NOVARA-NAPOLI/ Probabili formazioni e aggiornamenti alla vigilia della partita (serie A quindicesima giornata)

- La Redazione

Le due squadre scenderanno in campo domani alle ore 20.45. I piemontesi hanno assoluto bisogno di punti e sperano di trovare un Napoli ancora ebbro di gioia per la Champions…

walter_mazzarri_napoli_gesti_r400
Walter Mazzarri (foto ANSA)

Domani, alle ore 20.45, il Novara di Attilio Tesser riceverà un Napoli, presumibilmente, ancora ebbro di gioia dopo l’impresa del Madrigal. Si gioca per la quindicesima giornata; azzurri ancora in notturna, come da molte settimane a questa parte. Servirà tutta la bravura di Walter Mazzarri per gettare acqua sul fuoco ed impedire che i suoi si facciano prendere troppo dall’euforia. L’impresa di Champions è stata indubbiamente straordinaria, ma adesso occorre riprendere la marcia in campionato. Il patron De Laurentiis ha indicato la via: da qui a febbraio, ha detto, bisogna recuperare più punti possibile. Per il match del Silvio Piola, il tecnico azzurro non dovrebbe fare troppo turnover, anche se qualcuno dei titolarissimi verrà comunque tenuto a riposo. In campo dovrebbero andare, quindi, De Sanctis in porta, Campagnaro, Cannavaro ed Aronica in difesa, Maggio e Dossena sugli esterni, e il duo Gargano-Dzemaili a proteggere le spalle ad Hamsik e Pandev (turno di riposo per il Pocho Lavezzi, in panchina). Cavani, come sempre, sarà il terminale offensivo. Zuniga dovrebbe accomodarsi tra le riserve, così come Inler. I piemontesi, che dovranno fare a meno dello squalificato Meggiorini e dell’infortunato Lisuzzo, scenderanno in campo con il modulo a rombo. Questa la probabile formazione, con Ujkani tra i pali, Morganella e Gemiti sulle fasce, Ludi e Centurioni al centro della difesa, a metà campo Marianini, Radovanovic e Rigoni e davanti Pinardi alle spalle di Rubino e Mazzarani, quest’ultimo avanzato nell’inedito ruolo di seconda punta. Anche per il Novara sarà un test molto importante. Mister Tesser non si tocca, come ribadito di recente dalla proprietà, ma è chiaro che occorrono punti e vittorie, se si vuol davvero voltare pagina. Il terzultimo posto in classifica, a meno 4 da Siena e Bologna, non fa di certo dormire sonni tranquilli. I piemontesi si augurano che gli avversari siano esausti dopo l’impresa europea o che magari patiscano un eccesso di euforia. In casa il Novara ha raccolto due vittorie, due pareggi e due sconfitte, segnando 9 reti e subendone 10. E’ un ruolino discreto, non esaltante, che Tesser vorrà sicuramente rimpinguare. Napoli permettendo, naturalmente.

 

 

Novara (4-3-1-2): Ujkani; Morganella, Centurioni, Ludi, Gemiti; Marianini, Radovanovic, Rigoni; Pinardi; Mazzarani, Rubino. All. Tesser

A disp.: Fontana, Dellafiore, Paci, Porcari, Giorgi, Granoche, Jeda.

Squalificati: Meggiorini (1)

Indisponibili: Lisuzzo

 

Napoli (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica; Maggio, Gargano, Dzemaili, Dossena; Hamsik, Pandev; Cavani. All. Mazzarri

A disp.: Rosati, Fernandez, Grava, Zuniga, Inler, Lavezzi, Santana.

Squalificati: nessuno

Indisponibili: Donadel

 

Arbitro: De Marco



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori