CALCIOMERCATO/ Napoli, Mazzarri sul vice-Cavani e sul suo futuro: a fine stagione…

- La Redazione

L’allenatore del Napoli, Walter Mazzarri, non si esprime pubblicamente sul vice-Cavani mentre sul futuro non chiarisce i dubbi: “A fine stagione ne riparleremo…”.

mazzarri_cavani_napoliR400
Foto: InfoPhoto

Il Napoli torna sconfitto da Bergamo dopo la sfida dell’Atleti Azzurri d’Italia contro i padroni di casa dell’Atalanta. Una capitolazione che arriva anche per via della mancata presenza in campo di Edinson Cavani, out per infortunio. Se contro il Chievo i partenopei erano comunque riusciti a risolvere la pratica, ieri sera tutti gli sforzi di realizzare il gol del pareggio si sono infranti contro un ottimo Consigli e più nel dettaglio sull’incapacità di costruire un gioco alternativo ai lampi del Matador. Anche alla luce di quanto avvenuto ieri sera a Bergamo torna d’attualità la necessità di un vice-Edinson Cavani. In estate la dirigenza ha provato timidamente a cercare un degno sostituto del nazionale uruguagio, poi è stato deciso che la soluzione potesse essere Edu Vargas. Il giovane cileno ex Universidad de Chile, nonostante le chances che gli sono state offerte, non è esploso e per lui la permanenza a Castelvolturno sembra ormai giunta agli sgoccioli. Intervistato ieri in conferenza stampa il tecnico dei partenopei Mazzarri non ha voluto fare polemica: “Se manca un vice-Cavani? Di calciatori non ne parlo mai, le mie considerazioni le esprimo alla società. Vargas? Alleno sempre i calciatori che mi mette a disposizione la squadra”. E’ chiaro però che l’allenatore non è soddisfatto della rosa che ha a disposizione e fra qualche mese, durante il mercato invernale del 2013, bisognerà obbligatoriamente intervenire. Servirà infatti assicurarsi quel famoso attaccante che possa darsi il cambio con Cavani. Non sarà più tempo per esperimenti e talenti, ma bisognerà puntare su giocatori esperti e navigati, che già conoscano la complicata realtà della Serie A. Negli ultimi giorni sono tornati a circolare i nomi di Sergio Floccari e di Rolando Bianchi, ipotesi già sondate in estate; e si parla anche di Beric e Acquafresca (clicca qui per l’intervista esclusiva a Marco Giordano). E’ una situazione spinosa che andrà risolta, così come quella relativa al futuro di Walter Mazzarri: la firma sul contratto non è così scontata, perchè il tecnico toscano non ha intenzione di prendere decisioni prima del tempo e le voci di un suo possibile anno sabbatico lasciano aperta ogni possibilità. in particolare stupisce il fatto che Mazzarri voglia firmare solo contratti annuali, ma questo è quanto ha sempre fatto, per esempio, anche Guardiola con il Barcellona. In merito, l’allenatore del Napoli si è così espresso: 

“Non vedo perché un allenatore non possa legarsi al club un anno alla volta. Sono coerente, ho espresso le mie motivazioni in estate; a fine stagione deciderò cosa fare la prossima stagione”. La sensazione attuale è che Mazzarri resterà ancora in sella ai partenopei, a meno che non arrivi la chiamata di una grande squadra; la Juventus però ha Conte, l’Inter Stramaccioni che salvo controindicazioni sarà confermato, mentre il Milan, solo per restare in Italia, punta forte sullo stesso Guardiola e in ogni caso il profilo dell’allenatore di San Vincenzo non rientra nei piani della dirigenza rossonera. A fine stagione Mazzarri si siederà ad un tavolo e discuterà con De Laurentiis: tutto sembra possibile…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori