PAGELLE/ Napoli-Lazio 3-0 (serie A): i voti della partita (quinta giornata)

- La Redazione

Il Napoli ottiene una larga vittoria nel big-match contro la Lazio (3-0), trascinato dalla tripletta di Edinsn Cavani: ecco le pagelle della partita, con tutti i voti per i protagonisti.

cavani_zampariniR400
Edinson Cavani (Infophoto)

Finisce 3-0 per il Napoli il big match della 5a giornata di serie A. Partenopei vittoriosi grazie ad uno strepitoso Cavani, che segna una tripletta al 20′, 31′ e 64′. Napoli che raggiunge la Juventus in vetta con 9 punti.
al San Paolo la partita è frizzante, piacevole e mai noiosa, eccetto gli ultimi dieci minuti, quando la girandola delle sostituzioni e il punteggio in cassaforte legittimano i giocatori ad abbassare il ritmo. Per gli altri 80 minuti il ritmo, sostanzialmente, lo fa il Napoli, che sfrutta tutte le armi a sua disposizione, abbinando la tecnica alla fisicità. La Lazio, a parte qualche momento, soffre tanto il ritmo dei padroni di casa, e sembra squagliarsi quando viene puntata in velocità. In generale, i primi 45 minuti sono però molto divertenti, perchè gli uomini di Petkovic rispondono spesso alle avanzate di cavani e co., anche se non riescono a rendersi altrettanto pericolosi. Nella ripresa, invece, il 3 a 0 suggella la superiorità partenopea, dopo che gli ospiti avevano abbozzato un timido attacco volto a rientrare in partita. Niente da fare, i cannibali hanno deciso che stasera non ce n’era per nessuno: e così, alla fine, è stato
voglioso di salire in vetta e desideroso di stupire un pubblico caldissimo. Si esalta Cavani, che segna tre gol di potenza e sbaglia un rigore (“chi troppo vuole, nulla stringe”). In generale però gli uomini di Mazzarri sembrano proprio a loro agio, con una difesa solida, un centrocampo molto atletico che fa da raccordo istantaneo con un attacco che fa faville, a prescindere dagli interpreti che lo compongano. Eh si, è proprio un gran Napoli: ad oggi, sembra che il campionato sia roba loro, degli azzurri e dei bianconeri…
bella ma incompleta, la Lazio di Petkovic. A parte la difesa, che si muove disastrosamente sia collettivamente che, soprattutto, a livello di singoli, in generale la squadra capitolina fallisce l’approccio alla gara, non riuscendo da una parte a trovare la chiave di volta per scardinare la difesa avversaria, nè dall’altra a indovinare il modo per arginare lo strapotere fisico di Cavani. Alla fine prende 3 sberle, che potevano essere 4 con il rigore, e la cosa stupisce soprattutto perchè, per quello che si era visto finora, nessuno se lo sarebbe immaginato. 
partita diretta egregiamente, anche grazie alla correttezza in campo, come succede nell’occasione del gol di Klose. Gialli perfetti, forse ne manca uno in avvio su Hernanes, ma viene compensato dopo. Rigore indiscutibile; difficile, anche con le telecamere, valutare la posizione di Cavani in occasione del terzo gol, anche se sembra ci sia fuorigioco.

De Sanctis, 6: effettivamente inoperoso, voto politico all’ordinaria amministrazione
Gamberini, 6.5: esce tra gli applausi, indicativi dell’ottima prova, svolta con serenità e concentrazione
Cannavaro, 6: il più pasticcione tra i tre dietro, spesso non si capisce con i suoi compagni. Ma il lancio per il raddoppio di Cavani è splendido
Campagnaro; 6: il meno impegnato dei tre, si limita ad una partita di contenimento, senza spingere in avanti come solito fare
Maggio, 6.5: sempre presente quando i compagni lo invitano alla galoppata, ma si mangia un gol grosso così alla fine del primo tempo…
Behrami, 7: partita incredibile, una diga Valon, che si rivela acquisto azzeccatissimo, fungendo da polmone infinito del Napoli
Inler, 6.5: fa da metronomo a centrocampo
Hamsik, 7: grande partita, quando c’è da attaccare lo fa con una lucidità ed una classe pazzesca
dal 41′ s.t.: Vargas, s.v.
Zuniga, 7: forma fisica straripante per il colombiano, capacità di dribbling rara, peccato non riesca a segnare
Pandev, 7: grandissimo lavoro del macedone, che si muove tantissimo, anche se stavolta non riesce a segnare
dal 24′ s.t.: Insigne, 7: pochi minuti per fare innamorare. Sfrutta benissimo anche questo stralcio, guadagnandosi un rigore con una giocata da applausi 
Cavani, 8: voto in meno per il rigore sbagliato, segno di un’ingordigia comunque positiva. Il resto, è il solito mostruoso, straripante Cavani
All. Mazzarri, 8: il Napoli gira a meraviglia, ora è una squadra davvero forte, non ci sono più alibi: deve puntare allo scudetto.

Marchetti, 5.5: sul primo gol è spiazzato da una deviazione, sul secondo chiude male la diagonale, nel terzo si fa saltare in modo troppo netto in uscita…poteva fare meglio
Konko, 4: in attacco sbaglia tutto, in difesa fa anche peggio, visto che tiene in gioco Cavani in occasione del secondo gol, e rischia di farlo anche in occasione del terzo
Ciani, 5.5: potenzialità buone, ma è troppo irruento, come dimostra il rigore su Insigne
Dias, 5.5: anche lui è troppo nervoso, e i suoi interventi scomposti generano tante punizioni dal limite che potrebbero ritorcersi contro la sua squadra
Cavanda, 5: la sostituzione è sostanzialmente una bocciatura, visto che non difende nè attacca: sostanzialmente non serviva a nulla…
dal 12′ s.t.: Floccari, 5: non vede una palla
Ledesma, 5.5: sovrastato dal centrocampo avversario, non riesce a stare a galla
dal 32′ s.t.: Cana, s.v.
Candreva, 6: è tra i più propositivi, anche se spesso va a sbattere contro il muro partenopeo
Hernanes, 6: si salva solo grazie alla qualità che gli permette qualche giocata, ma per il resto non si capisce se è lui che tradisca i compagni o, come in effetti sembra, viceversa
Mauri, 5.5: qualche buon inserimento, poco altro
dal 13′ s.t.: Ederson, 6.5: il più frizzante, gioca l’ultima mezzora praticamente da solo
Lulic, 5: inesistente
Klose, 6.5: voto alzato per il gran fair play, altrimenti la sufficienza l’avrebbe solo sfiorata
All. Petkovic, 5.5: cos’è successo a questa Lazio? Solo un caso? Colpa dello strapotere del Napoli? Speriamo che, come spesso accaduto, non sia la solita Lazio che parte a cannone per poi spegnersi lentamente

Giovanni Gazzoli

@giogazzoli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori