CALCIOMERCATO/ Napoli, ag. Lavezzi: Presto un saluto ai tifosi

- La Redazione

L’annuncio dell’agente Mazzoni, che ha fatto sapere che presto il suo assistito saluterà i tifosi azzurri. La fumata bianca col Psg non è ancora arrivata, ma sembra questione di giorni…

Lavezzi_Coppa_R400
Ezequiel Lavezzi, ex attaccante del Napoli (Foto Infophoto)

Il calciomercato del Napoli entra nella fase calda, alla ricerca di elementi che possano infoltire la rosa, aumentarne la qualità e magari anche abbassare l’età media. Intanto, però, Ezequiel Lavezzi vuole dire addio ai suoi tifosi. E vuole farlo in maniera più o meno ufficiale, per salutare nella maniera più calorosa possibile quei sostenitori che tanto lo hanno amato in questi anni. Il Pocho lascia un vuoto difficilmente colmabile nell’attacco azzurro. Talmente difficile che il Napoli sta ancora penando sul mercato per garantire a Mazzarri l’uomo in grado di non far rimpiangere il 22 partenopeo. Al suo posto si era ipotizzato un possibile arrivo di Stevan Jovetic, ma la Fiorentina, almeno per ora, non ha voluto saperne. Ci sarebbe sempre l’ipotesi Giovinco, ma la Juventus in questo senso è stata chiara: se la Formica Atomica dovesse lasciare Vinovo, sarà solo per avere in cambio il top player. Dunque, nel caso del Napoli, Cavani, che la società ritiene incedibile, perchè perdere due Tenori in un colpo solo sarebbe troppo. Ecco allora perchè al momento i partenopei non hanno ancora rimpiazzato Lavezzi, o meglio: lo hanno fatto con ben tre giocatori. Mazzarri per ora deve scegliere tra Goran Pandev, riscattato dall’Inter dopo la positiva stagione passata, Edu Vargas, che ancora non ha inciso al San Paolo ma ha grandi qualità e quest’anno dovrebbe trovare più spazio (pur se resta più una prima punta che altro) e il gioiellino di casa, Lorenzo Insigne, rientrato dal prestito a Pescara e ancora incerto sul suo futuro: De Laurentiis lo vuole tenere, ma vuole anche l’assicurazione del suo allenatore che il ragazzo giocherà. Basta questo a farci capire quanto sia amaro l’addio di Lavezzi, che presto parlerà per raccontare la sua verità sull’addio, come annunciato oggi dal suo agente Alejandro Mazzoni. “Lui è molto legato alla città di Napoli”, ha spiegato il rappresentante del Pocho ai microfoni di Radio CRC. Il suo interesse, ha poi aggiunto, è quello di parlare a cuore aperto ai tifosi per fare chiarezza ed esporre i motivi per cui ha preferito andare via. Di sicuro, ci sono di mezzo questioni economiche, dal momento che l’attaccante, ormai una certezza a livello internazionale, sentiva di meritava un trattamento migliore da parte della società. Questo, però, De Laurentiis non lo ha permesso, per cui si è arrivati alla rottura. Il Pocho però ha Napoli nel cuore, e non porebbe che essere così, dopo cinque anni al San Paolo: vuole evitare a tutti i costi una partenza che lo bollerebbe come un traditore o un mercenario, termini forti che poco si addicono all’argentino che ha sempre dato tutto nella sua avventura italiana. Ora è tempo di definire la trattativa con il Paris Saint-Germain, che sarebbe alle battute finali. Lo si dice da un bel po’, in realtà, ma ad oggi la fumata bianca non è ancora arrivata. Mazzoni non sa ancora quando arriverà il fatidico sì, ma ha trovato il tempo per spendere parole di gratitudine verso la società azzurra. “E’ grazie a loro se Lavezzi è diventato un top player”, ha dichiarato il procuratore. Chissà invece quali parole userà l’argentino per congedarsi dai suoi ex tifosi. La piazza partenopea, tutto sommato, sembra aver preso abbastanza bene l’addio. Al momento, comunque, sembra che i tifosi l’abbiano presa bene: hanno capito che la partenza del Pocho, davanti a una grande offerta, era qualcosa di inevitabile, pertanto anche loro non vedono l’ora di dargli l’addio ufficiale e svoltare pagina, partendo da Cavani e Hamsik e da chi arriverà.

I problemi maggiori, come detto li avrà Mazzarri, che potrebbe addirittura pensare di cambiare modulo se non riuscirà a trovare un rimpiazzo adeguato. Dei tre citati sopra, quello che sembra avere le caratteristiche più simili a Lavezzi, anche come “sfrontatezza” sul campo e talento puro, è sicuramente Insigne; ma è ancora un ragazzo, e il salto dall’essere protagonista in serie B ad incidere nella massima categoria non è affatto scontato. Saranno due mesi di grandi decisioni in casa Napoli, intanto il popolo partenopeo prepara i fazzoletti e i cori per l’addio di Lavezzi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori