre l’intero weekend della classe regina, che durerà 45 minuti e dunque si concluderà alle ore 3.40. A seguire ecco pure la FP2, dalle ore 7.05 alle ore 7.50 italiane (14.05-14.50 di Motegi), sessione ancora più interessante perché si disputa allo stesso orario delle qualifiche di domani e della gara di domenica.

MOTOGP, STREAMING VIDEO E DIRETTA TV LE PROVE LIBERE

Come gli appassionati sanno bene, anche quest’anno Sky si è assicurata i diritti esclusivi per tutte le classi del Motomondiale: punto di riferimento il canale Sky Sport Motogp HD, al numero 208 del telecomando. Da non dimenticare poi l‘offerta di SkyGo, app che permetterà agli abbonati di assistere a tutte le emozioni delle due ruote in streaming video. Il Gp del Giappone 2018 non sarà visibile in chiaro, ma solamente in differita e comunque solo per quanto riguarda qualifiche e gare delle tre classi: la copertura su Tv8 infatti non comprende le sessioni di prove libere e di conseguenza la giornata del venerdì della MotoGp sarà visibile solamente su Sky, quindi almeno per oggi non avremo immagini in chiaro da Motegi. Ricordiamo anche i riferimenti ufficiali del Mondiale sui social network, che potranno essere importanti soprattutto per i non abbonati Sky: su Twitter l’account @MotoGp, così come la pagina MotoGp su Facebook.

GP GIAPPONE, COSÌ ALL’APPUNTAMENTO

Andiamo a vedere come la classe regina si presenta a Motegi: la classifica è già molto chiara, sintomo di una stagione che ha in Marc Marquez il dominatore assoluto; possiamo considerare già suo il titolo iridato, vantando 77 punti di vantaggio con soli quattro Gran Premi ancora da disputare – se ne conserverà almeno 75, sarà campione del Mondo già domenica. Anche per il campione del Mondo in carica non sono mancate alcune battute d’arresto per propri errori nella prima parte della stagione, ma il numero 93 è in fuga perché nessuno ha trovato la continuità in questa stagione a parte lui e di conseguenza Marquez è praticamente già irraggiungibile con sette vittorie, quattro secondi posti e un terzo nelle dodici gare nelle quali è arrivato a punti, sempre sul podio dunque con le eccezioni di Termas de Rio Hondo e Mugello. Gli avversari finora hanno fatto tutto il possibile per spianargli la strada verso il dominio anche in questa stagione. Per Marquez 271 punti, alle sue spalle c’è Andrea Dovizioso che con la vittoria a Misano e i successivi secondi posti ad Aragon e in Thailandia sembra essersi messo definitivamente alle spalle Valentino Rossi. D’altronde il Dottore in questo 2018 non è ancora andato oltre un secondo e quattro terzi posti, che pure hanno fatto a lungo del Dottore il primo inseguitore di Marquez; tuttavia Rossi è stato frenato da una Yamaha decisamente sotto tono, che impedisce a Valentino di sognare più in grande. In Thailandia la M1 è tornata a fare bene, si spera (anche in ottica futura) che Buriram possa essere il segnale di una inversione di tendenza in casa Yamaha. Stesso discorso che vale per Maverick Vinales, il quale anzi rispetto al Dottore sta patendo decisamente di più le difficoltà tecniche della Yamaha ed è addirittura a 125 punti di ritardo da Marquez.

Se in Yamaha almeno hanno saputo ottenere sostanzialmente il massimo delle loro al momento non esaltanti possibilità (anche se ciò crea prospettive preoccupanti anche per il futuro), i rimpianti sono invece giganteschi in casa Ducati, sia per Andrea Dovizioso sia per Jorge Lorenzo. L’italiano paga a carissimo prezzo tre ritiri in quattro gare da Jerez a Barcellona, proprio mentre Marquez spiccava il volo. Il sogno iridato che l’anno scorso il Dovi ha sfiorato, tenendolo vivo fino a Valencia, è dunque ormai sfumato, ed essere tornato almeno al secondo posto in classifica non è una grandissima consolazione; lo spagnolo invece ha saputo crescere molto dopo un pessimo inizio di stagione, a partire dalla doppietta di vittorie al Mugello e al Montmelò, poi confermata anche dalla vittoria in Austria, ma resta il rimpianto di un feeling con la Ducati nato solo quando si è consumato l’addio e che comunque non ha azzerato gli errori, come dimostrano le due cadute di Misano ed Aragon, che hanno vanificato altrettante pole position, seguite poi dal volo al venerdì in Thailandia che gli ha impedito la partecipazione all’inedito Gran Premio a Buriram, tanto che Lorenzo non prende più punti proprio dalla vittoria a Zeltweg. Ecco dunque che è molto facile capire come i temi d’interesse non mancheranno, quindi mettiamoci comodi: la diretta delle prove libere FP1 e FP2 del Gran Premio del Giappone 2018 della MotoGp sul circuito di Motegi sta per cominciare



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori