CALCIOMERCATO/ Napoli, si stringe per Schelotto, sempre viva la pista Behrami

- La Redazione

Il Napoli stringe per arrivare all’esterno d’attacco dell’Atalanta, Ezequiel Schelotto. In settimana l’incontro decisivo per le firme, nell’operazione anche Cigarini

ezequiel_schelotto_r400
Ezequiel Schelotto, 23 anni, ala destra dell'Atalanta (INFOPHOTO)

Entra nel vivo il calciomercato del Napoli. Dopo settimane se non mesi di chiacchiere, indiscrezioni e supposizioni, a breve dovrebbero essere portati a termine i primi colpi effettivi degli azzurri. Ormai, l’addio del Pocho Lavezzi è stato assorbito: ormai è cosa fatta, l’attaccante è sbarcato oggi a Parigi e appena messo piede in aeroporto è stato avvicinato da un fan club personale di stanza nella capitale francese, e si è concesso, seppure dopo qualche riluttanza, ad un’ultima foto con la sciarpa del Napoli al collo. La cessione di Lavezzi, come anticipato, sbloccherà ora il mercato di De Laurentiis e Bigon, che si troveranno nelle casse i 31 milioni di Euro della clausola rescissoria dell’argentino e possono quindi operare in entrata. Il primo nome sulla lista dei desideri è quello di un altro Ezequiel: Schelotto, laterale destro dell’Atalanta, già apparso nei giorni scorsi, precisamente venerdi quando c’è stato un primo incontro tra le due società. Mercoledi ce ne sarà un altro: si discuterà di Schelotto, ma anche di Luca Cigarini, rientrato dal prestito dopo un’ottima stagione all’Atleti Azzurri d’Italia, così buona che Colantuono lo rivorrebbe in formazione. Il centrocampista può rientrare nell’operazione per il Galgo, che Mazzarri ha inserito nei giocatori che vorrebbe al San Paolo: esterno di tantissima corsa e sostanza, buona qualità che gli consente di puntare l’uomo e saltarlo nell’uno contro uno. Resta qualche perplessità circa la sua collocazione in campo, perchè Schelotto è un ottimo attaccante ma forse non è troppo abituato alla fase difensiva: a Bergamo, come anche a Cesena, giocava con un terzino alle spalle, quindi non si occupava troppo di coprire tutta la corsia. A Napoli la difesa prevede tre uomini, e sono quindi i cursori di destra e sinistra che devono andare a scalare. Certo, il Galgo è già stato impiegato in un tridente offensivo, ma lo schema non è previsto da Mazzarri, che è più orientato ai due trequartisti dietro la punta, proprio per lasciare spazio di inserimento sul fondo alle ali. Il tecnico livornese comunque saprà studiare la sistemazione migliore per Schelotto, che a 23 anni sembra aver raggiunto la maturità giusta per approdare in una grande squadra. Ci sarà da affrontare la concorreza di Maggio e Zuniga, due elementi che dovrebbero essere bilndati a Napoli: sicuramente il primo, forse un po’ meno il secondo che però, vista la conferma di Mazzarri, non dovrebbe aver problemi a rimanere. Si va verso un 3-4-3, in modo da dare spazio a Schelotto? Difficile: Hamsik non è un esterno, e in più Inler ha dimostrato di rendere decisamente meglio quando ha due interni di centrocampo che lo proteggono. Insomma, qualche perplessità, che magari l’allenatore del Napoli spazzerà via durante le amichevoli di agosto. Altra operazione che interessa molto ai partenopei è quella che riguarda Valon Behrami, che però la Fiorentina vorrebbe trattenere all’Artemio Franchi. E’ un giocatore che piace molto a Mazzarri visto che può essere schierato in più ruoli, dal terzino basso all’esterno d’attacco…

… e può fare anche il centrocampista centrale. Può essere lui l’uomo giusto per agire al fianco di Inler, andando a ricoprire quel ruolo che a Mazzarri preme tanto (e sui quali si sono fatti tanti nomi, ultimo in ordine cronologico quello di Gary Medelclicca qui per approfondire). Naturalmente ci sarà poi da coprire lo spot di attaccante, lasciato libero da Lavezzi: le opzioni sono due, come già raccontato. Quella già in rosa: Edu Vargas, oppure un nuovo acquisto. La sensazione è che Mazzarri quest’anno concederà spazio all’ex Universidad de Chile, sul quale De Laurentiis ha investito molto e che però non ha ancora trovato molto spazio. Potrebbe essere l’anno della sua definitiva esplosione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori