PROBABILI FORMAZIONI/ Napoli-Lazio: notizie alla vigilia (serie A, quinta giornata)

- La Redazione

Napoli-Lazio è il big match del mercoledi di serie A: seconda e terza in classifica si affrontano al San Paolo, entrambe vengono da una battuta d’arresto dopo tre vittorie consecutive.

Napoli_Lazio
Un'immagine della partita d'andata (Infophoto)

Napoli-Lazio è la partita di cartello di domani sera: si affrontano seconda e terza in classifica. Il Napoli ha 10 punti e viene dal pareggio a reti bianche sul campo del Catania, in cui non è ruscito a segnare pur giocando in superiorità numerica per 92 minuti; la Lazio ha 9 punti, e domenica sera ha perso la prima gara stagionale in casa, fermata 1-0 dal Genoa nonostante una partita quasi dominata. Arbitra Banti di Livorno, si comincia alle 20:45 allo stadio San Paolo. Vediamo ora le probabili formazioni di Napoli-Lazio alla vigilia della partita. 

E’ il solito Napoli, quello della zona Mazzarri: 3 gol su 8 arrivano nell’ultimo quarto d’ora. Merito di una squadra che non molla mai, che ha un possesso palla di quasi 26 minuti a partita e una supremazia territoriale che supera gli 11 minuti; tantissimi anche gli angoli battuti (quasi 7), questo perché si sfruttano tantissimo gli esterni che spesso e volentieri arrivano sul fondo. Il 50% dei tiri del Napoli (sono 12 a incontro) trovano lo specchio della porta, ci sono 115 giocate utili a incontro che producono due gol esatti a partita: la squadra di Mazzarri gira bene, gioca molti palloni e questo è anche merito di un centrocampo nel quale Behrami e Dzemaili domani sono favoriti per essere la cerniera centrale, lasciando dunque in panchina un Inler che ha bisogno di rifiatare (clicca qui per le pagelle del match precedente). Eterno il ballottaggio Zuniga-Dossena, ma l’importanza della partita fa propendere verso le folate del colombiano in modo da aggredire subito la Lazio. Si dovrebbe poi passare al 3-4-1-2: Pandev affianca Cavani per sfruttare le sue doti realizzative e cercare il gol dell’ex. Ancora fuori Britos: il dubbio è tra Aronica e Gamberini, dovrebbe giocare il primo perché più rodato.

La Lazio ha subito due gol: entrambi nell’ultimo quarto d’ora, uno ininfluente e uno invece decisivo per la prima sconfitta stagionale (clicca qui per le pagelle del match precedente). I biancocelesti con Petkovic sono diventati una squadra che gioca sempre il pallone (591 toccati con 28 minuti di possesso palla), attacca più che difendere, per metà partita ha la supremazia territoriale e tira tantissimo: 16 volte. Di queste conclusioni però solo 5,8 sono in porta: un dato che è stato decisivo contro il Genoa, e rischia di esserlo anche domani sera nonostante tutti i numeri dicano che la Lazio impone il proprio gioco come espressamente richiesto da Petkovic. I gol segnati (7) sono perfettamente distribuiti tra i due tempi e le varie “fasce”: un gol per ogni quarto d’ora, solo l’eccezione del periodo tra il 31′ e il 45′ (due). Per affrontare il Napoli Petkovic adotta lo schema da trasferta: 4-1-4-1, o 4-5-2 che dir si voglia. Ragionevolmente ci sono solo due incognite: dopo il turnover infatti torneranno a giocare i migliori, per esempio Dias che torna al centro con uno tra Ciani e Biava. Sulle fasce Cavanda straconfermato a destra, a sinistra tutto dice Lulic ma attenzione a Scaloni. Il resto è fatto, non ci sono dubbi sul fatto che sarà Klose al centro dell’attacco con Candreva e Mauri sulle fasce. A gara in corso, possibile vedere in campo Ederson e Zarate.

 

De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica; Maggio, Dzemaili, Behrami, Zuniga; Hamsik; Pandev, Cavani. All. Mazzarri

A disp: Rosati, Gamberini, Fernandez, Grava, Mesto, Dossena, Inler, Donadel, El Kaddouri, Insigne, E. Vargas

Squalificati:

Indisponibili: Britos

Marchetti; Cavanda, Biava, Andre Dias, Lulic; Candreva, Gonzalez, Ledesma, Hernanes, Mauri; Klose. All. Petkovic

A disp: Bizzarri, Carrizo, Ciani, Scaloni, Stankevicius, Cana, Onazi, Ederson, Floccari, Zarate, Kozak, Rocchi

Squalificati:

Indisponibili: Konko, Diakite, Radu, Brocchi

 

Arbitro: Banti



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori