NAPOLI/ Occasione Vargas contro l’Aik Solna: in gioco la maglia azzurra

- La Redazione

Nella sfida di Europa League di domani sera, contro l’Aik, Walter Mazzarri manderà in campo dal primo minuto Eduardo Vargas, “sconosciuto” gioiello cileno

edu_vargas_napoli
Edu Vargas in campo contro l'AIK Solna (INFOPHOTO)

Domani sera, per la sfida di Europa League fra il Napoli e gli svedesi dell’Aik Solna, primo appuntamento europeo stagionale per i partenopei, l’allenatore Walter Mazzarri ha intenzione di effettuare un ampio turnover, vista la modestia degli avversari e la priorità degli obiettivi stagionali degli azzurri, che quest’anno puntano con decisione al campionato. Il mister darà quindi riposo ai titolari indiscussi e nel contempo manderà in campo quei giocatori che hanno trovato poco spazio in questo inizio di stagione. Fra i tanti spiccherà senza dubbio l’oggetto “misterioso” Eduardo Vargas: sarà lui l’osservato speciale nella partita contro gli svedesi. Il nazionale cileno, sbarcato poco meno di un anno fa sotto il Vesuvio proveniente dall’Universidad di Chile battendo la concorrenza di altre grandissime squadre come l’Inter e il Chelsea e presentato come un ottimo talento sudamericano, è stato fino ad ora utilizzato con il contagocce, visto il poco feeling con il campionato italiano. Mazzarri, si sa, è un allenatore che tende ad affidarsi soprattutto ai giocatori d’esperienza e poche volte rischia esperimenti in match importanti. Contro l’Aik Solna, però, il tecnico partenopeo potrà fare affidamento sul ragazzo sudamericano che avrà sulle spalle sicuramente meno pressioni. Dopo la sfida nell’amichevole di agosto contro l’Olympiakos il cileno torna quindi in campo dal primo minuto e al suo fianco vi sarà Lorenzo Insigne, il vero e proprio gioiello della formazione campana. Classe 1989 il sudamericano, classe ’91 l’ex Pescara, i due potrebbero formare di fatto la coppia d’attacco del futuro del Napoli per molti anni a venire, e naturalmente il patron Aurelio De Laurentiis lo spera vivamente. Fino ad oggi Vargas non ha convinto del tutto, avendo avuto anche poche chance, ma può godere di mezzi tecnici sopraffini e di grandi qualità, che non può aver perso in pochi mesi. Tutto l’ambiente azzurro, e non solo, attende quindi qualche segnale positivo dal ragazzo, che altrimenti potrebbe essere ceduto a gennaio durante il prossimo mercato di riparazione. Pagato una decina di milioni di euro, il direttore sportivo Riccardo Bigon potrebbe decidere di girare il talento altrove, con la formula temporanea, per permettergli di crescere e proseguire il processo di maturazione.

Non è da escludere un trasferimento in una media o piccola squadra d’Italia, come ad esempio quel Genoa che spesso e volentieri è stato accostato a Vargas durante lo scorso mercato estivo. La sfida contro l’Aik sarà anche occasione per vedere all’opera un altro talento nuovo del Napoli, quell’El Kaddouri strappato alle altre big e che, come Vargas, partirà dal primo minuto. Il belga-marocchino arriva da Brescia, sulle tracce di un certo Marek Hamsik…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori