CALCIOMERCATO/ Napoli, Inler: lo svizzero chiude, l’agente apre, è caos!

- La Redazione

Nella giornata di ieri vanno registrate le interessanti dichiarazioni rilasciate dal centrocampista dell’Udinese Gokhan Inler, nonché dall’agente dello stesso, Dino Lamberti

inler_R375x255_23apr10
Gokhan Inler (Foto: Ansa)

CALCIOMERCATO NAPOLI – Una giornata particolarmente rilevante per il mercato quella di ieri. Meno di 24 ore fa, infatti, hanno rilasciato delle dichiarazioni interessanti Gokhan Inler, centrocampista dell’Udinese, primo obiettivo di mercato del Napoli, e il suo agente, Dino Lamberti. Il tutto in relazione al famoso episodio della “non esultanza” del nazionale svizzera durante il match di domenica sera. Il rossocrociato è stato interpellato dalla redazione di Sky Sport 24: «Ho tanti amici in Svizzera che mi hanno detto di non segnare contro il Napoli – esordisce il bianconero – sono contento per il gol e per l’Udinese. Ho festeggiato il gol negli spogliatoi e dentro di me. E’ stata una grande gioia. Ho ancora cinque partite con l’Udinese e vogliamo restare in alto. Napoli? Non sono del Napoli, il mio cuore batte per l’Udinese. Abbiamo vinto una partita importante contro una grandissima squadra».

Diverse invece le parole rilasciate dall’agente, Dino Lamberti, intervistato da Radio Kiss Kiss: «Gokhan è stato sicuramente uno dei migliori in campo – ha spiegato – Non ha esultato perchè il popolo napoletano gli dà molto calore, ed anche se non è un giocatore del Napoli, avverte che i tifosi lo vorrebbero in azzurro. Anche sulla sua pagina di Facebook molti napoletani gli scrivono. Per il futuro bisogna parlare con l’Udinese, se la società friulana troverà un accordo con De Laurentiis, che si muove sempre in maniera corretta, allora poi potrà parlare con noi».

Di tutt’altro tenore, quindi, le dichiarazioni rilasciate dall’agente, che fanno presagire un’operazione fra le due società all’orizzonte. La trattativa sembra vicina alla conclusione anche se non sono da escludere colpi di scena da qui alla prossima estate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori