CALCIOMERCATO/ Napoli, piacciono Urruti e Varela, El Kaddouri già in partenza?

- La Redazione

Caccia ai gioielli sudamericani in casa Napoli. Piacciono Urruti del Newell’s Old Boys e il talento Jim Varela, uruguagio in forza all’Atletico Penarol. El Kaddouri potrebbe invece lasciare…

riccardo_bigon_aurelio_de_laurentiis
Riccardo Bigon e Aurelio De Laurentiis (Foto: Infophoto)

Non si placa la voglia di Sudamerica del Napoli. Il direttore sportivo dei partenopei Riccardo Bigon, insieme alla sua fitta rete di fidati osservatori, sta visionando da vicino alcuni interessanti calciatori dell’America Latina in vista delle prossime sessioni di trattative. Dopo Bruno Uvini, nella finestra di calciomercato di gennaio la colonia sudamericana del Napoli potrebbe ampliarsi (consta già di Cavani, Fernandez, Campagnaro ed Edu Vargas oltre allo stesso Uvini). L’idea inedita che giunge dall’Argentina è quella riguardante Maximiliano Urruti, astro nascente del Newell’s Old Boys, e considerato uno dei giovani più interessanti del campionato albiceleste. Si tratta di una classica prima punta, tutta potenza, che come caratteristiche fisiche e tecniche ricorda molto da vicino un ex parteonpeo, German Denis. Da Dubai sono già arrivate diverse offerte per il talento argentino, ma il calciatore sogna ben altri lidi e pare ben disposto verso un’esperienza in Europa; più precisamente, pare che il ragazzo sogni di giocare in serie A, ed è per questo che il Napoli, affiancato però da Palermo, Catania, Atalanta e Torino, si sarebbe fatto avanti negli ultimi giorni. La valutazione di Urruti è di circa sette milioni di euro: non pochissimi, ma non è escluso che il presidente De Laurentiis faccia un tentativo il prossimo gennaio. Altro nome molto interessante è quello di Jim Varela. Si tratta di un 17enne centrocampista originario di Montevideo, che milita fra le fila dell’Atletico Penarol. Dotato di grandi mezzi tecnici e di un ottimo senso della posizione, appare più maturo di tanti coetanei e avrebbe attirato le attenzioni, oltre che del Napoli, anche del Bayern Monaco. In patria qualcuno ha azzardato paragoni con Andrea Pirlo, che all’inizio della carriera giocava dietro le punte prima di trovare la sua collocazione perfetta come playmaker basso. Varela può compiere lo stesso percorso? Da valutare: un ruolo come quello del regista davanti alla difesa richiede tanta personalità e visione di gioco, ma le qualità ci sono. Infine, Bigon sta lavorando anche in uscita: le recenti prestazioni negative di Omar El Kaddouri, bocciato due volte in Europa League, hanno aperto alcune valutazioni in società. L’ex trequartista del Brescia è ai margini delle rotazioni di Mazzarri: ne era consapevole quando si è trasferito al San Paolo, ma immaginava ben altre prestazioni in Europa e lo stesso si aspettavano il tecnico e la dirigenza. Ecco perchè il direttore sportivo sta pensando di girarlo in prestito per sei mesi a una società medio-piccola della serie A: qui, El Kaddouri potrebbe giocare titolare e crescere in personalità, per poi fare ritorno a Napoli e giocarsi le sue possibilità. 

Ci sono tante squadre che sarebbero pronte a investire su di lui: il Parma ad esempio ha bisogno di un uomo di qualità che porti rifornimenti alle punte, a Palermo potrebbe giocare dietro Miccoli e in linea con Ilicic o Brienza, mentre a Siena andrebbe a creare una bella coppia d’attacco con Calaiò, agendo da seconda punta o andando a posizionarsi anche qui dietro il bomber. Insomma, le soluzioni ci sono: sta ora a Bigon e Mazzarri valutare il da farsi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori