DIRETTA MOTOGP/ Gara live: Dovizioso vince a Valencia davanti a Rins, Espargaro regala il primo podio alla KTM

- Mauro Mantegazza

Diretta MotoGp gara e warm-up live GP Valencia 2018: cronaca e tempi, podio, vincitore e ordine d’arrivo della corsa (oggi domenica 18 novembre).

dani_pedrosa_honda_motogp_2017_lapresse
Diretta MotoGp - LaPresse: Pedrosa ha vinto l'anno scorso


Andrea Dovizioso chiude la stagione di MotoGp esattamente come l’ha iniziata: con una vittoria, peccato che in mezzo ci sia il monologo di Marc Marquez che si è laureato campione del mondo lasciando le briciole agli avversari. Sulla pista di Valencia la pioggia ha pesantemente condizionato la gara spezzandola in due tronconi, Alex Rins che al via aveva preso il comando ha dovuto lasciare strada al forlivese che ha imposto un ritmo insostenibile per chiunque. Anche per Valentino Rossi che nel tentativo di stargli dietro è finito a terra e pur ripartendo ha tagliato il traguardo in tredicesima posizione. Rins si consola con la piazza d’onore, primo storico podio per la KTM con il terzo posto di Pol Espargaro che era pure caduto nelle prime tornatee probabilmente avrebbe potuto dare filo da torcere al Dovi. Dani Pedrosa si congeda dalle corse con un’onorevole quinta posizione dietro al rimontante Michele Pirro (anche lui finito a terra nelle fasi iniziali della corsa), sesto Nakagami davanti a Zarco, Smith, Bradl, Syahrin, Redding, Lorenzo, Rossi, Abraham e Torres. {agg. di Stefano Belli}

MOTOGP, DIRETTA LIVE DELLA GARA

TRA POCO SI RIPARTE!

Arrivano buone notizie dall’autodromo “Ricardo Tormo” di Valencia: ha smesso di piovere sul circuito e quindi la direzione gara ha deciso di riaprire la pit lane alle ore 15.00 e dare il via a una nuova procedura di partenza. Con 14 giri ancora da percorrere può succedere di tutto, con Rins a caccia del suo primo successo in MotoGp ma che deve guardarsi le spalle da Andrea Dovizioso e Valentino Rossi che hanno dimostrato di essere i più veloci sul bagnato. La pista si sta asciugando in fretta, si è seriamente temuto di interrompere la corsa al 13^ passaggio, invece il maltempo ha concesso una tregua e dopo un paio di sopralluoghi da parte di Loris Capirossi e Franco Uncini è arrivato il via libera. Ancora qualche minuto di attesa e i piloti torneranno a darsi battaglia in condizioni meteo proibitive rispetto a prima. {agg. di Stefano Belli}

DILUVIO A VALENCIA, BANDIERA ROSSA!

Piove troppo a Valencia e i piloti della MotoGp vengono giù come birilli, al 14^ giro la direzione gara decide di fermare tutto ed esporre la bandiera rossa dopo che Rins è andato lungo cedendo la leadership ad Andrea Dovizioso, insidiato da Valentino Rossi. Da regolamento viene ripristinata la classifica della tornata precedente con Rins che torna così davanti. Il Dottore di Tavullia, che partiva dalla quindicesima posizione sulla griglia, è virtualmente sul podio e in lotta per la vittoria! Al quarto posto Dani Pedrosa che grazie alle cadute di chi gli era davanti (tra cui quelle di Vinales e Morbidelli) si è riportato a ridosso dei primi nel giorno del suo addio alle corse. Restano in gara anche Zarco, Nakagami, Bautista, Pol Espargaro (chissà dove sarebbe senza quella maledetta scivolata nelle fasi iniziali), Redding (fosse per lui si correrebbe anche in mezzo a una bufera di neve), Syahrin, Lorenzo (che oggi, saggiamente, pensa solo a stare lontano dai guai), Bradl, Pirro, Abraham e Torres. Adesso bisogna valutare il da farsi, se la pioggia concederà una tregua si percorreranno i 14 giri rimanenti, altrimenti tutti a casa e arrivederci all’anno prossimo. {agg. di Stefano Belli}

CORSA A ELIMINAZIONE, FUORI PETRUCCI E MARQUEZ!

Il Gran Premio di Valencia della MotoGp comincia con l’ottimo spunto di Alex Rins che al via supera Maverick Vinales e si porta al comando della gara, dietro di lui un brillante Pol Espargaro insidia la seconda posizione di Andrea Dovizioso ma deve vedersela con Marc Marquez che dalla quinta posizione ha recuperato terreno ed è già in zona podio. Grande rimonta di Valentino Rossi che dalla quindicesima casella sulla griglia di partenza è risalito fino alla terza posizione, approfittando delle tante cadute dovute alla pista bagnata e alla pioggia che aumenta di intensità con il passare dei minuti. A farne spese, nell’ordine: i fratelli Espargaro, Miller, Pirro, Petrucci, Luthi, Iannone e Marquez che viene disarcionato dalla sua Honda e cade pesantemente sulla spalla già infortunata ieri. È diventata una gara a eliminazione e non bisogna escludere l’ipotesi di una bandiera rossa se le condizioni continueranno a peggiorare. {agg. di Stefano Belli}

TUTTI SULLA GRIGLIA DI PARTENZA, VIA!

Tra circa un quarto d’ora comincerà l’ultimo conto alla rovescia del 2018 per la MotoGp: sulla pista di Valencia è in programma infatti il Gran Premio di chiusura della stagione che ha visto l’ennesimo trionfo di Marc Marquez che quest’anno in pratica non ha avuto rivali nella corsa verso il titolo iridato. Tuttavia lo spagnolo, vittima di un brutto incidente nelle qualifiche di ieri che gli ha provocato la lussazione di una spalla, partirà dalla quinta casella sulla griglia di partenza. In pole position ci sarà invece Maverick Vinales che sta risollevando la Yamaha da una crisi tecnica che sembrava non avere fine. Accanto a lui in prima fila la Suzuki di Alex Rins e la Ducati di Andrea Dovizioso, nelle retrovie Jorge Lorenzo e Valentino Rossi alle prese con moto non performanti e vari acciacchi fisici (il tempo passa anche per il Dottore di Tavullia). Sono previsti 27 giri per un totale di 108 chilometri, quasi sicuramente non sarà battuto il record sul giro (1’31″171) che appartiene a Jorge Lorenzo: da stamattina non ha mai smesso di piovere e anche se l’asfalto drena perfettamente l’acqua non mancheranno le insidie per i piloti che dovranno prestare molta attenzione all’aquaplaning in rettilineo, oltre che in ingresso e in uscita delle curve. {agg. di Stefano Belli}

SGUARDO VERSO IL 2019

La MotoGp è già entrata nel 2019: a poche ore di distanza dal Gran Premio di Valencia, atto conclusivo della stagione 2018, l’autodromo “Ricardo Tormo” ospiterà i primi test invernali in vista del prossimo campionato che vedrà 22 piloti ai nastri di partenza, con l’abbandono del team Marc VDS la lista dei partecipanti si riduce di due unità. Al debutto il nuovo team SIC sponsorizzato da Petronas e che diventerà la squadra clienti Yamaha, con Tech-3 che approda alla corte di KTM. I piloti debuttanti saranno invece quattro: il nostro Francesco Bagnaia che si è laureato campione del mondo nella classe Moto2, il francese Fabio Quartararo, lo spagnolo Joan Mir e il portoghese Miguel Oliveira. Tra gli avvicendamenti, oltre al passaggio di Jorge Lorenzo alla Honda, da segnalare la “promozione” di Danilo Petrucci al team ufficiale Ducati, il matrimonio tra Andrea Iannone e l’Aprilia, il ritorno di Tito Rabat che dopo il bruttissimo incidente di Silverstone che gli ha causato la frattura in più punti di una gamba, è pronto per ritornare in sella: l’Avintia Racing lo ha aspettato ed è pronto a riaccoglierlo a braccia aperte. {agg. di Stefano Belli}

MARQUEZ IMPRENDIBILE SOTTO L’ACQUA!

Anche sotto la pioggia Marc Marquez dimostra di essere il migliore di tutti: il campione del mondo in carica della MotoGp è stato il più veloce nel warm-up sulla pista di Valencia girando in 1’40″154 e rifilando distacchi pesanti al resto della compagnia con una spalla ridotta piuttosto male dopo la pesante caduta di ieri in qualifica. Alle spalle del numero 93 troviamo l’Aprilia di Aleix Espargaro (1’40″959) a oltre otto decimi di ritardo, in terza posizione la Yamaha di Valentino Rossi (1’41″109) che sul bagnato ha ritrovato il feeling con la sua M1. Al quarto posto un altro italiano, Danilo Petrucci (1’41″169): il ternano dice sempre la sua con il maltempo, così come il suo compagno di box Jack Miller (1’41″184) che ha guidato a lungo la classifica prima che Marquez decidesse di fare sul serio. Andrea Dovizioso (1’41″573), Morbidelli (1’41″583), Pol Espargaro (1’41″590), Bradley Smith (1’41″795) e Andrea Iannone (1’41″809) completano la top ten, con Jorge Lorenzo costantemente nelle retrovie. {agg. di Stefano Belli}

WARM-UP, MARQUEZ E MILLER SI ESALTANO SOTTO L’ACQUA

È cominciato sotto la pioggia il warm-up della MotoGp sulla pista di Valencia, sede dell’ultimo Gran Premio del mondiale 2018. Temperatura di circa 13 gradi e pista bagnata che nasconde parecchie insidie, il primo a farne le spese è Andrea Iannone che in uscita da curva 12 perde il controllo della sua Suzuki e finisce a terra, fortunatamente senza conseguenze fisiche. Ogni volta che trova l’acqua Jack Miller si esalta, l’australiano è tra i più veloci e al momento ha il secondo tempo alle spalle del solito Marc Marquez, arrivano segnali di ripresa anche da Valentino Rossi che in sella alla Yamaha è stato protagonista di una qualifica da incubo chiusa con la 15^ posizione sulla griglia di partenza, il Dottore è quarto dietro alla KTM del sorprendente Pol Espargaro{agg. di Stefano Belli}

VIA AL WARM-UP

Alle ore 9.40 comincerà il warm-up della MotoGp sulla pista di Valencia che nel primo pomeriggio ospiterà l’ultimo Gran Premio del 2018. Ha ricominciato a piovere e la pista è nuovamente bagnata, non è necessariamente una cattiva notizia, anzi: le previsioni meteo danno brutto tempo anche per le ore 14 e quindi i piloti hanno la possibilità di girare con le stesse condizioni che verosimilmente dovrebbero esserci anche in gara. Sarebbe stato peggio svegliarsi con l’asfalto asciutto, in quel caso i 20 minuti del warm-up sarebbero serviti a ben poco, invece si può ottimizzare il set-up delle moto e migliorare il feeling con gli pneumatici da pioggia. Ovviamente nessuno andrà a caccia del tempo, l’importante sarà provare il passo gara e capire quali saranno i piloti che avranno le carte in regola per puntare alla vittoria o almeno a un piazzamento importante. {agg. di Stefano Belli}

 

ULTIMA GARA PER PEDROSA E TANTI ALTRI!

Con il titolo iridato già assegnato a Marc Marquez, a Valencia si respira la classica atmosfera da ultimo giorno di scuola con un pizzico di malinconia per chi ha deciso di abbandonare la classe regina o dare l’addio alle corse. Come nel caso di Dani Pedrosa, che dopo 13 stagioni in MotoGp ha deciso di dire basta: lo spagnolo dal 2019 diventerà collaudatore e brand ambassador della sempre più ambiziosa KTM, ma non lo vedremo più tirare staccate ai colleghi o lottare per una posizione in pista. C’è chi, come nel caso di Bradley Smith e Xavier Simeon, ha deciso di voltare pagina e ricominciare dalla MotoE, la categoria riservata alle moto elettriche che vedrà la luce l’anno prossimo e alla quale prenderanno parte anche i nostri Canepa, Savadori, De Angelis, Casadei e Ferrari. Alvaro Bautista lo rivedremo in Superbike, mentre Thomas Luthi tornerà in Moto2, per lo svizzero la classe regina si è rivelata troppo dura (non a caso è l’unico tra i piloti full-time a non aver fatto punti) e la chiusura del team Marc VDS non gli ha di certo facilitato le cose. Scott Redding saluta l’Aprilia per approdare nella superbike britannica, uno dei personaggi più stravaganti del Motomondiale che ha fatto parlare di sè più per i comportamenti fuori dalle righe che per le prestazioni pure. {agg. di Stefano Belli}

PROGRAMMA E ORARI DELLA DOMENICA

Oggi la MotoGp torna con il Gran Premio della Comunità Valenciana 2018, denominazione ufficiale dell’evento più noto semplicemente come Gran Premio di Valencia, in diretta e streaming video naturalmente dal circuito Ricardo Tormo di Valencia, che costituisce l’ultimo atto del Motomondiale 2018. Cresce dunque l’attesa per la gara che chiuderà la stagione, anche se il titolo iridato è già stato assegnato a Marc Marquez e sono stati assegnati anche i Mondiali delle due classi minori, con Francesco Bagnaia iridato in Moto2 e Jorge Martin in Moto3. Eccovi dunque gli orari della corsa, che saranno naturalmente quelli classici per la diretta MotoGp dei Gran Premi in Europa. Ricordiamo innanzitutto che il primo appuntamento motociclistico di questa domenica sarà con il warm-up alle ore 9.40, gli ultimi 20 minuti di prove a disposizione dei piloti per mettere a punto le proprie moto, fare le ultime prove su assetti e gomme per trovare magari il guizzo che possa dare la svolta all’ultima gara della stagione. Va detto per onestà che paradossalmente, essendo già stato tutto deciso, l’attesa è forse più grande per i test dei prossimi giorni più che per la gara di oggi.

MOTOGP, LA GARA IN STREAMING VIDEO E DIRETTA TV

La gara del Gran Premio di Valencia 2018 sul circuito della città spagnola sarà naturalmente l’appuntamento saliente di oggi per l’ultima gara del Mondiale di MotoGp, che fa tappa come è ormai tradizione proprio sul circuito di Valencia per chiudere la stagione. Per gli appassionati che vorranno seguire la MotoGp in tv oppure in streaming video, c’è da segnalare che oggi, domenica 18 novembre 2018, si potrà seguire tutto – compreso il warm-up – su Sky Sport MotoGp HD, mentre la gara sarà visibile in chiaro per tutti anche su Tv8, essendo il Gp Valencia uno degli eventi trasmessi in anche in chiaro. Inoltre, gli abbonati avranno anche l’occasione di seguire le gare in streaming video tramite l’applicazione SkyGo. Ricordiamo infine anche i riferimenti ufficiali del Mondiale su Twitter, l’account @MotoGp, così come la pagina MotoGp su Facebook.

QUALIFICHE, LO SQUILLO DI VINALES ALLA HONDA

Maverick Vinales lancia un messaggio alla Honda in ottica 2019: Marc Marquez e Jorge Lorenzo potrebbero non essere gli unici aspiranti alla conquista del titolo iridato. Il centauro di Figueres, che poche settimane fa ha riportato la Yamaha alla vittoria nel Gran Premio d’Australia a Phillip Island, è stato il più veloce nelle qualifiche del Gran Premio di Valencia, conquistando la pole position al termine di un duello serratissimo sul filo dei millesimi con il connazionale Alex Rins (ottimo finale di stagione anche per il portacolori della Suzuki). Basti pensare che Andrea Dovizioso, più lento di Vinales per appena 80 millesimi, partirà dalla terza casella sulla griglia di partenza, e anzi che sia riuscito a mantenere la prima fila a differenza di Danilo Petrucci e Marc Marquez. Il campione del mondo in carica della MotoGp all’inizio della Q2 è scivolato slogandosi la spalla sinistra, nonostante il dolore lancinante lo spagnolo è tornato in pista ed è riuscito a limitare egregiamente i danni ottenendo il quinto tempo. Un po’ di amaro in bocca per Andrea Iannone che non è andato oltre la terza fila dopo essere rimasto a lungo nelle prime posizioni, sabato da dimenticare invece per Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. Il Dottore di Tavullia ha arrancato nelle retrovie mentre il suo compagno di box si involava verso la pole position, il maiorchino ancora a mezzo servizio dopo l’infortunio al polso sembra un lontano parente del campione che avevamo ammirato fino ad agosto. La sosta invernale gli consentirà di recuperare completamente le forze e presentarsi ai nastri di partenza della prossima stagione in forma smagliante, o almeno è quello che si augurano i vertici della Honda che lo hanno ingaggiato a peso d’oro dando il benservito a Dani Pedrosa, alla sua ultima gara nella classe regina prima del ritiro definitivo dalle corse. Le qualifiche si sono disputate su pista asciutta, ma le previsioni meteo non lasciano scampo: ci attende quasi sicuramente una gara bagnata, speriamo che la pioggia non infierisca più di tanto e non comprometta il regolare svolgimento della corsa, anche se la pista di Valencia ha dimostrato di drenare l’acqua in maniera molto più efficiente rispetto all’impianto di Silverstone, dove è bastato un banalissimo temporale (per quanto violento) a far annullare un evento di portata globale come il Gran Premio di un motomondiale, non una partitella serale tra dopolavoristi.

DIRETTA MOTOGP, GP VALENCIA 2018: IL CIRCUITO

Il Gran Premio di Valencia della MotoGp vivrà la sua partenza naturalmente alle ore 14.00 e poi si svilupperà sulla distanza di 27 giri per un totale di 108,1 km, dal momento che ogni giro del breve e tortuoso tracciato valenciano misura appena 4,005 chilometri, caratterizzati da ben quattordici curve, di cui nove a sinistra e cinque a destra. Da notare che fino all’anno scorso i giri in programma erano invece 30: è stato dunque operato un taglio molto significativo, il 10% in meno. Altre informazioni importanti riguardano la larghezza della pista, che è di soli 12 metri, e la lunghezza del rettilineo principale che è di 876 metri. Insomma, una pista che onestamente non è il massimo per i bolidi della MotoGp: corta, stretta e tortuosa, sorpassare non è facile ed infatti non è tra le piste più amate dai centauri protagonisti del Motomondiale. La peculiarità più significativa del Ricardo Tormo è quella di essere una sorta di “stadio”, visto che è un caso rarissimo di circuito dalle cui tribune si può seguire la gara per intero: l’ideale per il tifo (considerato pure che le tribune possono accogliere 150.000 spettatori), che certamente ci regalerà una cornice all’altezza dell’ultimo atto di questo Mondiale, con il tifo inevitabilmente in gran parte per Marc Marquez, ma non è detto che si riesca a vivere un Gran Premio emozionante. Un’altra particolarità è che si gira in senso anti-orario, contrariamente a quello che succede nella maggior parte degli altri circuiti.

LE DOMANDE DELLA DOMENICA

Ognuno dei protagonisti avrà un obiettivo: Marc Marquez vorrà festeggiare il titolo (già in bacheca da oltre un mese) davanti ai propri tifosi; Andrea Dovizioso e Valentino Rossi proveranno a sfatare il tabù di una pista che storicamente ai piloti italiani ha dato sempre ben poche soddisfazioni e invece diverse delusioni, come ad esempio i due Mondiali persi da Rossi nel 2006 e nel 2015; Maverick Vinales proverà a chiudere bene una stagione che la vittoria di Phillip Island da sola non basta per salvare. I due uomini più attesi sono però Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa: il primo torna dopo la lunga assenza per infortunio e saluterà la Ducati, dal momento che l’anno prossimo farà coppia con Marquez alla Honda; Dani invece saluta proprio la Hrc e con essa tutto il Motomondiale, tra l’altro tenendo presente che Pedrosa ha vinto ben sette volte al Ricardo Tormo. Per tutti poi nei test di settimana prossima inizierà di fatto già il 2019, ma per adesso è meglio rimanere all’attualità. Per capire chi riuscirà a centrare gli obiettivi che vi abbiamo citato, adesso è giunto il tempo di far parlare l’unico giudice, cioè la pista, quindi mettiamoci comodi: la diretta della gara e del warm-up del Gran Premio della Comunità Valenciana 2018 della MotoGp sul circuito di Valencia sta per cominciare

MOTOGP, LA DIRETTA LIVE DELLA GARA




© RIPRODUZIONE RISERVATA