CALCIOMERCATO/ Napoli, ag. Lavezzi: Mai detto che non si trova bene

- La Redazione

L’agente del Pocho chiarisce tutto. Mai detto che il ragazzo vive male a Napoli. Tranquillo anche Bigon, anche se ci sono dubbi sulla presenza domani sera di Inler e Cavani…

pocho_lavezzi_r400-1
El Pocho Lavezzi (Foto: ANSA)

Il futuro di Ezequiel Lavezzi a Napoli non è in dubbio. Lo ha detto oggi il suo agente Alejandro Mazzoni ai microfoni di Sky, per mettere a tacere la ridda di voci sul conto del Pocho. “Non ho mai detto che Lavezzi non si trova bene a Napoli”, ha spiegato Mazzoni, che ha sottolineato come il suo assistito si senta amato in città. E’ chiaro, naturalmente, che c’è un prezzo da pagare per la notorietà, “perchè non può andare al cinema o fare due passi con il proprio figlio per strada”. Da qui, però, a dire che Lavezzi stia male o si trovi male – ha fatto capire l’agente – ce ne corre. L’attaccante, assicura, “non vuole cambiare squadra”. Certo, Napoli è pericolosa, “ma come può esserlo Roma o Buenos Aires”, conclude Mazzoni, commentando l’episodio dello scippo del Rolex ai danni di Yanina, fidanzata del suo assistito. Anche il ds azzurro Riccardo Bigon si è detto sereno sulla vicenda Lavezzi: “Siamo tranquilli per il suo futuro, il Pocho si trova molto bene qui da noi”. C’è meno tranquillità, in queste ore, per le condizioni di Inler e Cavani, dati in dubbio per il match di domani sera con la Juventus. L’uruguagio ha abbandonato in anticipo l’allenamento odierno. Pare che il Matador sia ancora dolorante per la botta alla gamba destra subìta nell’anticipo di sabato sera con l’Atalanta. Lo svizzero, invece, ha ripreso a lavorare oggi ma per avere la certezza del suo impiego bisognerà attendere la rifinitura di domani mattina. Entrambi figurano tra i convocati, ma ci sarà suspense almeno fino a domani. Di sicuro, se Mazzarri dovesse perderli entrambi, sarebbe una perdita gravissima, visto che parliamo dell’unico mediano con doti di regia della squadra e del finalizzatore massimo. Alla Juve, va ricordato, mancherà Marchisio, altra assenza pesantissima. Insomma, è un big-match che parte un po’ così, con il rischio di vedere troppe assenze eccellenti. Lo spettacolo, quello di certo non mancherà, considerando anche la tradizionale rivalità tra le due compagini, particolarmente sentita a Napoli. Per i partenopei sarà un’occasione d’oro per provare a riavvicinarsi ai quartieri alti della classifica, finora frequentati piuttosto poco, soprattutto a causa degli impegni di Champions. Impegni difficoltosi, stressanti. Ma impagabili per le soddisfazioni che hanno regalato fino a questo momento.

E domani sera l’atmosfera si annuncia molto europea, come attese e come qualità dei giocatori in campo. Meglio per il Napoli, quindi, ma occhio a questa Juve che quest’anno non sbaglia un colpo…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori