Diretta/ MotoGp Catalogna 2018, gara live: Lorenzo vince di nuovo, Marquez e Rossi sul podio, caduto Dovizioso

- Mauro Mantegazza

Diretta MotoGp gara e warm-up live GP Catalogna 2018 Barcellona Montmelò: cronaca e tempi, podio e vincitore del settimo Gran Premio stagionale (oggi 17 giugno)

mugello motogp gruppo
Streaming MotoGp - LaPresse

Grande delusione per i tifosi italiani con la caduta di Andrea Dovizioso: a 15 giri dalla fine del Gran Premio della Catalogna il forlivese perde il controllo della sua Desmosedici in uscita da curva 5, sdraiandosi nella ghiaia: gara finita per lui e via libera per Lorenzo e Marquez che si contendono il successo, Valentino Rossi approfitta del passo falso del connazionale e sale virtualmente sul terzo gradino del podio anche se resta a distanza siderale dal duetto di testa. Il maiorchino prova a staccare il suo futuro compagno di box in casa Honda e grazie a una gestione impeccabile delle gomme soft Lorenzo tiene a distanza di sicurezza il campione del mondo in carica della MotoGp che decide intelligentemente di accontentarsi del secondo posto e ragionare in ottica mondiale consolidando la leadership nella classifica piloti. Al termine del 24^ e ultimo passaggio sul traguardo Lorenzo trionfa davanti a Marquez e Rossi, Crutchlow ottiene la quarta posizione precedendo Pedrosa, Vinales (solita rimonta nel finale dopo aver perso tanto terreno a inizio gara), Zarco, Petrucci, Bautista, Iannone (tanti errori per il centauro di Vasto che non riusciva proprio a tenere in strada la sua Suzuki), Pol Espargaro, Redding e Abraham. Dei 26 piloti che hanno preso il via, solamente 13 hanno visto la bandiera a scacchi; adesso si fa durissima per Dovizioso, tre ritiri negli ultimi quattro appuntamenti sono davvero pesantissimi per chi punta al titolo. [agg. di Stefano Belli] GP CATALOGNA 2018, DIRETTA LIVE

MARQUEZ E DOVIZIOSO ALL’INSEGUIMENTO DI LORENZO

Il Gran Premio di Catalogna della MotoGp comincia con la grande partenza di Marquez che balza al comando dopo la prima curva, ottimo spunto anche per Iannone che in un colpo solo scavalca le due Ducati di Lorenzo e Dovizioso, il centauro di Vasto in seguito perderà parecchio terreno per colpa di un paio di errori che lo faranno precipitare in settima posizione. Sfruttando i cavalli del Desmosedici, Lorenzo svernicia Marquez alla fine del lunghissimo rettilineo principale e si riprende la leadership, il campione del mondo in carica della classe regina ha montato la gomma hard sia all’anteriore che al posteriore, che gli dovrebbe garantire un po’ più di prestazione nella seconda parte della gara, quando le soft andranno invece in sofferenza. Tante cadute nelle prime tornate: Kallio, Guintoli, Luthi e Aleix Espargaro assaggiano l’asfalto e si autoeliminano. Il gruppo di testa comincia intanto a sgranarsi con Rossi che perde contatto dal terzetto davanti, il Dottore di Tavullia non sembra avere il ritmo necessario per inserirsi nella bagarre per la vittoria. [agg. di Stefano Belli] 

TUTTI SULLA GRIGLIA DI PARTENZA, VIA!

Ultimi preparativi sulla griglia di partenza dove i piloti si stanno posizionando per il via del Gran Premio di Catalogna, settima gara della MotoGp 2018. Grande attesa per la Ducati, i due piloti del team ufficiale occupano la prima fila con Jorge Lorenzo in pole position e Andrea Dovizioso che scatterà dalla terza casella. A sandwich tra le due Desmosedici il campione del mondo in carica Marc Marquez cercherà di mettere i bastoni tra le ruote alla Casa di Borgo Panigale, alla ricerca di un’altra doppietta dopo quella esaltante del Mugello. Non mancheranno gli outsider che tenteranno il colpaccio, occhio alla seconda fila molto interessante con Vinales, Petrucci e Iannone che daranno battaglia sin dalla prima curva, senza dimenticarci di un certo Valentino Rossi che ci ha abituato negli anni (e nei decenni, si può ormai dire) a rimonte straordinarie al limite del leggendario. Sono previsti 24 giri per un totale di 111 chilometri.  [agg. di Stefano Belli] 

DUCATI GRANDE FAVORITA

La Ducati è la favorita d’obbligo per la vittoria: la pole position di Jorge Lorenzo e il miglior tempo di Andrea Dovizioso nel warm-up mettono la Casa di Borgo Panigale nelle condizioni di poter fare il colpaccio anche al Montmelò, dove tra circa un’ora prenderà il via il Gran Premio di Catalogna, settimo appuntamento della MotoGp 2018. La Desmosedici è in gran forma non solo con il team ufficiale, ma anche con le squadre clienti, come dimostra il secondo posto di Tito Rabat di questa mattina, e la presenza costante nella top 10 di Danilo Petrucci (che l’anno prossimo sarà il compagno di Dovizioso). Dopo il tris di Marquez tra Texas, Jerez e Le Mans, la Honda sembra aver perso quel margine che le consentiva di primeggiare anche con Crutchlow in Argentina, a ennesima conferma dell’ottimo lavoro compiuto dai tecnici e dagli ingegneri della Ducati, è anche grazie a loro se Dovizioso lo scorso anno ha conteso il titolo a Marquez fino all’ultima gara, e se Lorenzo da un paio di gare a questa parte è tornato a esprimersi sugli standard che gli competevano fino al 2016.  [agg. di Stefano Belli] 

MIGLIOR TEMPO PER DOVIZIOSO NEL WARM-UP, SORPRESA RABAT

Andrea Dovizioso (1’39″571) ha realizzato il miglior tempo nel warm-up della MotoGp che è terminato da pochi minuti sul ciruito di Montmelò, dove tra circa 4 ore partirà il Gran Premio della Catalogna valevole per il Motomondiale 2018. Il forlivese ha messo in riga tutti quanti, a cominciare dalla sorpresa della mattinata, Tito Rabat (1’39″653) che ha concluso la sessione in seconda posizione davanti a Valentino Rossi (1’39″656), Marc Marquez (1’39″805), Johann Zarco (1’39″856), Jorge Lorenzo (1’39″865 per il maiorchino che in extremis poteva ulteriormente migliorarsi ma ha dovuto abortire l’ultimo giro per colpa del traffico), Danilo Petrucci (1’39″928 per il ternano che ormai è una costante nella top-10), Andrea Iannone (1’39″956), Jack Miller (1’40″024) e Maverick Vinales (1’40″052 per il coinquilino di Rossi che in questo fine settimana ha sempre girato più piano rispetto al Dottore di Tavullia). [agg. di Stefano Belli] 

ANCORA NESSUNO SOTTO L’1’40”

Sul circuito del Montmelò è in corso il warm-up della MotoGp che precede di poche ore il Gran Premio della Catalogna, settimo appuntamento del Motomondiale 2018. I piloti sono alle prese con la simulazione del passo gara alla ricerca di un ritmo soddisfacente, al momento il miglior tempo è appannaggio di Danilo Petrucci che ha girato in 1’40″094, precedendo Marquez, Zarco, Miller e Lorenzo. In decima posizione troviamo Valentino Rossi che in queste sessioni non si è mai preoccupato più di tanto di fare il tempone, nelle retrovie Andrea Dovizioso che non è ancora riuscito ad assemblare un giro buono. Finora nessuno è riuscito a sfondare il muro dell’1’40” ma è probabile che da qui ai prossimi 10 minuti qualcuno lo farà visto che la pista andrà a gommarsi grazie al continuo passaggio delle 26 moto che prenderanno parte all’evento. [agg. di Stefano Belli] 

VIA AL WARM-UP

Tra una decina di minuti comincerà il warm-up della MotoGp sul circuito di Montmelò, sede del Gran Premio di Catalogna in programma alle ore 14.00. I piloti avranno la possibilità di effettuare le ultime prove con le moto in assetto da gara e potranno ricavarne delle indicazioni molto importanti sia sul comportamento delle gomme che sulle condizioni della pista. Anche per i tecnici, gli addetti ai lavori e i tifosi questa è un’opportunità per capire chi ha tutte le carte in regola per puntare a un grosso risultato o dovrà limitare i danni. Vale la pena ricordare che al mattino le temperature sono decisamente più basse rispetto al primo pomeriggio, con il caldo le soft impiegano meno tempo a raggiungere la massima efficienza ma si rovinano più in fretta, le hard durano sicuramente di più ma hanno bisogno di diversi giri per entrare a pieno regime. La media rappresenterebbe quindi il giusto compromesso ma non sempre si è rivelata la mescola vincente in passato. [agg. di Stefano Belli] 

LE GERARCHIE IN CASA DUCATI

Al momento le gerarchie in casa Ducati sono ben definite, con Andrea Dovizioso prima guida indiscussa e rivale più temibile di Marc Marquez per il titolo iridato. Ma gli ultimi exploit di Jorge Lorenzo, con la vittoria al Mugello e la pole position conquistata ieri al Montmelò, potrebbero cambiare le carte in tavola sebbene il pilota maiorchino nella classifica del mondiale sia lontanissimo dal campione in carica della MotoGp. Di certo se oggi arrivasse un’altra vittoria per Lorenzo diventerebbe poi difficile chiedergli di fare da scudiero a Dovizioso se ce ne fosse bisogno, un po’ come è accaduto lo scorso anno in Malesia. Lo spagnolo ci sta prendendo gusto a togliersi dei sassolini dalla scarpa ed evidentemente ne è rimasto ancora qualcuno dentro, fatto sta che dopo un 2017 da dimenticare finalmente Lorenzo ha preso confidenza con la Desmosedici, proprio in concomitanza con l’annuncio dell’ingaggio da parte di Honda per il 2019. Semplice coincidenza oppure una sortadi sblocco psicologico? [agg. di Stefano Belli] 

PROGRAMMA E ORARI DELLA DOMENICA

La MotoGp sarà in diretta oggi, domenica 17 giugno, con il Gran Premio di Catalogna 2018 sul circuito del Montmelò, settimo appuntamento con il Motomondiale 2018 che fa tappa nei pressi di Barcellona, sul Circuit de Catalunya che è ormai un evento tradizionale per tifosi e appassionati in una regione che è fra le più calde, competenti e appassionate al mondo per il motociclismo. L’appuntamento principale della domenica è naturalmente quello con la partenza della gara della MotoGp: i semafori si spegneranno alle ore 14.00, classico orario dei Gran Premi della classe regina, quando prenderà il via la corsa sulla distanza di 24 giri per un totale di 111,0 km, dal momento che ogni giro dell’autodromo catalano misura 4,655 chilometri con 14 curve, di cui sei a sinistra e otto a destra. Queste sono dunque le caratteristiche essenziali della pista del Montmelò, che è d’altronde una delle più conosciute del calendario iridato sia perché qui si corre fin dal 1992 sia perché spesso è anche sede di test e prove private (clicca qui per la griglia di partenza scaturita dalle qualifiche di ieri al Montmelò).

MOTOGP, LA GARA IN STREAMING VIDEO

La gara del Gran Premio di Catalogna 2018 sul circuito del Montmelò si potrà seguire (compreso il warm-up) su Sky Sport MotoGp HD, il canale numero 208 della piattaforma satellitare Sky e in chiaro in tempo reale per tutti anche su Tv8, essendo uno degli eventi trasmessi appunto subito anche in chiaro. Come sempre il filo conduttore della giornata sarà Paddock Live, la rubrica contenitore che collegherà tutte le varie sessioni delle tre classi. Inoltre, gli abbonati avranno anche l’occasione di seguire le prove in streaming video tramite l’applicazione SkyGo. Per quanto riguarda la tv in chiaro, si potrà seguire la giornata di oggi su Tv8 (numero 8 del telecomando): il Gran Premio di Catalogna, come ampiamente ricordato, è uno di quelli che su Tv8 sarà visibile in tempo reale, dunque sarà possibile vivere tutte le emozioni delle tre gare delle classi del motociclismo dal Montmelò anche per i non abbonati Sky, anche se dal vivo sarebbe ancora meglio. Ricordiamo anche i riferimenti ufficiali del Mondiale su Twitter, l’account @MotoGp, così come la pagina MotoGp su Facebook.

MOTOGP, LE QUALIFICHE E LA POLE POSITION

Il sabato della MotoGp è nel segno di Jorge Lorenzo: il pilota spagnolo della Ducati ha ottenuto la pole position nelle qualifiche, al termine di un duello sul filo dei centesimi con Marc Marquez. La Casa di Borgo Panigale occupa la prima fila, terzo tempo per Andrea Dovizioso che ancora una volta è finito dietro al suo compagno di box, che ha finalmente trovato dopo un anno e mezzo il feeling giusto con la Desmosedici.

MOTOGP, PROVE LIBERE 3: DOVIZIOSO DAVANTI A TUTTI

La Ducati ha dominato anche nelle prove libere, con Andrea Dovizioso che ha fatto segnare il miglior tempo in 1:38.923, precedendo di pochi millesimi Jorge Lorenzo. Alle spalle delle Desmosedici si è posizionata la Yamaha con Maverick Vinales, mentre dai primi dieci manca Marc Marquez che è finito a terra nel momento più importante della sessione, quando tutti i piloti stavano girando con gomma nuova: per questo motivo il campione del mondo in carica è uscito dalla top ten e ha dovuto disputare la Q1 per entrare nella dozzina che si sarebbe poi contesa la pole position nella seconda e ultima manche delle qualifiche. Tra gli altri piloti che hanno ottenuto l’ingresso diretto in Q2, Iannone, Crutchlow, Petrucci, Rossi e Rabat.

MOTOGP, PROVE LIBERE 4: ACUTO DI IANNONE

Nell’ultima mezz’ora di prove libere il più veloce di tutti è stato Andrea Iannone che ha portato in alto la sua Suzuki a tempo praticamente scaduto, con la Ducati che si è confermata in gran forma con i suoi piloti ufficiali, niente male anche Petrucci stabilmente nella top ten. Tito Rabat si conferma tra i primi 10, lo spagnolo è intenzionato a fare bella figura nel gran premio di casa, supportato dal team Avintia e da una Ducati dello scorso anno che rimane comunque validissima.

MOTOGP, Q1: MARQUEZ RISALE SENZA FATICA

Marc Marquez non ha avuto alcun problema a superare il taglio della Q1, del resto se lo spagnolo è rimasto fuori dai primi dieci dopo le prime tre sessioni di prove libere era soltanto per colpa dei suoi errori e non per la scarsa competitività della sua Honda, anche se qui in Catalogna il dominio della casa giapponese è meno netto rispetto ad altre piste dove invece il campione in carica della MotoGp ha fatto quello che voleva. A sorpresa è entrato in Q2 il giapponese Takaaki Nagakami che grazie al suo exploit ha contribuito all’eliminazione di piloti più quotati come Rins (molto deludente fin qui il compagno di box di Iannone), Miller e Aleix Espargaro. Niente da fare per Franco Morbidelli che non ha mai dato la sensazione di poter dire la sua per entrare nella Q2.

MOTOGP, Q2: JORGE LORENZO, POLE POSITION!

Jorge Lorenzo è riuscito a trovare il giro perfetto nel momento in cui gli serviva di più: il maiorchino è riuscito così a mettere in riga il connazionale Marquez (che dal prossimo anno sarà suo compagno di squadra alla Honda) e Andrea Dovizioso, due Ducati in prima fila. Dietro di loro la pattuglia italiana, ben nutrita con Iannone e Petrucci che fanno compagnia a Vinales in seconda fila. Delusione per Valentino Rossi, solamente settimo, per Pedrosa e Crutchlow che si sono dovuti accontentare della quarta fila, per loro si prospetta una domenica davvero difficile e problematica. Rabat completa l’opera conquistando la nona casella sulla griglia di partenza.

GP CATALOGNA 2018 MOTOGP: IL WARM-UP

Ricordiamo che il primo appuntamento motociclistico di questa domenica sarà con il warm-up alle ore 9.40 del mattino, gli ultimi 20 minuti di prove a disposizione dei piloti per mettere a punto le proprie moto, fare le ultime prove su assetti e gomme e verificare eventuali cambiamenti nelle condizioni rispetto al giorno prima, anche se le temperature saranno certamente diverse rispetto alle 14.00. Va detto che ormai non siamo più all’inizio della stagione ed inoltre quest’anno non ci sono stati molti cambi moto tra i piloti di spicco, almeno a livello dei team ufficiali delle Case più prestigiose, che di fatto hanno tutte confermato i propri organici della stagione 2017. In ogni caso, per tutti questa breve sessione può essere utile: tante volte nella sua carriera ad esempio Valentino Rossi ha costruito proprio nel warm-up le sue sportivamente miracolose rinascite in gara, dunque sarà bene prestare attenzione a quello che può succedere già al mattino.

L’ANNO SCORSO

Sotto i riflettori ci saranno sicuramente tutti i piloti spagnoli, molti dei quali sono nativi proprio della Catalogna e dunque vivono in modo speciale il Gran Premio di Barcellona, ancora più “di casa” rispetto agli altri tre che nel corso dell’anno si disputano in Spagna. Va però detto che dodici mesi fa sul Circuit de Catalunya ci fu un vero e proprio trionfo italiano con la vittoria del binomio formato da Andrea Dovizioso e dalla sua Ducati, tra l’altro con una fantastica rimonta in gara partendo da una non eccellente settima piazza sulla griglia di partenza. Alla domenica però nessuno riuscì a reggere il passo del Dovi, che vinse con ben tre secondi e mezzo di vantaggio su Marc Marquez, sul podio insieme all’altra Honda ufficiale du. Dani Pedrosa, mentre Jorge Lorenzo dovette accontentarsi del quarto posto a quasi 10” dal compagno di squadra. Per la Yamaha invece quella corsa fu l’annuncio di una seconda parte di stagione decisamente difficile, con Valentino Rossi che non andò oltre l’ottavo posto e Maverick Vinales addirittura decimo. Così andò un anno fa: cosa succederà invece oggi? Per saperlo, adesso è giunto il tempo di far parlare l’unico giudice, cioè la pista del circuito catalano, quindi mettiamoci comodi: la diretta della gara e del warm-up del Gran Premio di Catalogna 2018 della MotoGp sul circuito di Barcellona Montmelò sta per cominciare



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori