PROBABILI FORMAZIONI/ Napoli-Milan: ultime novità (serie A, tredicesima giornata)

- La Redazione

Le probabili formazioni di Napoli-Milan, in campo stasera alle 20.45 per la tredicesima giornata di serie A. Al San Paolo gli azzurri ospitano un ‘Diavolo’ in difficoltà.

lorenzo_insigne_napoli_r400
Lorenzo Insigne (Infophoto)

Anticipo serale di lusso allo stadio ‘San Paolo’, dove si affronteranno il Napoli terzo in classifica e un Milan caduto nuovamente in depressione dopo la sconfitta interna con la Fiorentina. Si gioca alle 20,45, per la tredicesima giornata di campionato: sarà un match importantissimo per entrambe, con gli azzurri che vogliono continuare la loro marcia Champions e il ‘Diavolo’ chiamato a voltare pagina una volta per tutte. L’avvio di stagione dei rossoneri è stato pessimo, e si spera che la visita di Berlusconi in ritiro abbia riportato quantomeno un po’ di serenità nei cuori dei giocatori. Il gruppo Mazzarri, dal canto suo, si augura che i successi contro Dnipro (in Europa League) e Genoa abbiano restituito alla causa il miglior Napoli, dopo un periodo abbastanza grigio. Una cosa è certa: spettacolo ed emozioni non mancheranno, stasera a Fuorigrotta, dove andrà in scena la sfida nella sfida tra i capocannonieri della serie A, Edinson Cavani e Stephan El Shaarawy, che condividono il trono di miglior bomber assieme al romanista Lamela.

“Abbiamo tutto da perdere, ma bisogna andare oltre”, ha spiegato Walter Mazzarri nella conferenza-stampa della vigilia. Il tecnico azzurro, che ha evidenziato il percorso di crescita effettuato dai suoi in questi anni (“Il nostro più grande successo è essere causa di noi stessi”), ha garantito di avere “buone sensazioni” in vista del match di stasera, che potrebbe proiettare definitivamente la squadra ai quartieri alti della classifica. Senza Behrami e Pandev, toccherà a Dzemaili e Insigne dal primo minuto. ‘Lorenzinho’ non è al top fisicamente, ma proverà comunque a stringere i denti e ad aiutare per il meglio l’implacabile Cavani, che lo scorso anno al San Paolo segnò una tripletta ai rossoneri. Per il resto, squadra imperniata sui volti noti: De Sanctis tra i pali, terzetto Campagnaro-Cannavaro-Gamberini in difesa, Maggio e il rientrante Zuniga sugli esterni, Inler in cabina di regia, Hamsik – vecchio sogno proibito del Milan – qualche metro più avanti.

A disposizione i portieri Rosati e Colombo, i difensori Aronica, Grava, Britos e Fernandez, gli esterni Mesto e Dossena, il mediano Donadel, il trequartista El Kaddouri e la punta Vargas. Poche scelte per Mazzarri, che non ha una panchina particolarmente ricca come dovrebbe essere quella di un top club (o aspirante tale).

Due assenti per Mazzarri, costretto a rinunciare allo squalificato Behrami e all’acciaccato Pandev. Mancanze importanti per centrocampo e attacco, non c’è dubbio, anche se non mancano i sostituti. Fuori causa anche Bruno Uvini, che è stato aggregato alla Primavera.

“Dobbiamo migliorare l’atteggiamento mentale, paghiamo troppo spesso con i gol subìti in situazioni inevitabili”, è stato il grido d’allarme di Massimiliano Allegri nel giorno della vigilia. Il tecnico rossonero è parso piuttosto soddisfatto per la visita di Silvio Berlusconi, che è tornato al capezzale di una squadra in evidente difficoltà psicologica. “Credo che la visita del presidente sia stata importante per tutti noi, era da tempo che non veniva a Milanello e l’ho visto in gran forma”, le parole a Milan Channel di Allegri, che ha evidenziato come Berlusconi, con i suoi discorsi, abbia contribuito a rasserenare lo spogliatoio. Queste le probabili scelte del mister: modulo 4-3-3, in porta Abbiati, difesa con De Sciglio a destra, Constant a sinistra e il duo Mexes-Acerbi al centro, Emanuelson, Montolivo e Nocerino a centrocampo, in attacco Bojan ed El Shaarawy ai lati di Pazzini. 

A disposizione i portieri Amelia e Gabriel, i difensori Zapata e Yepes, i centrocampisti De Jong, Boateng e Flamini, le punte Niang, Robinho e Pato. Panchina, come si vede, non nutritissima per via delle tante assenze, ma comunque munita di buone soluzioni da utilizzare a partita in corso, a cominciare da gente come Boateng e Pato, ai quali si chiede un contributo più importante di quello offerto finora.

Un piccolo esercito di assenti per i rossoneri, costretti a fare a meno di Ambrosini per squalifica e dei vari Abate, Antonini e Bonera per acciacchi fisici, oltre ai ‘soliti’ Muntari, Mesbah, Strasser e Didac Vilà.

 

 

De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Gamberini; Maggio, Inler, Dzemaili, Zuniga; Hamsik; Cavani, Insigne. All.: Mazzarri

A disp.: Rosati, Colombo, Aronica, Grava, Britos, Fernandez, Mesto, Donadel, Dossena, El Kaddouri, E. Vargas.

Squalificati: Behrami

Indisponibili: Pandev

Abbiati; De Sciglio, Mexes, Acerbi, Constant; Emanuelson, Montolivo, Nocerino; Bojan, Pazzini, El Shaarawy. All.: Allegri

A disp.: Amelia, Gabriel, Zapata, Yepes, De Jong, Boateng, Flamini, Niang, Robinho, Pato.

Squalificati: Ambrosini

Indisponibili: Mesbah, Strasser, Didac Vilà, Muntari, Antonini, Abate, Bonera

 

Arbitro: Bergonzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori