CALCIOMERCATO/ Napoli, De Laurentiis: Acquisti? Solo se Mazzarri vuole

- La Redazione

Il patron annuncia i piani per il futuro. Dipenderà tutto da Mazzarri, in pratica: se chiederà lui rinforzi, bene, altrimenti “non andrò ad incrinare il progetto” (parole sue).

aurelio_de_laurentiis_r400
Aurelio De Laurentiis (foto ANSA)

Il Napoli, oggettivamente parlando, avrebbe bisogno di rinforzi. Reggere il doppio fronte campionato-Champions (e da gennaio ci sarà anche la Coppa Italia…) non è impresa facile per nessuno, figuriamoci per una squadra in cui il divario tra titolarissimi e riserve è piuttosto netto. Per star tranquilli, servirebbero almeno un vice-Cavani ed un nuovo centrocampista, specie se Donadel – che oggi ha ripreso ad allenarsi – non dovesse dare sufficienti garanzie fisiche. Ma Aurelio De Laurentiis, intervenuto oggi a Radio Marte, non sembra troppo propenso ad investire. O meglio, lo farà – perchè serve – ma solo dietro richiesta di Walter Mazzarri. “Se il tecnico – ha spiegato – mi chiedesse un giocatore e ci fosse la possibilità di prenderlo entro certi paramentri lo acquisterei”. In caso contrario, ha precisato, non ci sarà di certo lui ad andare a prendere altri calciatori, col rischio di “incrinare il progetto”. Parole che, forse, non saranno troppo gradite dai tifosi, che sognano un Napoli sempre più competitivo. Radiomercato, però, racconta una realtà leggermente diversa. E’ di oggi la notizia del fortissimo interesse degli azzurri per il promettente attaccante Dybala, senza dimenticare le voci sugli uruguagi Piriz e Bueno. Insomma, il ds Bigon ed i suoi collaboratori sono all’opera. Qualcuno potrebbe arrivare già a gennaio, altrimenti si lavorerà in ottica futura, per giugno. Prima della riapertura del mercato, ad ogni modo, ci sono altre due gare, entrambe al San Paolo, contro Roma e Genoa. L’obiettivo degli azzurri, come ha spiegato oggi De Laurentiis, deve essere quello di fare il massimo, cercando di raccogliere sei punti. Il patron freme: vuole che i suoi recuperino al più presto i punti persi strada facendo in campionato. Un obiettivo che è stato messo in subordine rispetto alla Champions; a proposito del sorteggio per gli ottavi, il presidente ha precisato di non avere preferenze particolari. Anche il dg Marco Fassone, intervistato da Sky, ha spronato la squadra a recuperare terreno sul palcoscenico italiano. “Faremo i conti alla fine”, ha detto il dirigente, convinto com’è che questo Napoli possa ancora dire la sua nella lotta scudetto. La Champions League, ha detto, è un’avventura stupenda, ma non bisogna trascurare il campionato.

Anche ieri a Novara si è visto come il Napoli formato italiano sia molto diverso da quello da esportazione. Finora è stato un ‘Ciuccio’ double-face…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori