PAGELLE/ Napoli-Palermo (1-0): i voti, la cronaca e il tabellino (quindicesima giornata)

- La Redazione

Napoli-Palermo è finita con il botto. Il finale a sorpresa, hollywoodiano, si sa che tanto piace al presidente De Laurentiis

hamsik_maggio_R400_4ott10
Hmsik, foto Ansa

Napoli-Palermo è finita con il botto. Il finale a sorpresa, hollywoodiano, si sa che tanto piace al presidente De Laurentiis, ma a vederlo esultare in tribuna, come un ragazzino soffocato dagli abbracci di un San Paolo impazzito pare di capire che non ci sperasse davvero più nemmeno lui. E invece il gol vittoria è arrivato. All’ultimo respiro quando mancavano una manciata di secondi allo scadere anche dell’extratime concesso al recupero per una sostituzione “tattica” di Delio Rossi rivelatasi la peggiore delle idee possibili. Il Napoli vince e il ciuchino vola alto… dove vuole arrivare?

Meglio il Napoli in avvio, più aggressivo e convinto. Il Palermo invece soffre l’assenza in cabina di regia di Bacinovic e fatica a fare gioco. E così quello che doveva essere il confronto tra due attacchi talentuosi e stellari si sta risolvendo con poche vere emozioni e molta fatica oltre la tre quarti di campo. La prima occasione è per Maggio, servito sul lato destro dell’area di rigore da Hamsik. L’esterno calcia di potenza, ma Sirigu si oppone alla grande. I partenopei continuano a spingere, ma i rosanero non concedono clamorose occasioni da gol. La squadra di Delio Rossi non riesce quasi mai a ripartire, complice la scarsa vena di Pastore e Ilicic e la mancanza di un vero e proprio regista in campo (Liverani non è in campo e Bacinovic è squalificato). Miccoli è l’unico in avanti a rendersi pericoloso, ma il suo destro dai venti metri sibila a lato della porta di De Sanctis. Sul finire di primo tempo, Lavezzi scaglia un gran tiro dal limite che Sirigu neutralizza in corner con ottimo riflesso.

La partita riprende con il Napoli che mostra la maggior voglia di fare al partita e di andare avanti. E Sirigu mostra la voglia di non farli andare proprio da nessuna parte. Prosegue la partita straordinaria del primo tempo del portierone rosanero. Para tutto a tutti quanti, decisivo su Cavani, Maggio e Lavezzi in più di una occasione. Prima dell’epilogo. Al 20′ il portiere del Palermo chiude la saracinesca su Lavezzi smarcato da un colpo di tacco magistrale di Dossena. Inizia la girandola delle sostituzioni. Il Palermo si fa pericoloso con maccarone ma Grava anticipa l’attaccante rosanero. E’ però all’ultimo secondo del recupero supplementare concesso per l’ingresso in campo di Pinilla al posto di uno spento Ilicic che il Napoli passa. Gran palla per Cavani che scatta sul filo (forse oltre) del fuorigioco e assist al bacio per Maggio lasciato solissimo che in scivolata con una certa fortuna mette il pallone in rete. Palermo ridimensionato, e Napoli in cielo. Il campionato ha un protagonista in più.

 

Napoli-Palermo 1-0 (primo tempo 0-0)

 

MARCATORE: Maggio al ’95

 

NAPOLI (3-4-2-1) De Sanctis; Grava, Cannavaro, Aronica; Maggio, Gargano, Pazienza (dal 33′ s.t. Yebda), Dossena (dal 39′ s.t. Vitale); Hamsik, Lavezzi (dal 27′ s.t. Dumitru ); Cavani. (Iezzo, Santacroce, Cribari, Zuniga). All.: Mazzarri.

 

PALERMO (3-4-2-1) Sirigu; Munoz, Goian, Bovo; Cassani, Migliaccio, Nocerino, Balzaretti; Pastore, Ilicic (dal 48′ s.t. Pinilla); Miccoli (dal 20′ s.t. Maccarone). (Benussi, Garcia, Liverani, Rigoni, Kasami). All.: Rossi.

 

ARBITRO Morganti di Ascoli Piceno

 

NOTE: Ammoniti: Goian, Grava, Aronica, Cassani. Angoli: 14-2. Recupero: 2′ p.t. e 4’s.t.

 

 

PAGELLE

 

NAPOLI (3-4-2-1) De Sanctis 6; Grava 6.5, Cannavaro 6, Aronica 6; Maggio 7, Gargano 6.5, Pazienza 6 (dal 33′ s.t. Yebda sv), Dossena 6.5 (dal 39′ s.t. Vitale sv); Hamsik 5.5, Lavezzi 6.5 (dal 27′ s.t. Dumitru sv); Cavani 6.5.

 

All.: Mazzarri 6.5.

 

 

PALERMO (3-4-2-1) Sirigu 7; Munoz 5.5, Goian 6.5, Bovo 6; Cassani 5.5, Migliaccio 6, Nocerino 5.5, Balzaretti 6; Pastore 5, Ilicic 5.5 (dal 48′ s.t. Pinilla sv); Miccoli 6 (dal 20′ s.t. Maccarone sv).

 

All.: Rossi 5.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori