Pronostico Motogp/ Gran Premio delle Americhe 2018: il punto di Manuel Poggiali (esclusiva)

- int. Manuel Poggiali

Pronostico Motogp: intervista esclusiva a Manuel Poggiali alla viglia del Gran Premio delle Americhe 2018. Marc Marquez sempre favorito sulla pista di Austin. 

dovizioso marquez motogp
Diretta MotoGp: Dovizioso e Marquez - repertorio LaPresse

Terzo appuntamento della stagione della MotoGp col Gran Premio delle Americhe 2018: si correrà questo weekend in Texas nel circuito di Austin. Dopo il Gran Premio di Argentina, pieno di sorprese e polemiche, i riflettori sono tutti su una gara che è diventata una tappa storica del motomondiale. Marc Marquez partirà come favorito principale: questa è la sua gara visto che lo spagnolo non manca la vittoria dal  2013. I suoi rivali principali potrebbero essere Valentino Rossi e Maverick Vinales, i due piloti Yamaha, oltre che Andrea Dovizioso con la sua Ducati, e magari anche lo stesso Cal Crutchlow, vincitore pochi giorni fa a sulla pista del Termas de Rio Hondo. Per presentare il Gran Premio delle Americhe abbiamo sentito l’ex pilota Manuel Poggiali: eccolo in questa intervista esclusiva a ilsussidiario.net.

 Che cosa ti aspetti da questo Gran Premio delle Americhe? Un Gran Premio combattuto molto bello con tante moto, tante piloti pronti a giocarsi il successo, anche il podio di questa gara. Peccato che non ci sia Pedrosa che è infortunato.

Situazione complessa nella MotoGP sarà un Mondiale pieno di sorprese? C’è molta competizione, un Mondiale molto interessante, credo però che la lotta per il titolo si restringerà ai soliti piloti, alle moto favorite, quelle da sempre più forti.

Un giudizio sullo scontro Marquez-Valentino Rossi? No, lasciamo perdere non pensiamo più al Gran Premio d’Argentina, ora c’è Austin concentriamoci su questa gara. 

Credi che sia proprio Marquez il favorito a Austin? Le statistiche dicono che qui Marquez è sempre stato il più forte. Ogni anno però è diverso dal solito, guardiamo avanti quindi e vediamo come andrà il Gran Premio delle Americhe 2018.

Cosa ti aspetti invece dalle Yamaha con Valentino e Vinales? Li vedo come possibili pretendenti al successo finale, potrebbero fare molto bene qui in Texas.

Austin sarà un appuntamento importante per vedere le ambizioni di Dovizioso per il titolo? E’ troppo presto per vedere cosa possa fare Dovizioso, bisognerà aspettare ancora diversi Gran Premi per capire se Dovizioso possa essere da mondiale.

Cosa succede a Lorenzo? Non lo so, non so spiegarmi i suoi risultati che sono al di sotto delle attese, del suo talento. Vedremo cosa succederà in futuro al campione spagnolo.

Suzuki e Aprilia potrebbero essere protagoniste in Texas? Non credo che possano competere con i migliori. La Suzuki in ogni caso ha fatto bene in Argentina con Rins, non ha demeritato in Qatar. Dall’Aprilia come dalla Ktm mi aspettavo qualcosa di più, un salto di qualità questa stagione.

Quale potrà essere il ruolo di Crutchlow nel Mondiale? Crutchlow ha una moto molto buona, potrebbe fare molto bene in questo Mondiale.

Quali sono le caratteristiche del Gran Premio delle Americhe? E’ un circuito proHonda, adatto alla moto giapponese, in cui Marquez partirà da favorito. Sarà il candidato numero uno al successo finale.

Marquez campione, fuoriclasse della MotoGp, c’è un pilota del passato che ricorda? Ogni pilota, ogni campione è unico. Marquez, Valentino Rossi. Mi sembra sbagliato fare paragoni con epoche diverse della MotoGp, di questo sport. Lui resta il più forte attualmente, il campione del mondo, il favorito principale per rivincere il titolo.

 

(Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori