CALCIOMERCATO/ Napoli, senti Bocchetti: non rifiuterei mai gli azzurri. La Juventus? Che onore!

- La Redazione

Il difensore del Rubin Kazan, Salvatore Bocchetti, ex Genoa, parla dei contatti con il Napoli e la Juventus, risalenti allo scorso mese di agosto: a gennaio il ritorno in Italia è possibile

bocchetti_genoa_napoliR400
Salvatore Bocchetti, 25 anni, difensore del Rubin Kazan, qui ai tempi del Genoa (INFOPHOTO)

Salvatore Bocchetti è uno dei tanti calciatori italiani che hanno lasciato la Serie A per cercare fortuna (e guadagnare tanti soldi) all’estero. L’ex Genoa è sbarcato nel calciomercato di agosto del 2010 in Russia, fra le fila del Rubin Kazan. Il difensore si trova bene nella terra dello Zar ma è chiaro che sogna di tornare prima o poi a giocare nel campionato italiano. E in estate l’operazione ritorno è stata sfiorata. Bocchetti, facente parte della scuderia del procuratore Andrea D’Amico, è stato accostato spesso e volentieri a diverse grandi squadre italiane, fra cui il Napoli. Intervistato dal Corriere dello Sport il difensore ha voluto precisare: «Un’offerta del Napoli non mi è mai arrivata e non è vero che avrei rifiutato di indossare la maglia azzurra. Sono nato a Napoli, da bambino ero tifoso del Napoli e sono andato più volte al San Paolo. Non rifiuterei mai di giocare nel Napoli, sia chiaro». Chiaro quindi il messaggio del partenopeo Bocchetti alla “sua” squadra, che secondo lui potrà giocarsi lo scudetto al pari della Juventus. Il Napoli era in cerca di un difensore centrale da inserire in squadra nell’ottica anche di un cambio generazionale ed aveva individuato proprio in Slavatore Bocchetti un giocatore adatto. Peccato che per una mancata intesa economica con il Rubin Kazan (prossimo avversario dell’Inter in Europa League), alla fine la trattativa di calciomercato saltò e il direttore sportivo Riccardo Bigon decise di puntare sul talento ex San Paolo Bruno Uvini. Non è comunque da escludere che l’idea possa tornare di moda durante il prossimo calciomercato di riparazione, in particolare tenendo conto delle condizioni fisiche preoccupanti di Miguel Angel Britos, che dovrà stare fermo in infermeria ancora per un po’ di tempo. Il ritorno in Italia di Bocchetti potrebbe essere favorito anche dalla scadenza del contratto del difensore, che dal canto suo confessa: «Il mio futuro dipende dalle squadre che mi vorranno e da quanto mi vorranno. Qui sto bene, ma il mio contratto scade nel dicembre 2013». E fra le varie pretendenti all’ex giocatore del Genoa occhio anche alla Juventus. Così come il Napoli anche i campioni d’Italia hanno provato a riportare in Italia il ragazzo quando si temeva che Bonucci potesse…

…essere squalificato per il caso calcioscommesse. E Bocchetti al riguardo ha spiegato: «Essere accostato a un club di livello internazionale come la Juventus è un onore. Mi ha fatto molto piacere leggere che i bianconeri mi volevano». Insomma, pare di capire che se ci sarà da rientrare in patria Slavatore Bocchetti non si tirerà indietro. Il cuore probabilmente direbbe solo Napoli ma ragionevolmente è molto difficile oggi come oggi rifiutare la Juventus. In ogni caso, se il Rubin Kazan vuole ancora puntare su di lui farà bene a rinnovarne il contratto, o sarà facile trovare qualche squadra pronta ad approfittarne.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori